I controlli del procedimento autorizzatorio

rsquo;analisi del procedimento autorizzatorio è stata più volte sottolineata la necessità di chiamare in causa l’organismo competente ad effettuare i controlli di cui all’art. 14 della legge n. 36/2001.

L’art. 87 del codice delle comunicazioni elettroniche, infatti, chiede l’intervento di detti organismi per l’emissione del provvedimento autorizzativo, subordinando l’atto all’accertamento della compatibilità del progetto con i valori-soglia stabiliti dallo Stato.

Per ottenere l’accertamento della compatibilità del progetto, il codice delle comunicazioni elettroniche prescrive una serie di adempimenti.

In primo luogo, viene richiesto all’istante di inoltrare insieme alla do... _OMISSIS_ ...ntazione idonea a comprovare il rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità.

Qualora la documentazione prodotta non fosse sufficiente, è previsto il potere-dovere del responsabile del procedimento di richiedere il rilascio di dichiarazioni e l’integrazione della domanda.

Detta documentazione ha lo scopo di agevolare il controllo da parte dell’organismo a ciò preposto.

In questa prospettiva, dunque, si comprende la regola di inoltrare copia dell’istanza e della relativa documentazione all’organismo in questione, il quale deve pronunciarsi entro trenta giorni dalla comunicazione.

Una volta riportate la disciplina che descrive i controlli in materia ... _OMISSIS_ ...e di impianti di telecomunicazione occorre effettuare alcuni chiarimenti.

In primo luogo, si ritiene necessario individuare l’organismo competente ad effettuare i controlli di cui all’art. 14 della legge n. 36/2001.

La norma attribuisce il potere alle amministrazioni provinciali e comunali che utilizzano le strutture delle agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, che qualora non fossero operanti, possono essere sostituite da quelle operanti a livello nazionale.

Appare logico, dunque, dedurre che l’organismo competente ad effettuare i controlli di cui all’art. 14 della legge n. 36/2001 è il sistema agenziale ISPRA-ARPA-APPA [4].

In seconda battuta, occorre soffermarsi sulla fun... _OMISSIS_ ...e emesso dall’organismo in questione.

La giurisprudenza, infatti, ha ritenuto opportuno sottolineare che detto parere «non è necessario ai fini del titolo, né per l’inizio o l’ultimazione dei lavori, ma solo, in via esclusiva, per l’attivazione dell’impianto e del segnale telefonico» [5].

Si deve osservare, però, che la norma richiede, per l’emissione del provvedimento di autorizzazione, il previo accertamento della compatibilità del progetto ai valori-soglia stabiliti dallo Stato.

Come si coordina la regola con l’indirizzo giurisprudenziale che afferma la necessità del parere solo ai fini dell’attivazione dell’impianto? Non si configura un contrasto tra l’int... _OMISSIS_ ...urisprudenziale e il tenore letterale della norma?

Esiste, probabilmente, una forzatura del testo, la quale, però, trova giustificazione guardando le ripercussioni che potrebbe provocare un’interpretazione restrittiva.

L’affermazione appena riportata si comprende analizzando le sentenze che hanno dovuto precisare la necessità che il parere dell’organismo competente ad effettuare i controlli segua e non preceda la presentazione della DIA o dell’istanza [6].

Detto in altre parole, l’obiettivo di questa giurisprudenza consiste nell’impedire alle amministrazioni competenti per il rilascio del titolo autorizzatorio di aggravare gli oneri dell’istante imponendo obblighi diversi dalla semplice pr... _OMISSIS_ ...la DIA o dell’istanza corredata dalla documentazione necessaria ai fini dell’emissione del parere. In questa prospettiva, si vuole evitare che la mancata pronuncia da parte dell’organismo competente ad effettuare i controlli sia pregiudizievole per l’istante. Il codice delle comunicazioni elettroniche, infatti, non prevede alcuna ipotesi di silenzio rifiuto e, pertanto, «dalla mancata ricezione del parere non possono discendere conseguenze reiettive» [7].

In questo modo, prende vita il principio secondo cui in tema di autorizzazione per la costruzione di un impianto di telecomunicazione «il termine per la formazione del silenzio-assenso […] decorre dalla presentazione della domanda corredata dal progetto, e no... _OMISSIS_ ...ne, da parte del Comune, del parere dell’ARPA» [8], dal momento che il deposito di detto parere «non è necessario ai fini del titolo, né per l’inizio o l’ultimazione dei lavori, ma solo, in via esclusiva, per l’attivazione dell’impianto e del segnale telefonico» [9]. Questa previsione serve ad evitare che «i tempi di rilascio del parere […] possano rivolgersi in danno del richiedente» [10]

È opportuno, inoltre, precisare che, una volta ricevuto il parere favorevole circa la conformità del progetto ai limiti di esposizione, ai valori di attenzione e agli obiettivi di qualità, il Comune non può rigettare l’istanza ritenendo l’impianto incompatibile con i valori-soglia, in quanto spet... _OMISSIS_ ...uo;organismo competente ad effettuare i controlli una valutazione di questo tenore [11].

La regola appena menzionata è il frutto del principio introdotto in sede contenziosa da parte dei gestori telefonici in base al quale «l’ottenimento dell’abilitazione alla realizzazione degli impianti conseguirebbe al “semplice” rispetto della sequenza procedimentale» [12].

Detto in altri termini, acquisito il parere dell’organismo addetto ai controlli, «all’amministrazione non sarebbe consentito denegare l’autorizzazione» [13].

Si configura così l’autorizzazione come atto dovuto del Comune a fronte del parere favorevole dell’organismo di cui all’ar... _OMISSIS_ ...ge n. 36/2001 [14], che mal si concilia con l’immagine dei pareri emessi dall’organismo addetto ai controlli come «atti endoprocedimentali non lesivi e non impugnabili» [15].

La non impugnabilità, inoltre, determina l’impossibilità di chiamare in giudizio altre amministrazioni diverse dal soggetto che ha emesso il provvedimento impugnabile [16].

Se l’autorizzazione è un atto dovuto del Comune a fronte del parere ma questo non può essere impugnato in quanto atto endoprocedimentale, cosa accade in caso di assenza del parere? Non è configurabile un vuoto di tutela? È legittimo il provvedimento del Comune che rigetta l’istanza sulla base di valutazioni che spettano all’organismo competente ad effettuar... _OMISSIS_ ...il quale però è rimasto inerte?

Fornire una soluzione a questi problemi non è semplice.

In questa prospettiva, si potrebbe ritenere legittimo il provvedimento di rigetto del Comune che, in caso di inerzia del titolare del potere di effettuare i controlli, attesta l’incompatibilità del progetto ai valori-soglia stabiliti dallo Stato. Non bisogna, però, trascurare il fatto che questa soluzione crea dei problemi qualora l’organismo competente ad effettuare i controlli, a seguito del provvedimento di rigetto del Comune...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9930 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 360 pagine in formato A4

60,00 €