42-bis: l’indennizzo per il pregiudizio patrimoniale

La voce principale dell’indennizzo che deve essere corrisposto al privato in occasione dell’acquisizione coattiva sanante è costituita dal pregiudizio patrimoniale da lui subito. Ai sensi del comma 3 dell’art. 42-bis, tale indennizzo corrisponde normalmente al «valore venale del bene utilizzato per scopi di pubblica utilità»[1].

La soluzione del valore venale si pone in linea di continuità con la consolidata tradizione giurisprudenziale[2]. Per vero, nel vigore del regime dell’espropriazione sostanziale, due degli episodici interventi legislativi che avevano implicitamente avallato l’istituto pretorio erano stati finalizzati a quantificare il risarcimento del danno per le occupazioni già perfezionate in misura notevolm... _OMISSIS_ ...al valore venale.

Dapprima, con la l. 549/1995 il legislatore aveva tentato di estendere alle occupazioni antecedenti al 1992 il regime dell’indennità da espropriazione legittima, ridotto proprio nel 1992 al criterio della semisomma ex l. 2892/1885[3]: tuttavia questa scelta era stata rapidamente censurata dalla Corte costituzionale[4].

Con la l. 662/1996, allora, la completa parificazione all’indennità di esproprio era stata sostituita da una parificazione incrementata del 10% e riferita alle sole occupazioni anteriori al 1996[5]: diversamente dalla precedente, questa scelta veniva inizialmente ritenuta costituzionalmente legittima[6] e confermata dal testo unico[7], dal quale la Corte costituzionale la espungeva soltanto nel 2007... _OMISSIS_ ... delle condanne inflitte all’Italia dalla Corte EDU. In estrema sintesi, quindi, la sanatoria dell’occupazione illegittima ha sempre richiesto la corresponsione del valore venale del bene occupato, con la sola eccezione dei rapporti giuridici anteriori al 1996 ed esauriti tra il 1996 ed il 2007.

È dunque sulla scia di una tradizione decisamente consolidata che il comma 3 dell’art. 42-bis dispone anzitutto l’erogazione del controvalore del fondo.

Sul piano tecnico, la norma eredita quasi letteralmente il comma 6, lett. a), del previgente art. 43[9]. Per vero, l’art. 42-bis riprende dalla normativa previgente anche la clausola di sussidiarietà rispetto ad altre disposizioni di legge. I primi commenti all’art. 4... _OMISSIS_ ...rsquo;inciso alla possibile adozione di leggi ispirate da eccezionali esigenze di finanza pubblica, ricordando però che anche le leggi di questo tipo devono rispettare i principi dettati dalla Consulta[10].

Se è così, però, la clausola appare oggi anacronistica, dal momento che un abbattimento dell’indennizzo, anche se eccezionale, mostrerebbe ben più di un profilo di dubbia costituzionalità: questo anche senza contare che, da un punto di vista tecnico, un’eventuale norma derogatoria prevarrebbe sia per il principio di specialità che per quello cronologico, con la conseguenza che l’inciso, oltre che equivoco, appare oggi del tutto superfluo.

Comunque sia, il nucleo fondamentale dell’indennizzo è costituito dal val... _OMISSIS_ ...bene: l’autorità competente ad adottare il provvedimento acquisitivo è dunque tenuta anzitutto a stimare il valore che il bene avrebbe in una libera contrattazione di mercato.

In passato si è discusso a lungo su quale sia il momento in cui deve essere stimato il bene[11]. La fattispecie considerata infatti, non è puntiforme, coinvolgendo numerosi passaggi giuridici e fattuali, che peraltro si possono articolare diversamente a seconda delle singole figure di patologia espropriativa. Nel corso del tempo, la questione ha avuto risposte diverse ed il contrasto non sembrava del tutto sopito neppure al termine dell’esperienza giuridica dell’art. 43.

Nel vigore dell’espropriazione sostanziale, anzitutto, la giurisprudenza maggio... _OMISSIS_ ...lievo al momento di consumazione del fatto illecito commesso dalla p.a., che si perfezionava con l’irreversibile trasformazione del bene, o con la cessazione dell’occupazione legittima, se successiva[12]: questo momento assumeva dunque importanza, oltre che come dies a quo della prescrizione del diritto al risarcimento[13], anche ai fini della stima del valore venale bene[14] e ciò anche nell’ipotesi di occupazione usurpativa che desse luogo ad una condanna monetaria[15].

Ancora nel vigore dell’art. 43, una parte della giurisprudenza seguiva l’insegnamento della Suprema Corte e dava rilievo al momento dell’irreversibile trasformazione del bene, ovvero a quello della cessazione dell’occupazione legittima, se successiva.... _OMISSIS_ ..., insisteva ancora in questo senso soltanto una parte della giurisprudenza siciliana[16].

Conformemente a quanto avvertito in dottrina[17], invece, l’orientamento maggioritario sia nella giurisprudenza peninsulare[18] che in quella siciliana[19], commisurava il danno risarcibile al valore del bene al momento del provvedimento acquisitivo. Quest’ultima opzione escludeva la necessità della rivalutazione monetaria, da ritenersi invece essenziale se il bene è stimato alla data dell’occupazione illegittima[20].

L’art. 42-bis si innesta dunque in un panorama giurisprudenziale in cui la tesi maggioritaria riteneva già corretto stimare il bene al momento dell’adozione del provvedimento. Tale conclusione appare supportata a... _OMISSIS_ ...non trascurabili differenze tra la nuova disposizione ed il previgente art. 43, a cominciare dall’intervenuta distinzione tra risarcimento ed indennizzo.

Ed invero, da quanto già osservato in precedenza discende che l’indennizzo, diversamente dal risarcimento, non ha come presupposto un danno da atto illecito, bensì un pregiudizio sofferto in corrispondenza di un atto lecito: da un punto di vista concettuale, allora, è evidente che il pregiudizio da indennizzare non può precedere l’adozione del provvedimento, per la semplice ragione che è il provvedimento stesso a cagionare il pregiudizio al privato, cioè la perdita della proprietà del bene con effetto ex nunc.

Se è così, sembrerebbe oggi indubitabile che il ben... _OMISSIS_ ...stimato al momento dell’adozione del provvedimento acquisitivo, o meglio ancora nel corso dell’istruttoria propedeutica a tale provvedimento, come la giurisprudenza più attenta rilevava già nel contesto normativo previgente[21].

Il primo dato da acquisire ai fini della quantificazione dell’indennizzo dovuto al privato è dunque il valore di mercato del bene nel momento di adozione del provvedimento acquisitivo. A questa stima si deve peraltro procedere con alcuni importanti correttivi, in larga parte mutuati dall’art. 43. Come il comma 6, lett. a), di quest’ultima disposizione[22], infatti, il comma 3 dell’art. 42-bis richiama i commi 3, 4, 5, 6 e 7 dell’art. 37 del testo unico[23].

Le prime quattro dispo... _OMISSIS_ ...pano del concetto di edificabilità che viene in rilievo a fini espropriativi[24]: il richiamo del comma 3, in particolare, estende anche alle figure patologiche di occupazione illegittima la limitazione dell’edificabilità alle «possibilità legali ed effettive di edificazione»[25], che è la formula su cui fa leva la giurisprudenza per dare alla c.d. “edificabilità di fatto” una rilevanza meramente suppletiva[26]. I beni illegittimamente occupati, dunque, devono essere stimati come edificabili ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 38759 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 360 pagine in formato A4

60,00 €