La c.d. autorizzazione generale per i servizi di comunicazione elettronica

Secondo l’art. 25 del Codice (ora sostituito dall’art. 11 del Nuovo codice delle comunicazioni elettroniche, ai sensi del D.lgs. n. 207/2021) «la fornitura di reti o di servizi di comunicazione elettronica, fatti salvi gli obblighi specifici di cui all’art. 28, comma 2, o i diritti di uso di cui all’art. 27, è assoggettata ad un’autorizzazione generale, che consegue alla presentazione della dichiarazione di cui al comma 4»: orbene, la fornitura di reti di comunicazione elettronica avviene attraverso un procedimento che si conclude non con una concessione bensì con un provvedimento che prende il nome di «autorizzazione generale» e che permane immutato anche dopo le innovazioni del D.lgs. n. 207/2021.

... _OMISSIS_ ...er un attimo su questo concetto.

Le autorizzazioni generali possono essere classificate in autorizzazioni ad uso pubblico e ad uso privato: appartengono alle prime quelle che riguardano un servizio di comunicazione elettronica fornito dalla società titolare di autorizzazione o licenza, accessibile al pubblico (id est, Phone center, Internet point, Internet Service Provider, Rivendita di traffico telefonico, servizio Fax, servizio telefonico accessibile al pubblico, fornitura di reti pubbliche, servizi satellitari); per «servizio di comunicazione elettronica ad uso privato» si intende invece quello svolto esclusivamente nell’interesse proprio dal titolare della relativa autorizzazione generale o licenza (id est, radioamatori, ponti radio, c.d.... _OMISSIS_ ...in particolare, il quarto comma dell’art. 25 in commento (riportato testualmente anche dall’art. 11, comma 4 del D.lgs. n. 207/2021) prevede che l’impresa interessata all’ottenimento di un’autorizzazione generale presenti al Ministero per le Comunicazioni una dichiarazione «contenente l’intenzione di iniziare la fornitura di reti o servizi di comunicazione elettronica, unitamente alle informazioni strettamente necessarie per consentire al Ministero la tenuta di un registro dei fornitori di reti e di servizi di comunicazione elettronica. Tale dichiarazione costituisce segnalazione certificata di inizio attività» e va inoltrata all’Ispettorato Territoriale di competenza, con la precisazione che tale competenza a ricevere le... _OMISSIS_ ...riguarda esclusivamente quelle che hanno per oggetto l’offerta al pubblico del servizio telefonico (Phone Center) ed il servizio internet (Internet point) ai quali può aggiungersi il servizio fax.

Una volta ottenuta l’autorizzazione generale ad uso pubblico, le imprese «sono tenute all’iscrizione nel registro degli operatori di comunicazione» di cui all’art. 1 della legge n. 249/1997.

Le autorizzazioni generali hanno durata non superiore a venti anni e sono rinnovabili. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, le autorizzazioni possono essere prorogate, nel corso della loro durata, per un periodo non superiore a quindici anni, previa p... _OMISSIS_ ... un dettagliato piano tecnico finanziario da parte degli operatori, la cui congruità viene valutata dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, anche in applicazione dei noti principi comunitari (art. 25, comma 6 del codice del 2003). In realtà, ad oggi la disciplina è leggermente cambiata, in quanto ora si prevede che il termine di durata dell’autorizzazione sia «elevabile alla durata di un diritto d’uso di frequenze radio o risorse di numerazione o posizioni orbitali, nel caso in cui al fine dell’esercizio dell’autorizzazione generale sia previsto tale utilizzo. Entro il termine di scadenza l’autorizzazione generale può essere rinnovata mediante nuova dichiarazione, alle condizioni vigenti». Si prevede inoltre che la s... _OMISSIS_ ...quo;autorizzazione generale coincida con il 31 dicembre dell’ultimo anno di validità e che la stessa possa essere ceduta a terzi, previa comunicazione al Ministero nella quale devono essere indicate le frequenze radio oggetto di cessione: il ministero può opporre un diniego alla cessione qualora sia «fondato sulla non sussistenza in capo all’impresa cessionaria dei requisiti oggettivi e soggettivi per il rispetto delle condizioni di cui all’autorizzazione medesima» (art. 25, comma 8 del codice e, oggi, art. 11, comma 10).


L’AUTORIZZAZIONE GENERALE PER GLI OPERATORI DI RETE.

Ai sensi dell’art. 13 del nuovo T.U.S.M.A.R., come riscritto dal D.lgs. n. 208/2021, «l’attività di operatore di... _OMISSIS_ ...nze terrestri in tecnica digitale, via cavo coassiale o via satellite è oggetto dell’autorizzazione generale, ai sensi dell’art. 11 del Codice delle comunicazioni elettroniche. Il diritto di uso delle radiofrequenze per la diffusione televisiva, per la diffusione sonora in tecnica digitale e per la diffusione sonora in onde medie sono oggetto di distinti provvedimenti disciplinati dall’Autorità (ai sensi dell’art. 3 del nuovo T.U.S.M.A.R., lettera zz), trattasi della «Autorità per le garanzie nelle comunicazioni», N.d.A.) con propri regolamenti». Orbene, assistiamo dunque ad una duplicazione di disciplina: l’autorizzazione generale di cui abbiamo ampiamente parlato nel paragrafo che precede viene estesa (con le opportune modifi... _OMISSIS_ ...agli operatori di rete.

Cosa intendiamo per «operatori di rete»? La risposta è fornita dall’art. 3 del nuovo T.U.S.M.A.R. come introdotto dal D.lgs. n. 208/2021: trattasi del «soggetto titolare del diritto di installazione, esercizio e fornitura di una rete di comunicazione elettronica su frequenze terrestri in tecnica digitale, via cavo o via satellite, e di impianti di messa in onda, multiplazione, distribuzione e diffusione delle risorse frequenziali che consentono la trasmissione dei programmi agli utenti», intendendosi per «programmi» una serie di «immagini animate, sonore o non, escluse le cosiddette gif, che costituiscono un singolo elemento nell’ambito di un palinsesto o di un catalogo stabilito da ... _OMISSIS_ ... servizi di media, comprensivo di lungometraggi, videoclip, manifestazioni sportive, commedie di situazione (sitcom), documentari, programmi per bambini e fiction originali».

L’armonizzazione delle discipline è tanto più chiara se si legge il comma 3 dell’art. 13 in commento: «l’autorizzazione generale di cui al comma 1 (per gli operatori di rete, N.d.A.) ha durata non superiore a venti anni e non inferiore a dieci anni ed è rinnovabile. Il Ministero provvede a uniformare la durata delle autorizzazioni degli operatori di rete rilasciate ai sensi del presente decreto testo unico con quelle rilasciate ai sensi del Codice delle comunicazioni elettroniche»: trattasi per vero di un nuovo compito affidato dalle novelle legisla... _OMISSIS_ ...ro, che dovrà cercare di armonizzare le due autorizzazioni generali, rilasciate rispettivamente ai sensi dell’art. 11 del Codice delle comunicazioni elettroniche e dell’art. 13 del nuovo T.U.S.M.A.R.

Gli operatori di rete possono essere locali o nazionali e ad entrambi si riconoscono i c.d. diritti di uso delle frequenze in ambito regionale ovvero nazionale. I predetti diritti di uso in ambito locale sono già stati oggetto di disposizione normativa con la legge finanziaria per il 2018 e con il P.N.A.F. (Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze) e lo saranno nuovamente con i regolamenti dell’Ag.C.O....


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9807 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 97 pagine in formato A4

20,00 €