Casi in cui non sussiste l'obbligo di pagamento degli oneri concessori per ottenere il titolo edilizio

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> ESONERO

In materia di edilizia il pagamento degli oneri concessori rappresenta la regola, con la conseguenza che si impone un’interpretazione restrittiva delle deroghe, da ritenere, pertanto, quali ipotesi tassativamente previste dalla legge.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> ESONERO --> OPERE PUBBLICHE E DI URBANIZZAZIONE

La ratio dell’esenzione dal contributo di costruzione per le opere pubbliche o di interesse generale, prevista dall'art. 17 del DPR n. 380/2001, è finalizzata, da un lato, ad agevolare l’esecuzione di opere dalle quali la collettività possa trarne utilità, dall’altro, ad evitare che il soggetto che interviene per l’i... _OMISSIS_ ...tuazione del pubblico interesse corrisponda un contributo che verrebbe a gravare, sia pure indirettamente, sulla stessa comunità che dovrebbe avvantaggiarsi dell’opera, atteso che il beneficio dello sgravio si traduce in un abbattimento dei costi a cui corrisponde un minore aggravio di oneri per gli utenti.

L'art. 17, comma 3 del DPR n. 380/2001 richiede due requisiti che devono entrambi concorrere per fondare lo speciale regime di gratuità, l’uno di carattere oggettivo, rappresentato dalle opere pubbliche o di interesse pubblico da cui la collettività possa trarre un utile, ovvero la cui fruizione, in via diretta o indiretta, soddisfi interessi generali, e l’altro di carattere soggettivo, costituito dalla presenza di un ente “istituzio... _OMISSIS_ ...rdquo;, in qualità di soggetto realizzatore delle opere medesime.

La realizzazione di un Interporto, una struttura funzionale a realizzare rilevanti interessi pubblici per la comunità, quali concentrare i flussi di merci e promuovere il trasporto multimodale con particolare riferimento alla modalità ferroviaria (con influssi benefici sull’ambiente), aumentare la competitività e l’efficienza delle imprese di trasporto/logistica e sviluppare reti logistiche nazionali ed internazionali, offrendo servizi migliori al sistema produttivo, è esonerata dal costo di costruzione ai sensi dell'art. 17, comma 3 del DPR n. 380/2001.

L’istituto della concessione di opera pubblica è caratterizzato dal trasferimento, in tutto o in parte, a... _OMISSIS_ ...o delle funzioni oggettivamente pubbliche proprie del concedente e necessarie per la realizzazione dell’opera. Per quanto riguarda l’elemento soggettivo per aversi l'esonero dal costo di costruzione ai sensi dell'art. 17 comma 3 del DPR n. 380/2001 è sufficiente rammentare che esso sussiste per le opere realizzate dai concessionari della P.A., purché si tratti di opere afferenti all’esercizio dell’attività in concessione.

Unica possibilità di esonero dal principio relativo all’onerosità del permesso di costruire di cui all’art. 16 del DPR n. 380/2001 è quella indicata dal successivo art. 17 che individua tra le varie ipotesi anche quella della esistenza di un “interesse generale” (comma 3, lettera c). Tuttavia, p... _OMISSIS_ ...rsquo;esenzione devono concorrere due requisiti: uno di carattere oggettivo, attinente al carattere pubblico o di interesse generale delle opere da realizzare, ed uno di carattere soggettivo, in quanto le opere devono essere eseguite da un ente istituzionalmente competente o da privati che abbiano un legame istituzionale con l’azione dell’Amministrazione volti alla cura di interessi pubblici.

L'opera per la quale si chiede l'esenzione del pagamento degli oneri di urbanizzazione prevista dall'art. 17 del DPR n. 380/2001 deve essere, per le sue oggettive caratteristiche, esclusivamente finalizzata ad un utilizzo a tempo indeterminato dell'intera collettività; ciò in quanto il pagamento degli oneri concessori, essendo finalizzato alla realizzazio... _OMISSIS_ ...di urbanizzazione necessarie al corretto assetto del territorio, costituisce un principio generale dell'ordinamento le cui eccezioni sono di stretta interpretazione.

L’articolo 17, comma 3, lett. c) del D.P.R. n. 380/2001 prevede che il contributo di costruzione non è dovuto per gli impianti, le attrezzature, le opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti istituzionalmente competenti, nonché per le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati, in attuazione di strumenti urbanistici.

La ragione della deroga prevista dalla prima parte dell’art. 9, comma 1, lett. f), l. 28 gennaio 1977 n. 10 è, anzitutto, quella di agevolare l’esecuzione di opere destinate al soddisfacimento di interessi pubblici o dalle qu... _OMISSIS_ ...vità possa comunque trarne una utilità, quando l’esecuzione sia compiuta da un ente istituzionalmente competente tramite un concessionario di opera pubblica, in tal caso venendo giustificata la concessione di un beneficio economico che, non contribuendo alla formazione di un utile d’impresa, si riverbera a vantaggio di tutta la collettività che fruisce dell’opera una volta eseguita.

Ai fini dell’esenzione dal contributo di concessione occorre che l’opera sia pubblica o di interesse pubblico e sia realizzata da un ente pubblico, non competendo, invece, alle opere eseguite da soggetti privati, quale che sia la rilevanza sociale dell’attività da essi esercitata nella o con l’opera edilizia cui la concessione si riferisce.... _OMISSIS_ ... Per l'esenzione dal contributo concessorio occorre che il soggetto realizzatore, quando non sia esso stesso ente pubblico, abbia agito quale organo indiretto dell’amministrazione, come nella concessione o nella delega.

La strumentalità rispetto all’esercizio di un servizio pubblico non è sufficiente ad integrare la nozione di “impianti, attrezzature, opere pubbliche o di interesse generale”, di cui all’art. 9, comma 1, lett. f), della l. n. 10 del 1977 (ora art. 17, comma 3, lett. c), del d.P.R. n. 380 del 2001), in quanto l’esenzione dal pagamento del contributo di costruzione vale per la struttura che realizza o contribuisce con vincolo indissolubile all’erogazione diretta del servizio, come, a titolo meramente esem... _OMISSIS_ ...quo;ipotesi di un impianto tecnico, ma non per un bene la cui strumentalità dipende da scelte discrezionali e, quindi, revocabili, della società, dovendosi dunque concludere che a rilevare non è la destinazione che soggettivamente s’intende dare alla struttura, bensì la sua natura oggettiva: solo laddove l’opera non possa, neppure in astratto, avere una destinazione diversa da quella pubblica si potrà dunque configurare il presupposto per l’esonero dal pagamento del contributo di costruzione.


TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OMESSO PAGAMENTO

Anche in pendenza di un contenzioso ed in carenza di un provvedimento giurisdizionale che ciò autorizzi, la sospensione del pagamento di un’obbliga... _OMISSIS_ ...ere pubblicistico non può essere lasciata alla libera volontà del soggetto privato.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OMESSO PAGAMENTO --> INTERESSI

Il contributo per oneri di urbanizzazione è una obbligazione "portable", come normalmente "portable" sono le obbligazioni nei confronti della p.a., il cui adempimento spetta all'iniziativa esclusiva del debitore alla scadenza stabilita, ai sensi dell'art. 1219 comma 2 n. 3, c.c., per cui il debitore si intende automaticame...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 27833 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo