Reati paesaggistici: fattispecie e sanzioni
TITOLO PAESAGGISTICO --> ABUSI PAESAGGISTICI --> REATI

Il delitto di cui all'art. 480 c.p. è stato riconosciuto sul presupposto dell'illegittimo rilascio dell'autorizzazione paesaggistica, non sussistendone i presupposti di fatto, posto che il manufatto in via di realizzazione era destinato a civile abitazione e prevedeva una volumetria di molto superiore a quella massima consentita nella zona, resa possibile da un'operazione di asservimento di fondi (c.d. cessione di cubatura) illegittima, in quanto coinvolgente altri terreni agricoli non contigui, non ubicati in zona omogenea e provvisti di un indice di fabbricabilità differente.

L'autorizzazione paesaggistica contiene l'attestazione della conformità urbanistica e della compatibilità ambientale delle opere da edificare, esprimendo un giudizio oggettivo, fondato su criteri normativi, con conseguente configurabilità del reato di falso se detto giudizio non è rispondente ai paramet... _OMISSIS_ ...ato.

Integra il reato previsto dall'art. 479 c.p. il rilascio di autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanto attestato dal richiedente circa la sussistenza dei presupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relativa domanda.

Integra il reato di cui all'art. 479 c.p. la falsificazione del provvedimento di autorizzazione paesaggistica, avendo questa la natura di atto pubblico, poiché destinata a comprovare l'attività di esame della documentazione prodotta dal richiedente e ad esprimere la relativa valutazione tecnica del pubblico ufficiale.

Ciò che assume valore rilevante (e dirimente) ai fini della valutazione della sussistenza o meno dell'elemento oggettivo del reato di falso ideologico è la circostanza secondo cui né la relazione tecnica e paesaggistica né la successiva autorizzazione paesaggistica contengono false attestaz... _OMISSIS_ ...si nelle stesse una falsa rappresentazione ovvero descrizione dei fatti, quanto piuttosto un giudizio di compatibilità dell'intervento sotto il profilo paesaggistico e di idoneità rispetto alle prescrizioni del piano ambientale. Ne consegue che non può ritenersi esistente una immutatio veri in relazione alle affermazioni contenute nelle relazioni tecniche allegate alle richieste del permesso di costruire e delle autorizzazioni paesaggistiche, rappresentando, peraltro, le stesse mere valutazioni non aventi alcun contenuto certificativo e non essendo pertanto destinate a provare la verità delle valutazioni in esse contenute.

Il reato di cui all'art. 479 c.p. si configura con il rilascio di una autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanta attestato dal richiedente circa la sussistenza dei presupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relativa domanda, essen... _OMISSIS_ ...te obbligato a svolgere in qualunque modo, e non necessariamente con un sopralluogo, le necessarie preventive verifiche in merito alla sussistenza delle relative condizioni.

Si configura il reato di falso ideologico di cui all'art. 479 c.p. con il rilascio di autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanta attestato dal richiedente circa la sussistenza dei presupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relativa domanda, essendo l'organo competente obbligato a svolgere in qualunque modo, e non necessariamente con un sopralluogo, le necessarie preventive verifiche in merito alla sussistenza delle relative condizioni.

Il reato di cui all'art. 479 c.p. si configura con il rilascio di autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanto attestato dal richiedente circa ... _OMISSIS_ ...resupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relativa domanda, essendo l'organo competente obbligato a svolgere in qualunque modo, e non necessariamente con un sopralluogo, le necessarie preventive verifiche in merito alla sussistenza delle relative condizioni.

Integra il reato previsto dall'art. 479 c.p. (ma anche di quello di cui all'art. 480) il rilascio di autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanto attestato dal richiedente circa la sussistenza dei presupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relativa domanda.

Il reato di cui all'art. 479 cod. pen. si configura con il rilascio di autorizzazione paesaggistica, da parte del responsabile dell'ufficio tecnico competente, nella consapevolezza della falsità di quanto attestato dal richiedente circa la sussistenza dei presupposti giuridico-fattuali per l'accoglimento della relati... _OMISSIS_ ...l'organo competente obbligato a svolgere in qualunque modo, e non necessariamente con un sopralluogo, le necessarie preventive verifiche in merito alla sussistenza delle relative condizioni.

Riguardo agli abusi paesaggistici, il principio di offensività opera in relazione alla attitudine della condotta posta in essere ad arrecare pregiudizio al bene protetto, in quanto la natura di reato di pericolo della violazione non richiede la causazione di un danno e la incidenza della condotta medesima sull'assetto del territorio non viene meno neppure qualora venga attestata, dall'amministrazione competente, la compatibilità paesaggistica dell'intervento eseguito.

Il reato paesaggistico è configurabile anche se la condotta consista nell'esecuzione di interventi senza autorizzazione i cui effetti, per il mero decorso del tempo e senza l'azione dell'uomo, siano venuti meno, restituendo ai luoghi l'originario assetto.

Il reato paesag... _OMISSIS_ ...a con il porre in essere interventi in zone vincolate senza il controllo e la autorizzazione amministrativa indipendentemente dal risultato sulle bellezze naturali, sicché è irrilevante, ai fini dell'integrazione della fattispecie, la mancanza di danno ambientale attestata dalle autorità competenti alla tutela del vincolo.

Il reato paesaggistico, al parti di quello urbanistico, è reato permanente ma la permanenza cessa con l'ultimazione del opere oppure con la sospensione volontaria o ex auctoritate dei lavori, con il sequestro penale o, in mancanza, con la pronuncia della sentenza di primo grado.

I destinatari del precetto di cui al D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 169 vanno individuati non solo nei soggetti proprietari del bene vincolato o negli altri soggetti ad essi equiparabili, ma anche in coloro che, con la propria condotta, anche in concorso con altri, possono materialmente incidere sulla cosa protetta o comunque trasgredire le presc... _OMISSIS_ ...LF|
Il reato di cui all'art. 169 del D.Lgs. n. 42 del 2004, considerata la sua natura, va collocato tra i reati formali di pericolo presunto e si perfeziona con la sola realizzazione degli interventi non autorizzati, indipendentemente dal pregiudizio arrecato al bene tutelato e dal conseguimento della prescritta autorizzazione in un momento successivo all'esecuzione delle opere, sempre che sussista un minimo di idoneità offensiva della condotta tale da incidere sul bene tutelato, nel senso della diminuzione del godimento estetico complessivo.

In caso di reati paesaggistici, la verifica dell'offensività specifica della condotta tenuta è riservata al giudice penale con valutazione ex ante e tale verifica deve essere diretta ad accertare non già se vi sia stato un danno al paesaggio ed all'ambiente, bensì se il tipo di intervento fosse astrattamente idoneo a ledere il bene giuridico tutelato.

Il reato di abusivo intervento ... _OMISSIS_ ...revisto e punito dal D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 169 è reato formale di pericolo presunto, sicché esso è integrato dal compimento dei lavori e delle opere senza il preventivo controllo amministrativo diretto ad evitare possibili pericoli e danni, che si consuma, perciò, anche se la condotta non produce concretamente una lesione del valore storico-artistico della cosa, sempre che non si tratti di interventi che, secondo una valutazione ex ante, siano talmente trascurabili, marginali e minimi da escludere in radice anche il solo pericolo astratto di una lesione dell'interesse protetto e perciò la necessità stessa della preventiva autorizzazione.

TITOLO PAESAGGISTICO --> ABUSI PAESAGGISTICI --> REATI --> ART. 734 C.P.

Ai fini della configurabilità del reato di cui all'art. 734 c.p., distruzione o deturpamento di bellezze naturali, non è sufficiente una qualsiasi alterazione naturalistica del sito in questione, ma è necessario che ... _OMISSIS_ ...erazione incida sulla bellezza naturale, così che si realizzi quantomeno una lesione o anche un semplice turbamento del godimento estetico dei visitatori o utenti, anche potenziali, del luogo.

Per la realizzazione del reato previsto dall'art. 734 c.p. non è necessaria l'irreparabile distruzione o alterazione della bellezza naturale di un determinato luogo soggetto a vincolo paesaggistico, essendo sufficiente che, a causa delle nuove opere edilizie, siano in qualsiasi modo alterate o turbate le visioni di bellezza estetica e panoramica offerte dalla natura.

Il danno cagionato costituisce elemento costitutivo del reato di cui all'art. 734 c.p. e ci&...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 38147 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo