Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato

DEMANIO E PATRIMONIO --> ACQUE --> SERVIZIO IDRICO INTEGRATO --> TARIFFA

La tariffa costituisce il corrispettivo del SII ed è determinata tenendo conto della qualità della risorsa idrica e del servizio fornito, delle opere e degli adeguamenti necessari, dell’entità dei costi di gestione delle aree di salvaguardia, di modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio.

L'ARERA, nell’esplicazione della funzione di regolazione tariffaria del SII è tenuta a stabilire i parametri di determinazione delle tariffe, nel rispetto dei criteri e degli obiettivi stabiliti dalla normativa primaria, statale ed eurounitaria, e di approvare le tariffe del SII predisposte dagli enti di governo degli ATO, n... _OMISSIS_ ... detti parametri, criteri e obiettivi, mentre la stessa non è chiamata a determinarle in via diretta e ordinaria.

Esula dalla sfera dell’autonomia negoziale del grossista e del gestore del servizio idrico integrato il potere di determinare, con un contratto inter partes, la tariffa del servizio di pubblica utilità della vendita all’ingrosso dell’acqua nell’ambito del SII, essendo le relative attribuzioni assegnate ai soggetti contemplati dalla disciplina primaria, secondaria e regolatoria.

La determinazione del valore del prezzo della fornitura dell’acqua all’ingrosso nell’ambito del SII, con un atto transattivo di pretta natura privatistica, stipulato tra impresa fornitrice e gestore nell’esclusiv... _OMISSIS_ ...nomico-imprenditoriale degli stessi contraenti, senza minimamente tener conto degli obiettivi e dei criteri, di valenza supra-individuale, collettiva e pubblicistica, cui ai sensi della disciplina primaria, secondaria e regolatoria dell'ARERA devono essere improntate le determinazioni tariffarie nel settore del SII (tra cui, in particolare, la qualità della risorsa idrica e del servizio fornito, la realizzazione degli obiettivi generali di carattere sociale, di tutela ambientale e di uso efficiente delle risorse, e l’efficientamento dei costi attraverso il metodo del price-cap), si pone in insanabile contrasto con la suddetta disciplina normativa e regolamentare e con i correlativi obiettivi e criteri, appunto funzionali al soddisfacimento di una serie di interessi di ... _OMISSIS_ ...stico sottratti alla disponibilità delle parti.

La configurazione bipartita della tariffa idrica, tipica della somministrazione del "minimo garantito", presuppone una parte fissa (comprendente i costi per la produzione e per la erogazione del servizio) e una parte variabile (commisurata alla effettiva quantità di acqua consumata dall'utente.

Il canone idrico annuale calcolato in maniera uguale per tutte le utenze e prescindendo dal consumo della singola utenza non corrisponde al c.d."minimo garantito", ma costituisce una censurabile liquidazione forfetaria.

I canoni di disinquinamento risultano non dovuti se manca la prova sul funzionamento dell'impianto di depurazione.

In caso di mancata fruizio... _OMISSIS_ ...ll'utente, del servizio di depurazione delle acque reflue, per fatto a lui non imputabile, è irragionevole, per mancanza della controprestazione, l'imposizione dell'obbligo del pagamento della quota della tariffa del servizio idrico integrato riferita a detto servizio.

La quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è una componente della complessiva tariffa del servizio idrico integrato, configurato come corrispettivo di una prestazione commerciale complessa che, per quanto determinata nel suo ammontare in base alla legge, trova fonte non in un atto autoritativo direttamente incidente sul patrimonio dell'utente, bensì nel contratto di utenza.

La tariffa del servizio idrico integrato, in tutte le sue componenti, si configura come ... _OMISSIS_ ...o di una prestazione commerciale complessa, ricavando come precipitato di questa qualificazione che è il soggetto esercente detto servizio, il quale pretenda il pagamento anche degli oneri relativi al servizio di depurazione delle acque reflue domestiche, ad essere tenuto a dimostrare l'esistenza di un impianto di depurazione funzionante nel periodo oggetto della fatturazione, in relazione al quale esso pretenda la riscossione.

Il § 2.7 della delibera AEEGSI 347/2012 ed il § 4.7 della delibera AEEGSI 88/2013 prevedono un’alternativa secca: o i dati forniti sono esaurienti e l’Autorità competente è tenuta ad approvare la tariffa proposta, o se le informazioni non sono complete, l’amministrazione procede a determinarla con i criteri u... _OMISSIS_ ...i; ma non è ammessa una possibilità intermedia in cui l’Autorità non approva la tariffa, ma la determina in base a criteri diversi da quello officioso.

Le valutazioni di sufficienza o insufficienza dei dati forniti per stabilire la tariffa del servizio idrico integrato sono espressione dell’ampia discrezionalità tecnica attribuita all’Autorità competete che è sindacabile solo in caso di esiti manifestamente illogici e arbitrari.

In materia di determinazione della tariffa del servizio idrico integrato, la delibera AEEGSI 347/2012 e la delibera AEEGSI 88/2013 prevedono un’alternativa secca: o i dati fornitile dal gestore sono esaurienti, e allora l’Autorità è tenuta ad approvare la tariffa proposta; o i dati stessi es... _OMISSIS_ ...no, e allora l’Autorità procede a determinarla d'ufficio. Non si dà una terza possibilità intermedia, in cui l’Autorità non approva la tariffa, ma la determina essa stessa in base a criteri diversi da quello officioso, quali che essi siano.

Le valutazioni di sufficienza o insufficienza dei dati forniti dai gestori del servizio idrico integrato all'AEEGSI per determinarne la tariffa, effettuate in base alla delibera AEEGSI 347/2012 alla delibera AEEGSI 88/2013, sono espressione dell’ampia discrezionalità tecnica attribuita all’Autorità stessa nelle materie di propria competenza, discrezionalità che, secondo la regola generale, è sindacabile in sede giurisdizionale di legittimità solo in caso di esiti manifestamente illogici e arbitrari.|... _OMISSIS_ ...In forza del combinato disposto di cui agli artt. 149, 151 e 154, D.Lgs. 3.4.2006 n. 152, spetta in via esclusiva all'Autorità d'ambito l'organizzazione del servizio idrico integrato, la determinazione della tariffa, mediante la quale il legislatore ha voluto fissare livelli uniformi di tutela dell'ambiente, ottenendo un equilibrio economico-finanziario della gestione, così da assicurare all'utenza efficienza ed affidabilità del servizio, ed evitare che il concessionario unico abusi della sua posizione dominante.

Spetta in via esclusiva all'Autorità d'ambito la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato, essendo pertanto incompetente il singolo Comune ad assumere determinazioni in materia tariffaria.

È escluso che alla Reg... _OMISSIS_ ...petti un potere di formulazione della proposta tariffaria da inviare all’approvazione dell’AEEGSI, visto che tale potere, viceversa, compete all’ente di governo dell’ambito costituito dagli enti locali ai sensi dell’art. 142, comma 3, del codice dell’ambiente.

Poiché l’art. 27 del d.lgs. n. 285 del 1992 non impone affatto ai gestori del SII l’obbligo di corrispondere in via ordinaria ai comuni un canone concessorio forfettario connesso all’utilizzo del demanio stradale, se i...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 45955 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo