La rideterminazione dei canoni concessori di demanio marittimo ex L. 296/2006

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CANONE --> DEMANIO MARITTIMO --> LEGGE 296/2006

I nuovi criteri normativi introdotti dalla legge n. 296/2006 (finanziaria 2007) per la rideterminazione dei canoni si applicano alle sole concessioni demaniali marittime comprensive di pertinenze demaniali, vale a dire qualora vi sia la presenza di infrastrutture statali al momento dell’inizio del rapporto concessorio, mentre va esclusa l’applicabilità dei nuovi criteri commisurati al valore di mercato alle concessioni non ancora scadute, che prevedano la realizzazione di impianti e di infrastrutture da parte del concessionario, ivi incluse quelle rilasciate prima del 2007.

Con riferimento alla specifica categoria dei... _OMISSIS_ ...ssori aventi a oggetto le strutture dedicate alla nautica da diporto, per un'interpretazione costituzionalmente conforme della disciplina della determinazione del canone di cui all'articolo 3 del decreto legge 5 ottobre 1993, n. 400, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 1993, n. 494, come modificato dai commi 251 e 252 dell’art. 1 della legge finanziaria 2007, occorre considerare in particolare la natura e le caratteristiche dei beni oggetto di concessione, quali erano all’avvio del rapporto concessorio.

Sia la giurisprudenza costituzionale che amministrativa ha escluso che l’applicazione della dell’art.1 co. 251 legge 296/2006 sugli aumenti dei canoni demaniali ai rapporti concessori in corso, e quindi con effetto retr... _OMISSIS_ ...siva dei principi di ragionevolezza e, in particolare, del principio di affidamento dei cittadini nella sicurezza dei rapporti giuridici.

La scelta legislativa di rideterminazione dei canoni demaniali marittimi operata dall’art. 1 co. 251 legge 296/2006 non presenta profili di irragionevolezza trattandosi di una linea di valorizzazione dei beni pubblici che mira a una loro maggiore redditività per lo Stato, vale a dire per la generalità dei cittadini, diminuendo proporzionalmente i vantaggi dei soggetti particolari che assumono la veste di concessionari.

I criteri di calcolo dei canoni commisurati ai valori di mercato, indicati dalla l. n. 296/2006, in quanto riferiti alle opere realizzate sul bene e non solo alla sua superficie, risultano... _OMISSIS_ ...ltanto a quelle che già appartengano allo Stato e che già possiedano la qualità di beni demaniali.

La rideterminazione degli equilibri del rapporto concessorio, a seguito dell’applicazione della normativa introdotta dall’articolo 1, comma 251, l. n. 296/2006, configura una fattispecie rientrante nella giurisdizione del giudice amministrativo.

Sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo in relazione alle controversie nelle quali si contesti l’applicabilità della disciplina legislativa introdotta dalla legge n. 296/2006 alle concessioni demaniali marittime in corso.

E' da escludersi che l’aumento dei canoni, disposto dalla l. n. 296/2006, sia inaspettato, giacché esso si è sostituito ad un precedente... _OMISSIS_ ...tevole entità, non applicato per effetto di successive proroghe, ma rimasto tuttavia in vigore sino ad essere rimosso, a favore di quello vigente, appunto la l. n. 296/2006; né l’incremento può essere considerato frutto di irragionevole arbitrio del legislatore, in quanto si tratta di una linea di valorizzazione dei beni pubblici, che mira ad una loro maggiore redditività per lo Stato, ovvero per la generalità dei cittadini, diminuendo proporzionalmente i vantaggi dei soggetti particolari che assumono la veste di concessionari.

Le disposizioni della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007), che prevedono una rivalutazione dei canoni per le concessioni demaniali marittime non prevedono, né implicano alcuna limitazione in relazione al momento di r... _OMISSIS_ ...oncessione, limitazione che sarebbe, a ben vedere, ingiustificata sia rispetto al fine delle stesse, sia contraria alla parità di trattamento tra i concessionari. Esse quindi hanno incidenza anche sui rapporti in corso, in corrispondenza ad una lettura rispondente al dato testuale e alla finalità di interesse pubblico sottese, tenuto conto dei poteri riconosciuti all'ente proprietario nei confronti dei concessionari, nonché dell'esigenza di trarre dall'uso dei beni pubblici proventi non irrisori, da porre a servizio della collettività.

La rivalutazione ISTAT dei canoni per concessioni demaniali marittime, sia con finalità turistico – ricreative e sia per la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto, stabilita dall’ar... _OMISSIS_ ..., L. 296/2006, va fatta decorrere dal 1° gennaio 1998. Infatti pur non precisando la norma suddetta la data dalla quale decorre la rivalutazione, un utile elemento interpretativo lo offre la constatazione che essa opera in sostituzione dell'art. 3, comma 1, della 1. n. 494/1993, e che l'art. 10, comma 1, della 1. n. 449/1997 ne prevede l'applicazione alle concessioni aventi decorrenza successiva al 31/12/1997.

A seguito della rivalutazione dei canoni per concessioni demaniali marittime operata dai commi 251 e 252 dell’art. 1 della l. n. 296 del 2006, i nuovi criteri di determinazione di essi trovano applicazione anche alle concessioni ancora in corso comprensive di strutture permanenti costituenti pertinenze demaniali marittime destinate ad attività ... _OMISSIS_ ...rziario-direzionali e di produzione di beni e servizi.

L’interpretazione costituzionalmente corretta del comma 251 dell’art. 1 della l. n. 296 del 2006 impone di considerare la natura e le caratteristiche dei beni oggetto di concessione demaniale marittima, escludendo l’applicabilità dei nuovi criteri di calcolo del canone alle concessioni non ancora scadute che prevedano la realizzazione di impianti e di infrastrutture da parte dal concessionario, ivi incluse quelle rilasciate prima del 2007.

Gli aumenti del canone previsti dalla legge n. 296/2006 si applicano anche ai rapporti concessori in corso.

Lo scopo, perseguito dalla legge n. 296/2006, di consentire alla pubblica amministrazione un incremento delle entra... _OMISSIS_ ... i canoni più equilibrati rispetto a quelli pagati a locatori privati è conforme agli artt. 3 e 97 della Costituzione e al principio di libera concorrenza: si tratta di una valorizzazione dei beni pubblici che mira ad una loro maggiore redditività per l'ente proprietario, e quindi per la generalità dei cittadini, diminuendo proporzionalmente i vantaggi dei soggetti particolari che assumono la veste di concessionari (sia nelle concessioni su beni per nautica da diporto, sia in quelle aventi scopo turistico-ricreativo), nella prospettiva di perequare le situazioni degli imprenditori che si avvalgono di beni demaniali e quelle degli imprenditori che sono assoggettati ai prezzi di mercato relativi all'utilizzazione di immobili di proprietà privata, riducendo l'ingiustificata pos... _OMISSIS_ ...ggio di chi possa usufruire di concessioni demaniali rispetto a chi, invece, debba rivolgersi al mercato immobiliare.

L'applicazione dei canoni demaniali secondo la L. n. 296 del 2006 non riguarda solo le concessioni rilasciate o rinnovate a partire dal 1º gennaio 2007: l'art. 1 comma 251 della suddetta legge prevede che i nuovi criteri di quantificazione si applichino a partire da tale data, ma non prevede, né implica, alcuna limitazione in relazione al momento di rilascio della concessione, limitazione che sarebbe, a ben vedere, ingiustificata sia rispetto al fine della norma...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 31091 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo