L'annullamento regionale del titolo edilizio

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> TITOLO EDILIZIO --> ANNULLAMENTO REGIONALE --> COMPETENZA

La competenza ad adottare il provvedimento di annullamento regionale del permesso di costruire (art. 39 D.P.R. 380/2001) è del Dirigente e non del Presidente della Giunta Regionale o della Giunta medesima.

Legittimamente l'annullamento del permesso di costruire da parte della provincia è disposto da un soggetto che ha qualifica di dirigente e non dall'organo politico.

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> TITOLO EDILIZIO --> ANNULLAMENTO REGIONALE --> FINALITÀ

L'annullamento regionale ex art. 39 D.P.R. 380/2001 è volto a ricondurre le amministrazioni comunali al rispetto della normativa urbanistica locale e nazional... _OMISSIS_ ...ercizio del potere di pianificazione del territorio spettante alla Regione.

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> TITOLO EDILIZIO --> ANNULLAMENTO REGIONALE --> L. COST. 3/2011

Il potere previsto dall'art. 39 D.P.R. 380/2001 sussiste anche dopo l'entrata in vigore della l. cost. 3/2001.

La Regione o la Provincia non ha perso il potere di annullamento del titolo edilizio di cui all'art. 39 D.P.R. 380/2001 per effetto dell'entrata in vigore della l. cost. 3/2001.

Il potere di annulllamento regionale (o provinciale, qualora la Regione abbia delegato tale potestà alla Provincia) non è stato superato dall'entrata in vigore della l. cost. 3/2001.

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> TITOLO EDILIZIO --... _OMISSIS_ ...GIONALE --> NATURA

L'esercizio del potere sostitutivo di annullamento regionale delle concessioni di costruzione, a differenza dei poteri di autotutela del comune, non comporta un riesame del precedente operato, ma è finalizzato a ricondurre le amministrazioni comunali al rigoroso rispetto della normativa in materia edilizia, onde l'interesse pubblico all'annullamento è “in re ipsa”.

Il mancato esercizio da parte della Regione del potere di annullamento del titolo edilizio entro il termine previsto dal D.P.R. n. 380 del 2001, art. 39, non fa venir meno la rilevanza del vizio di legittimità da cui è affetto il titolo stesso, in quanto tale annullamento costituisce espressione di una potestà straordinaria, la cui preclusione non imp... _OMISSIS_ ...zio dei poteri di vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia spettanti al Comune nell'ambito del proprio territorio.

Il potere della Regione di annullare i provvedimenti dei comuni (art. 39 D.p.r. n. 380/2001) si differenza del potere di autotutela nella misura in cui colpisce atti adottati da un soggetto diverso dal titolare del potere di annullamento.

L’intervento regionale ex art. 39 D.P.R. 380/2001 è stato considerato espressione del potere generale di annullamento d’ufficio affidato ad un’autorità (Regione) non già sovraordinata, bensì pariordinata al Comune, con cui sono condivise le competenze in materia urbanistica; altre pronunce lo hanno inteso affiancato a quello comunale di autoannullamento ed organico al m... _OMISSIS_ ...tizione concorrente delle competenze, dove quelle regionali sono privilegiate nelle peculiari situazioni in cui debba prevalere la funzionalità del sistema complessivo; altre ancora lo hanno assimilato ai poteri di controllo o di sostituzione o di alta amministrazione.

In un contesto ordinamentale dove, in omaggio al principio di adeguatezza e in conformità al dettato dell’art. 118 Cost., va salvaguardata l’esigenza di assicurare l'esercizio unitario della funzione di governo del territorio, per il tramite dell’ente territoriale (Regione) titolare della potestà legislativa concorrente in materia urbanistico-edilizia, l’intervento caducatorio regionale, pur presentando pregnanti connotati propri dell’eteroannullamento d’uffic... _OMISSIS_ ...e particolare forma di esercizio del generale potere di autotutela decisoria – non è sovrapponibile tout court allo schema tipico dell’annullamento d’ufficio, considerata la peculiare previsione del termine perentorio decennale e l’affrancazione dalla necessità di rivalutare il precedente operato amministrativo.

Il potere di annullamento regionale dei titoli edilizi, per il relativo concorso con la competenza comunale e per la relativa diversità tipologico-funzionale, si configura come un quid alii rispetto al generale annullamento d’ufficio ex art. 21-nonies legge 241/1990, demandato all’autorità comunale; si configura, cioè, a guisa di potestà amministrativa di chiusura del sistema – espressione, quindi, dei principi... _OMISSIS_ ...tà, differenziazione e adeguatezza ex art. 118 Cost. –, riconosciuta alla Regione in materia di governo del territorio, al fine di riportare l’attività amministrativa locale nell’alveo del rigoroso rispetto della normativa urbanistico-edilizia.

Il potere di annullamento regionale dei titoli edilizi non può essere surrogato da quello ontologicamente e teleologicamente diverso, spettante, in via generale, al Comune ai sensi dell’art. 21-nonies legge 241/1990.

Sebbene l'annullamento regionale ex art. 39 D.P.R. 380/2001 sia ricondotto tradizionalmente alla categoria dell’eteroannullamento d’ufficio, deve ritenersi che non sia possibile operare una completa sovrapposizione con lo schema tipico dell’annullamen... _OMISSIS_ ...cio, considerata anche la previsione di un termine perentorio entro il quale tale potere va esercitato, al cui decorso si correla la sua consumazione.

A differenza del potere di autotutela esercitato dai Comuni, il potere di annullamento regionale previsto dall’art. 39 D.P.R. 380/2001 non comporta una nuova valutazione dell’operato precedente, essendo volto a sollecitare le amministrazioni comunali all’osservanza delle prescrizioni edilizie ed urbanistiche.

La formulazione contenuta all'art. 39 D.P.R. 380/2001 nell’attribuire alla Regione il potere di annullamento del permesso di costruire, ha comportato il venir meno del carattere di straordinarietà e di specialità riconosciuto alla fattispecie nel vigore dell’art.... _OMISSIS_ ...1942.

Nella configurazione dell'art. 39 D.P.R. 380/2001 il potere regionale di annullamento del permesso di costruire rilasciato dal comune va ascritto alla concorrente competenza dell’autorità regionale e comunale nella materia dell’urbanistica, dal momento che, nella pianificazione comunale, entrambi gli enti sono cointeressati e compartecipi nella regolamentazione dell’intero territorio comunale.

La normativa statale e regionale può prevedere la possibilità di un intervento della regione - o di un ente da questa delegato - al fine di assicurare l'esercizio unitario delle relative funzioni amministrative, sulla base del principio di adeguatezza (stante la dimensione regionale dell’ordinamento urbanistico-edilizio).
... _OMISSIS_ ...otere di annullamento regionale o provinciale, ove delegato alle Province dalla normativa regionale, attiene ai poteri di vigilanza, controllo e annullamento d’ufficio dei titoli ad edificare illegittimamente assentiti dai Comuni in contrasto alla normativa urbanistico-edilizia, nell’ottica di una conservazione della situazione territoriale esistente, pertanto correttamente esso non è esercitato per ragioni relative alla tutela del paesaggio.

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> TITOLO EDILIZIO --> ANNULLAMENTO REGIONALE --> PRESUPP...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15679 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo