Discrezionalità dell'autotutela amministrativa

PATOLOGIA --> AUTOTUTELA --> NATURA DISCREZIONALE

Non sussiste alcun obbligo per la pubblica amministrazione di pronunciarsi su un'istanza di un privato non essendo coercibile l'attivazione del procedimento di riesame della legittimità di un atto amministrativo.

Il potere di annullamento d’ufficio è un potere discrezionale, conformato dalla necessaria previa disamina delle ragioni di interesse pubblico a sostegno dell’annullamento, dalla imprescindibile considerazione del tempo decorso e dalla valutazione bilanciata dei contrapposti interessi dei destinatari dell’atto e degli eventuali controinteressati.

L'esercizio del potere di autotutela non è coercibile dall'esterno per cui non sussiste alcun obbligo gi... _OMISSIS_ ...vedere sull'istanza di parte finalizzata al riesame di un atto amministrativo.

I provvedimenti di autotutela sono manifestazione dell’esercizio di un potere tipicamente discrezionale dell’amministrazione che non ha alcun obbligo di attivarlo e, qualora intenda farlo, deve valutare la sussistenza o meno di un interesse che giustifichi la rimozione dell’atto, valutazione della quale essa sola è titolare e che non può ritenersi dovuta nel caso di una situazione già definita con provvedimento inoppugnabile.

La richiesta dei privati, rivolta all'amministrazione, di esercizio dell’autotutela, è una denuncia, con mera funzione sollecitatoria, che non fa sorgere in capo all'amministrazione alcun obbligo di provvedere.

... _OMISSIS_ ...i autotutela dell’amministrazione è un potere d'ufficio rispetto al quale non sussiste alcun obbligo di provvedere ma che impone all'amministrazione di concluderlo con un provvedimento espresso.

L'esercizio del potere di autotutela, in tutte le relative forme, costituisce ambito riservato alla discrezionalità dell'amministrativa, azionabile d'ufficio e in merito al quale conseguentemente non sussiste alcun obbligo di provvedere.

In sede di rilascio e rinnovo di concessioni demaniali la pubblica amministrazione dispone di un potere di autotutela ampiamente discrezionale tanto che in presenza di un atto affetto da un vizio di legittimità, può decidere di astenersi del tutto dall'intervenire ovvero scegliere il momento in cui far cessar... _OMISSIS_ ...ermanente procedendo alla rimozione dell'atto allorquando (tenuto anche conto degli interessi contrapposti) ritiene divenuto attuale e concreto l’interesse pubblico per agire in autotutela.

La falsa rappresentazione operata dal privato consente sempre l’annullamento del provvedimento illegittimamente concesso a prescindere dal rispetto delle garanzie procedimentali.

L'esercizio del potere di annullamento d'ufficio costituisce espressione di un potere di merito, che si esercita previa valutazione delle ragioni di pubblico interesse, insindacabile da parte del giudice, con la conseguenza che la richiesta del privato, rivolta all' amministrazione, di esercizio dell'autotutela è una mera denuncia, con funzione sollecitatoria che non fa ... _OMISSIS_ ...igo di provvedere.

L’istanza del privato mirante ad ottenere il riesame da parte della pubblica amministrazione di un atto autoritativo, non tempestivamente impugnato ovvero impugnato con esito negativo, non comporta, di regola, la configurazione di un obbligo di riesame.

I provvedimenti di secondo grado, implicando la valutazione comparativa di interessi pubblici e privati, si connotano per essere, normalmente, espressione di un potere discrezionale che investe non solo contenuto del provvedimento ma anche l’an del provvedere per cui non è sufficiente una semplice istanza affinché sorga l’obbligo dell’amministrazione di adottare un provvedimento di secondo grado.

A fronte di un’istanza di un privato ... _OMISSIS_ ...uò ritenersi obbligato ad attivare i propri poteri di secondo grado volti a rimuovere un provvedimento di demolizione.

Qualora la P.A. abbia annullato d’ufficio un titolo edilizio rilasciato sulla base di dati accertati come falsi in sede penale e l’interessato non abbia impugnato l’autotutela, l’eventuale sentenza penale che assolva il soggetto dall’accusa di falso per insussistenza del fatto non fa sorgere in capo alla P.A. un obbligo giuridico di riesaminare il precedente provvedimento d’annullamento d’ufficio.

L'art. 21 nonies esclude una sovrapponibilità tra illegittimità dell'atto e necessità di una sua rimozione, nel senso che un atto illegittimo non deve essere perciò solo necessariamente annulla... _OMISSIS_ ...RLF|
Nei casi di annullamento d'ufficio la tutela dell’interesse pubblico può eccezionalmente considerarsi slegata dal rispetto della legittimità dell'azione amministrativa.

La richiesta rivolta all'amministrazione di esercizio dell'autotutela non determina l'insorgere di un obbligo di provvedere ma costituisce una mera denuncia con funzione sollecitatoria.

L'istanza del privato tesa ad ottenere il riesame di un atto autoritativo non tempestivamente impugnato non determina un obbligo di riesame in capo all'amministrazione.

Una volta avviato un procedimento di secondo grado volto al riesame di un provvedimento sospettato di invalidità, rientra nella più ampia discrezionalità dell’amministrazione determinar... _OMISSIS_ ... un atto di ritiro ovvero di sanatoria sempreché, in entrambi i casi, siano rispettate le norme ed i principi di riferimento.

La richiesta di autotutela non fa sorgere nell'Amministrazione l’obbligo di provvedere, essendo legata ad una valutazione discrezionale, il che porta ad escludere, anche per esigenze di certezza delle situazioni giuridiche, che l’Amministrazione sia tenuta ad aprire un procedimento e compiere una valutazione di merito al fine di intervenire in autotutela su una propria precedente determinazione, al fine di sostituirla, su istanza degli interessati, con altra avente diverso contenuto.

Il potere di autotutela si esercita discrezionalmente d'ufficio, essendo rimesso alla più ampia valutazione di merito dell'Ammin... _OMISSIS_ ...on su istanza di parte, per cui le eventuali istanze di parte hanno valore di mera sollecitazione e non determinano alcun obbligo giuridico di provvedere.

Il potere di autotutela amministrativa mediante annullamento è un potere di merito dell'amministrazione, incoercibile e insindacabile da parte del giudice amministrativo.

L'art. 21-nonies della legge n. 241 del 1990 ha disciplinato i presupposti e le forme dell'annullamento d'ufficio, ma non ha modificato la natura del potere, e non lo ha trasformato da discrezionale in obbligatorio, né ha previsto un interesse legittimo dei privati all'autotutela amministrativa.

La P.A. non è obbligata a ritirare gli atti illegittimi o inopportuni in quanto tali, ma deve valutare, di volta in v... _OMISSIS_ ... un interesse pubblico alla loro eliminazione, diverso dal semplice ristabilimento della legalità violata.

L'esercizio del potere di autotutela costituisce facoltà ampiamente discrezionale dell'Amministrazione, che non ha alcun dovere giuridico di esercitare detto potere.

In assenza di un'espressa istanza del privato di revoca o di riesame della determinazione precedentemente assunta una volta adottato l’atto, l'Amministrazione non ha alcun obbligo di provvedere d’ufficio su un preteso fatto nuovo.

Il conseguimento - a s...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13201 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo