Carrello
Carrello vuoto



Responsabilità contabile in caso di problemi alla dichiarazione di p.u.


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1876 in formato A4, equivalenti a 3189 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Non può invocarsi, a giustificazione della mancata tempestiva adozione del decreto di esproprio, l'invalidità che sarebbe allo stesso derivata dall'intervenuto annullamento della dichiarazione di pubblica utilità, qualora questo sia stato pronunciato limitatamente ad altre posizioni fatte valere in giudizio, in ragione della natura di atto plurimo del provvedimento dichiarativo della pubblica utilità.

La difficoltà di rilevare l'illegittimità del provvedimento dichiarativo della pubblica utilità, consistente nella mancata indicazione dei termini per il compimento degli espropri, comprovata (nel caso di specie) dal fatto che gli atti deliberativi caratterizzati dalle carenze contestate abbiano passato senza rilievi il vaglio dall'organo di controllo, esclude la colpa grave degli amministratori, rilevante ai fini della responsabilità erariale, stante la mancanza di quei caratteri del comportamento dell'agente ai quali la giurisprudenza riconnette normalmente la sussistenza di tale elemento: negligenza inescusabile, prevedibilità del danno, sprezzante trascuratezza nell'assolvimento dei doveri d'ufficio, violazione di elementari doveri.

Ai fini della responsabilità erariale conseguen... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lamento degli atti del procedimento sussiste colpa grave degli organi politici che abbiano adottato provvedimento dichiarativo di PU mancante dell'apposizione dei termini ex art. 13 L. n. 2359/1865.

Nel caso di occupazione acquisitiva e conseguente risarcimento del danno per effetto dell'annullamento degli atti dichiarativi della pubblica utilità mancanti dell'indicazione dei termini ex art. 13 l. n. 2359/1865, non è ravvisabile colpa grave, rilevante ai fini della responsabilità erariale, degli amministratori che abbiano votato i relativi atti in epoca in cui l'interpretazione giurisprudenziale del quadro normativo, in ordine agli effetti di tale omissione, era connotato da incertezza.

La mancanza iniziale dei termini di pubblica utilità configura la colpa grave dei membri della Giunta municipale che hanno approvato il progetto con tale omissione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI