Carrello
Carrello vuoto



Effetto della dichiarazione di pubblica utilità


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1876 in formato A4, equivalenti a 3189 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PUBBLICA UTILITÀ --> DICHIARAZIONE DI P.U. --> EFFETTO

L'irreversibile trasformazione del fondo con modalità parzialmente diverse da quelle previste con la dichiarazione di pubblica utilità può eventualmente configurare - ove dimostrato - un ingiustificato arricchimento da parte della P.A. a danno del privato.

Nell'ottica del contemperamento dei valori in gioco sottesi alla procedura espropriativa, la dichiarazione di p.u. costituisce la causa giustificatrice del potere ablatorio ed attesta il necessario collegamento tra l'opera dichiarata di pubblica utilità e i beni oggetto di esproprio, in quanto funzionali rispetto alla realizzazione dell'opera. Tale collegamento delinea i limiti del potere ablatorio, dovendo lo stesso sorreggersi sulla stretta corrispondenza tra il provvedimento espropriativo ed il bene dichiarato di pubblica utilità, essendo l'Amministrazione autorizzata a sottrarre il bene al legittimo proprietario solo ed esclusivamente nella misura in cui effettivamente il bene stesso sia effettivamente utilizzato per il conseguimento dello specifico interesse pubblico fissato con la dichiarazione di pubblica utilità.

La dichiarazione di pubblica utilità costituisce... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...iustificatrice del potere ablatorio ed attesta il necessario collegamento tra l'opera dichiarata di pubblica utilità e i beni oggetto di esproprio, in quanto funzionali rispetto alla realizzazione dell'opera. Tale collegamento delinea i limiti del potere ablatorio, dovendo lo stesso sorreggersi sulla stretta corrispondenza tra il provvedimento espropriativo ed il bene dichiarato di pubblica utilità, essendo l'Amministrazione autorizzata a sottrarre il bene al legittimo proprietario solo ed esclusivamente nella misura in cui effettivamente il bene stesso sia effettivamente utilizzato per il conseguimento dello specifico interesse pubblico fissato con la dichiarazione di pubblica utilità.

Secondo la giurisprudenza costituzionale, la funzione della dichiarazione non è quella meramente formale di preannunciare (sent. 90/1966 e succ.), in via generale ed astratta l'esigenza di un'opera pubblica, bensì quella di accertare e dichiarare l'esistenza del pubblico interesse (art. 42 Cost.), su beni determinati e preventivamente individuati, su di essi imponendo un vincolo di indisponibilità.

La dichiarazione di p.u. ed i suoi termini di efficacia costituiscono un presupposto indefettibile dell'occupazione (temporanea o... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...), che diviene automaticamente invalida in tutti i casi di inesistenza, nullità, annullamento o decadenza della dichiarazione, perciò assolvendo all'esigenza di consentire che la potestà espropriativa possa esplicare la finalità di rendere possibile la realizzazione di un'opera di riconosciuto interesse pubblico e, quindi, di porre il proprietario dell'immobile in condizione di subire un procedimento ablativo legittimo.

Il DPR 327/2001 (così come la previgente normativa), prevede che la dichiarazione di pubblica utilità discende dall'intervenuta efficacia della deliberazione di approvazione del progetto definitivo, senza peraltro che ciò consenta l'inizio delle opere, dal momento che lo stesso rimane comunque, sempre, subordinato all'intervenuta approvazione del progetto esecutivo.

La previsione della possibilità di collegare la dichiarazione di p.u. all'approvazione del progetto definitivo è stata introdotta dal legislatore proprio per consentire all'ente espropriante - nelle more della definizione dei particolari tecnici delle opere da eseguire mediante la redazione del progetto esecutivo e a condizione che il progetto definitivo sia corredato di tutti i necessari pareri – di dar... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...procedimento per l'acquisizione delle aree, in modo tale da addivenire, una volta approvato il progetto esecutivo ed esperita la procedura di aggiudicazione dei lavori, alla pronta immissione nel possesso delle aree.

Nel complesso procedimento espropriativo la dichiarazione di pubblica utilità è un atto con natura autorizzatoria nei confronti dell'autorità titolare del potere espropriativo e concessoria nei confronti del futuro espropriante, in quanto conferisce all'opera progettata la qualifica di pubblica utilità che consente di procedere alla espropriazione. La finalità tipica cioè "la causa" della dichiarazione, non è infatti la compressione della sfera giuridica altrui, bensì la legittimazione dell'esercizio del potere espropriativo della competente autorità a favore del promotore dell'opera ritenuta di pubblica utilità.

L'espropriazione richiede, quale indefettibile presupposto di legittimità, la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera pubblica, che consente di avviare il relativo procedimento; è pertanto con l'atto dichiarativo della pubblica utilità, a sua volta conclusivo di un'autonoma fase procedimentale, che si costituisce, in capo al... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...azione, il potere espropriativo.

La dichiarazione di pubblica utilità è idonea a comprimere il diritto di proprietà, affievolendolo ad interesse legittimo, in virtù della particolare qualità e destinazione che viene impressa al bene individuato, in quanto idoneo a soddisfare l'interesse pubblico sotteso alla realizzazione dell'intervento.

La dichiarazione di pubblica utilità è l'atto autoritativo che fa emergere il potere pubblicistico in rapporto al bene privato e costituisce, al tempo stesso, origine funzionale della successiva attività, sia essa giuridica che materiale, di utilizzazione dello stesso per scopi pubblici previamente individuati.

La proprietà privata in base al precetto contenuto nell'art. 42 Cost., può essere espropriata soltanto "per motivi di interesse generale", da esplicitare nella dichiarazione di p.u. la quale rappresenta, quindi, "la guarentigia prima e fondamentale del cittadino e nel contempo la ragione giustificatrice del suo sacrificio nel bilanciamento degli interessi del proprietario alla restituzione dell'immobile ed in quello pubblico al mantenimento dell'opera pubblica per la funzione sociale della proprietà&quo... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
La dichiarazione di pubblica utilità è l'atto autoritativo dal quale emerge il potere pubblicistico in rapporto al bene privato e costituisce al tempo stesso origine funzionale della successiva attività, giuridica e materiale, di utilizzazione dello stesso per scopi di interesse collettivo previamente individuati.

La dichiarazione di pubblica utilità costituisce il presupposto unico ed indefettibile che regge l'intero procedimento espropriativo.

Con la dichiarazione di pubblica utilità i beni dei privati sono immediatamente sottoposti ad una precisa qualità giuridica di subordinazione alla realizzazione di un'opera pubblica ed al conseguente regime di espropriabilità.

La dichiarazione di pubblica utilità costituisce, nel quadro del complesso procedimento espropriativo, una distinta fase procedimentale; in quanto provvedimento autonomo, esso è idoneo a determinare immediatamente effetti lesivi nella sfera giuridica dei terzi.

Con la dichiarazione di pubblica utilità i beni dei privati sono immediatamente sottoposti ad una precisa qualità giuridica di subordinazione alla realizzazione di un'opera pubblica ed al conseguente regime di esp... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...à.

Con l'atto dichiarativo della pubblica utilità il diritto soggettivo del privato affievolisce ad interesse legittimo e si costituisce il potere espropriativo in capo all'Amministrazione.

La dichiarazione di pubblica utilità rappresenta l'atto da cui scaturisce la potestà espropriativa dell'ente, il provvedimento che "degrada" il diritto soggettivo (proprietà) ad interesse legittimo, assoggettandolo all'esercizio del potere ablatorio. In assenza della dichiarazione di pubblica utilità, quindi, ogni attività posta in essere rimane al di fuori di quella espropriativa e deve essere qualificata come di tipo privatistico.

Nei procedimenti non governati ratione temporis dal DPR 327/2001, la dichiarazione di pubblica utilità è l'atto autoritativo che fa emergere il potere pubblicistico in rapporto al bene privato e costituisce al tempo stesso origine funzionale della successiva attività, giuridica e materiale, di utilizzazione dello stesso per scopi pubblici previamente individuati.

La dichiarazione di pubblica utilità dell'opera rappresenta la guarentigia prima e fondamentale del cittadino e nel contempo la ragione giustificatrice del suo sacrifici... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ciamento degli interessi del proprietario alla restituzione dell'immobile ed di quello pubblico al mantenimento dell'opera pubblica per la funzione sociale della proprietà.

Per evitare l'uso arbitrario e/o irragionevole del potere espropriativo, è previsto lo strumento della dichiarazione di pubblica utilità che, attraverso l'approvazione del progetto dell'opera da realizzare, individua il concreto interesse pubblico da perseguire e destina il bene del privato, necessario per la realizzazione dell'opera, al soddisfacimento dell'interesse generale.

Nella logica della L. n. 2359/1865, rimasta pressoché inalterata nel vigente testo unico 327/2001, il provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità individua il concreto interesse pubblico da perseguire e destina definitivamente il bene del privato, necessario per la realizzazione di quell'opera, al soddisfacimento dei relativi interessi generali; il provvedimento espropriativo è autorizzato a sottrarre il bene al legittimo proprietario solo ed esclusivamente nella misura in cui effettivamente il bene stesso sia utilizzato poi per il conseguimento dello specifico interesse pubblico fissato con la dichiarazione di pubblica utilità.

La d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e di pubblica utilità è atto necessario e presupposto tanto del provvedimento d'occupazione d'urgenza che del decreto di espropriazione; ne consegue che entrambi i suddetti provvedimenti hanno carattere solo attuativo di una scelta precedentemente compiuta.

La pubblica utilità di un'opera pubblica, dichiarata nei modi di legge, costituisce la base, il fine e il limite stringente entro il quale l'espropriazione si può comprendere, ammettere e giustificare; a voler ammettere la facoltà dell'amministrazione, in corso di procedura ablatoria, di mutare radicalmente il tipo di opera da realizzare e, quindi, il tipo di interesse pubblico (connesso all'opera) da perseguire, si finirebbe per rendere del tutto vacua e inutile lo stessa partecipazione procedimentale del privato.

L'intervenuta dichiarazione di pubblica utilità dell'opera allocata su area di privati, ha come effetto quello di sottoporre il bene al regime di espropriabilità, determinando l'affievolimento del diritto di proprietà ed incidendo direttamente sulla sfera giuridica del proprietario con effetto immediatamente lesivo.

La dichiarazione di PU non può essere considerata un atto meramente preparatorio del procedim... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...riativo, trattandosi invece di atto necessario e presupposto tanto del provvedimento di occupazione d'urgenza che del decreto di espropriazione.

La dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza dei lavori imprime ai beni privati quella particolare qualità o utilità pubblica che la rende assoggettabile alla procedura espropriativa.

La dichiarazione di P.U. rappresenta la guarentigia prima e fondamentale del cittadino e nel contempo la ragione giustificatrice del suo sacrificio nel bilanciamento degli interessi del proprietario alla restituzione dell'immobile e di quello pubblico al mantenimento dell'opera pubblica per la funzione sociale della proprietà.

La dichiarazione di p.u., ha la sola funzione di costituire il necessario presupposto onde procedere al trasferimento coattivo di un immobile mediante espropriazione per p.u., ma non anche di sostituire il provvedimento ablatorio; in mancanza di quest'ultimo dunque non opera il trasferimento coattivo della proprietà degli immobili all'amministrazione espropriante, restando i medesimi nella titolarità dell'originario proprietario.

Alla dichiarazione di pubblica utilità va ricollegato l'effetto di s... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l bene al regime di espropriabilità, determinando l'affievolimento del diritto di proprietà e ponendosi come presupposto dell'espropriazione.

La dichiarazione di p.u., costituisce il primo e fondamentale presupposto per procedere al trasferimento coattivo di un immobile mediante espropriazione (od alla limitazione del suo godimento mediante asservimento coattivo); ne consegue che, in sua assenza, qualunque successivo atto o provvedimento di natura ablatoria rientra fra i meri fatti illeciti di diritto comune in tutto e per tutto disciplinati dagli artt. 2043 e 2058 cod. civ..

La dichiarazione di pubblica utilità ha per effetto quello di vincolare il bene privato alla realizzazione di un fine pubblico, sottoponendolo al regime di espropriabilità.

La dichiarazione di P.U. è richiesta dall'art. 42 Cost., e costituisce la guarentigia prima e fondamentale del cittadino e nel contempo la ragione giustificatrice del suo sacrificio nel bilanciamento del suo interesse alla conservazione dei propri immobili e di quello pubblico alla loro espropriazione.

Il potere di espropriazione, astrattamente attribuito dalla legge alla P.A., sorge concretamente in questa a seguito e per effetto della dic... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...di p.u., dotata dei necessari requisiti di completezza, concernenti l'opera pubblica in funzione della quale la proprietà debba essere sacrificata.

La dichiarazione di pubblica utilità, ha come effetto quello di sottoporre il bene al regime di espropriabilità, determinando l'affievolimento del diritto di proprietà e ponendosi come presupposto dell'espropriazione.

La dichiarazione di pubblica utilità costituisce il necessario presupposto per l'espropriazione.

Il provvedimento con cui è stato approvato il progetto di ampliamento e sistemazione di strada vicinale, comportante dichiarazione di pubblica utilità ed avvio del procedimento espropriativo, non è di per se solo attributivo, in assenza del decreto di esproprio, di alcun diritto dominicale in capo all'Amministrazione.

L'esercizio del potere ablativo inizia con la dichiarazione di pubblica utilità che incide sul diritto di proprietà, rendendolo aggredibile mediante il successivo provvedimento formale di esproprio.

La dichiarazione di p.u., in seguito al precetto dell'art. 42 Cost. ed a quello di eguale tenore dell'art. 1 della Convenzione CEDU, costituisce il primo e fondamentale... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...o per procedere al trasferimento coattivo di un immobile mediante espropriazione; in assenza, qualunque successivo atto o provvedimento di natura ablatoria e perfino il fenomeno dell'apprensione sine titolo di immobili privati, restano a livello di meri comportamenti dell'amministrazione non ricollegati ad alcuna pubblica funzione, estranei al settore delle espropriazioni per rientrare fra i meri fatti illeciti di diritto comune in tutto e per tutto disciplinati dagli artt. 2043 e 2058 cod. civ.

La dichiarazione di p.u. ha la funzione di costituire il necessario presupposto onde procedere al trasferimento coattivo di un immobile mediante espropriazione per p.u.; essa assolve alla funzione di porre l'amministrazione espropriante in grado di esercitare il relativo potere avvalendosi del procedimento ablativo e degli istituti all'uopo previsti onde acquisire la titolarità degli immobili, ma non anche di sostituire detti istituti, in mancanza dei quali dunque non si opera il trasferimento coattivo della proprietà degli immobili all'amministrazione espropriante.

Con la decisione 30 luglio 2007, n. 9, l'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha osservato che la dichiarazione di pubblica utilità è l'atto autoritativo che fa... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l potere pubblicistico in rapporto al bene privato e costituisce al tempo stesso origine funzionale della successiva attività, giuridica e materiale, di utilizzazione del bene per scopi pubblici previamente individuati.

Il rilievo provvedimentale della dichiarazione di p.u. e la conseguente sua capacità di incidere costitutivamente nella sfera giuridica del proprietario si coglie dal fatto che la stessa è stata sempre ritenuta come immediatamente impugnabile, a differenza degli atti meramente infraprocedimentali.

Nei procedimenti non governati ratione temporis dal dpr 327/2001, la dichiarazione di pubblica utilità è l'atto autoritativo che fa emergere il potere pubblicistico in rapporto al bene privato e costituisce al tempo stesso origine funzionale della successiva attività, giuridica e materiale, di utilizzazione dello stesso per scopi pubblici previamente individuati.

L'occupazione e la trasformazione del suolo in assenza di decreto di espropriazione comporta pur sempre lesione del diritto soggettivo, anche se vi sia stata la dichiarazione di pubblica utilità, che non è idonea di per sé ad affievolirlo.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI