Carrello
Carrello vuoto



Natura (non) recettizia della dichiarazione di pubblica utilità


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 1876 in formato A4, equivalenti a 3189 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


La mancata notificazione della dichiarazione di pubblica utilità non costituisce vizio di legittimità ma influisce soltanto sul decorso dei termini per l'impugnazione.

La disposizione di cui all'art. 17 DPR 327/2001 relativa alla comunicazione avente ad oggetto la data in cui è divenuto efficace l'atto che ha approvato il progetto definitivo dell'opera pubblica, non sembra porre un requisito di legittimità dell'approvazione (subordinare l'efficacia del provvedimento alla comunicazione), avendo tale irregolarità unicamente l'effetto di impedire che, nonostante la mancata comunicazione, inizi a decorrere il termine per l'interessato per impugnare l'atto di approvazione; ed in effetti la giurisprudenza, esplicitando la disposizione in parola, ha precisato che resta irrilevante la conoscenza "aliunde" eventualmente acquisita dell'atto.

In vigore della normativa antecedente il DPR 327/2001, nessuna disposizioni subordina(va) l'efficacia della dichiarazione di pubblica utilità alla notifica nei confronti dei proprietari dei suoli oggetto di ablazione. Il momento della notifica della dichiarazione poteva quindi incidere solo sulla decorrenza del termine decadenziale per proporre impugnazione ma non costi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...er se stesso, causa di inefficacia del provvedimento.

La normativa sulle espropriazioni costituisce legge speciale rispetto a quella generale sul procedimento amministrativo e non può ritenersi abrogata tacitamente da quest'ultima nelle parti incompatibili, in base al principio secondo il quale la legge generale posteriore non incide su quella precedente avente carattere di specialità. Non può pertanto trarsi argomento dalla previsione di cui all'art. 21 bis della l. 241/1990 per affermare la natura recettizia della dichiarazione di p.u.

L'omissione della raccomandata prescritta dall'art. 17 DPR 327/2001 per portare a conoscenza l'atto di approvazione del progetto, non comporta l'invalidità del provvedimento stesso, non costituendo la notificazione atto perfezionativo né del procedimento di esproprio, né di quello di approvazione del progetto, ma può solo eventualmente incidere sulla decorrenza del termine per l'impugnazione.

L'art. 12, comma 1, del D.P.R. n. 327/2001, affida alla comunicazione della dichiarazione di pubblica utilità esclusiva funzione di garanzia nei confronti degli interessati, senza che nulla essa abbia a che vedere con il suo perfezionamento, trattandosi di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ento che imprime autonomamente e unilateralmente una ben determinata natura giuridica ad un bene".

La comunicazione della dichiarazione di pubblica utilità ha esclusivamente funzione di garanzia nei confronti degli interessati e nulla ha a che vedere con il suo perfezionamento, trattandosi di provvedimento che imprime autonomamente e unilateralmente una ben determinata natura giuridica ad un bene.

Il provvedimento amministrativo è immediatamente efficace, salvo disposizioni di legge, anche se, nel caso di provvedimenti così detti ricettizi, le conseguenze giuridiche nella sfera del destinatario non si producono sino alla sua comunicazione. Ne consegue che la dichiarazione di pubblica utilità, quale provvedimento dichiarativo ricettizio, non è idonea a modificare la sfera giuridica del destinatario sino alla sua comunicazione, e dunque solo da questa decorre ad esempio il termine di impugnazione; viceversa, quanto agli adempimenti dell'Amministrazione, essa diviene efficace sin dalla sua emanazione.

La dichiarazione di pubblica utilità non è atto recettizio; essa produce l'effetto suo proprio indipendentemente dalla notifica al proprietario, che non è della prima elemento int... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...é requisito di validità, né condizione di efficacia, potendo la sua carenza esplicare effetti solo nel senso di non far decorrere il termine per le eventuali opposizioni o impugnazioni.

La mancata notifica della delibera di approvazione del progetto ha il solo effetto della remissione in termini per l'impugnazione.

La mancata notifica del provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità dell'opera non incide sulla sua legittimità, ma solo sui termini di decadenza per proporre la relativa impugnazione



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI