Carrello
Carrello vuoto



La copertura finanziaria dell'opera in fase di progettazione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA PROGETTAZIONE nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 290 in formato A4, equivalenti a 493 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


All'approvazione del progetto preliminare di opera pubblica effettuata in difetto di un'attuale copertura di spesa non consegue l'illegittimità dell'atto, ma esclusivamente, ai sensi dell'art. 191 del d.lgs. n. 267/2000, l'impossibilità di effettuare la spesa fino al reperimento degli specifici fondi. La copertura finanziaria e la relativa attestazione non costituiscono requisito di validità del provvedimento amministrativo, rappresentandone, semmai, condizione di esecutività: ciò, in quanto la copertura finanziaria non attiene alla volizione contenuta nell'atto, ma concerne il distinto profilo dell'esistenza di stanziamenti di bilancio necessari a fare fronte agli oneri finanziari da esso rivenienti.

L'incongrua determinazione dei costi di acquisizione delle aree, lungi dal configurare un fatto invalidante degli atti di approvazione del progetto, può solo imporre un provvedimento integrativo delle originarie previsioni del piano finanziario approvato, atteso che queste, ontologicamente fondate su stime presuntive, vanno necessariamente adeguate in sede di consuntivo.

Non è vietato ad un ente locale il ricorso per la realizzazione di opere e lavori pubblici alla contrazione di mutui o di altre forme di... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...nto, nei limiti e nei modi stabiliti dalla legge, così che è legittima la deliberazione, con la quale venga approvato il progetto esecutivo di un'opera pubblica che comporti la necessità della copertura finanziaria, purché sia effettivamente indicata l'esistenza della copertura con la relativa attestazione da parte del responsabile del servizio finanziario, attestazione che può fare anche riferimento al ricorso all'indebitamento ma previa inclusione della relativa previsione o di apposita variazione nel bilancio dell'esercizio.

Alla luce del disposto di cui all'art. 151, comma quarto del D.lgs. n. 267/2000, l'attestazione della copertura finanziaria può essere emessa nel prosieguo del procedimento, senza che ciò incida sulla validità della delibera di approvazione del progetto di opera pubblica. In altri termini, l'attestazione di copertura finanziaria non è requisito di validità, ma diventa condizione di esecutività, con la conseguenza che la sua mancanza non comporta la nullità dell'atto di spesa.

All'atto dell'approvazione del progetto preliminare non è ancora intervenuta la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera, sicché nulla si oppone... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...eperimento dei fondi necessari avvenga nella successiva fase del procedimento.

Il provvedimento di approvazione del progetto definitivo contenente un quadro economico sufficientemente dettagliato, con l'espressa indicazione dei costi da sostenersi a titolo di indennità di esproprio, rispetta l'obbligo di cui al comma quarto dell'art. 93 D.Lgs. 163/2006.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI