Carrello
Carrello vuoto



Norme regionali e provinciali in materia di edilizia residenziale agevolata


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELL'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E AGEVOLATA
anno:2019
pagine: 2574 in formato A4, equivalenti a 4376 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA --> REGIONI/PROVINCE --> CAMPANIA

La previa sottoscrizione della convenzione urbanistica, ai fini del rilascio del permesso di costruire, è richiesta dalla normativa edilizia nazionale (cfr. art. 18 del d.P.R. n. 380/2001) in tutte le ipotesi di edilizia abitativa convenzionata, tra cui rientrano a pieno titolo anche gli interventi di edilizia sociale disciplinati dall'art. 7, comma 5, della legge regionale n. 19/2009.

Nella Regione Campania, la ratifica del Comune di cui all'art. 8 dell'allegato A dell'Avviso per la definizione del Programma regionale di edilizia residenziale sociale ex art. 8 del D.P.C.M. 16 luglio 2009 è condizione essenziale e non è un atto vincolato, bensì oggetto delle scelte amministrative del Comune.

EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA --> REGIONI/PROVINCE --> LIGURIA

Rispetto alla legislazione statale, l'art. 6 ("Recupero di contributi") della L.R. Liguria n. 34 del 2 maggio 1990, non innova nella parte in cui prevede che, nell'attuazione dei programmi di edilizia residenziale ammessi a finanziamento, possano verificarsi situazioni tali da rendere necessario, nei confronti dei soggetti attuatori degli interventi, ove non conclus... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...ccollo del mutuo, il recupero dei contributi liquidati fino a quel momento: il novum introdotto dall'articolo risiede semmai nell'apposita disciplina (recata dalla parte terminale della proposizione testé ricordata) del tasso di interesse da applicare nella suddetta evenienza.

EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA --> REGIONI/PROVINCE --> PROVINCIA DI BOLZANO

Nella Provincia Autonoma di Bolzano, già nella disciplina anteriore alla novella legislativa introdotta dalla l. prov. n. 3 del 2007, una corretta ricostruzione sistematica della disciplina dello ius aedificandi assoggettato a vincolo di convenzionamento, qualificabile come ipotesi di vera e propria limitazione legale del diritto di proprietà, doveva condurre alla conclusione del condizionamento della stessa concessione edilizia all'assunzione dell'obbligo di convenzionamento, assurgente a coelemento del provvedimento amministrativo (cfr., analogamente, la disciplina statale ex art. 18 d.P.R. n. 380 del 2001), e la novella non ha fatto altro che esplicitare un principio normativo immanente nel settore ordinamentale che qui viene in rilievo.

Alla annotazione tavolare del vincolo ventennale di locare o alienare l'abitazione soltanto a persone in possesso dei re... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ...legge, ai sensi dell'art. 79, comma 4, l. urb. prov. Bolzano, va attribuita mera funzione di pubblicità-notizia, trattandosi di vincolo ricognitivo del regime urbanistico-edilizio del fondo, di natura pubblicistica e, come tale, efficace erga omnes, senza che, dunque, l'annotazione sia necessaria ai fini dell'opponibilità ai terzi.

In materia di cessione di aree a cooperative edilizie, mentre il soggetto destinatario dell'assegnazione agevolata di area edilizia è sempre la persona fisica (singola o associata in cooperativa) la cessione dell'area è prevista in favore delle cooperative e non dei singoli, e la graduatoria è fra cooperative e non fra le persone.

La ratio sottesa all'art. 46, comma 5, l. prov. Bolzano 17 dicembre 1998, n. 13, che configura il mancato raggiungimento del reddito minimo vitale quale requisito negativo preclusivo dell'accesso ai contributi dell'edilizia agevolata, consiste, per un verso, nell'esigenza di preservare gli enti creditori da un eccessivo rischio di mancato rientro dei mutui e, per altro verso, in quella di prevenire una situazione di eccessivo indebitamento in capo agli stessi beneficiari.

Ai fini della verifica del requisito di cui all'art. 46, comma 5, l. prov.... [Omissis - La versione integrale � presente nel prodotto - Omissis] ... dicembre 1998, n. 13, occorre aver riguardo al momento della presentazione della domanda di concessione dell'agevolazione per l'edilizia residenziale, da corredare di un piano di finanziamento proprio al fine di permettere siffatta verifica, mentre la legge non disciplina l'ipotesi del sopravvenuto mutamento (sia essa in peius o in melius) della situazione reddituale dei beneficiari, con la conseguenza che la successiva accensione di mutui bancari è inidonea ad incidere ex post sulle condizioni di accesso all'agevolazione (già concessa).

Nella Provincia Autonoma di Bolzano, è legittimo il rigetto della domanda di cancellazione anticipata del vincolo del convenzionamento presentata prima dell'emanazione del regolamento previsto dall'attuale stesura dell'art. 79bis della L.P. n. 13/1997.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI