Carrello
Carrello vuoto



Casistica relativa alla conformità urbanistica di opere ed interventi sul territorio

Leggi e sentenze relative alla conformità urbanistica di opere ed interventi sul territorio. Tra gli esempi trattati: gli autolavaggi, i cimiteri, le fasce di rispetto, l'edilizia residenziale e scolastica.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:CONFORMITÀ URBANISTICA
anno:2018
pagine: 164 in formato A4, equivalenti a 279 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 15,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> CONFORMITÀ URBANISTICA --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> AUTOLAVAGGI

L'impianto di autolavaggio non è compatibile con la destinazione agricola della zona.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> CONFORMITÀ URBANISTICA --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> CIMITERI

Il vincolo cimiteriale, d'indole conformativa, è sganciato dalle esigenze immediate della pianificazione urbanistica, nel senso che esso si impone di per sé, con efficacia diretta, indipendentemente da qualsiasi recepimento in strumenti urbanistici, i quali non sono idonei, proprio per la loro natura, ad incidere sulla sua esistenza o sui suoi limiti.

In un'area avente già una destinazione urbanistica cimiteriale possono essere localizzate, senza necessità di modificare la pianificazione, tutte le attività che corrispondono alla funzione tipica assegnata, fra cui anche la realizzazione di una struttura accessoria quale è un tempio crematorio.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> CONFORMITÀ URBANISTICA --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> CIMITERI --> FASCIA DI RISPETTO
... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...on è più operante un un limite minimo distanziale rispetto ai centri abitati, sia con riguardo ai cimiteri di nuova istituzione che a quelli in ampliamento, purché rispettata la necessaria previsione urbanistica di una zona di rispetto cimiteriale; ne consegue che qualora l'ampliamento del cimitero ricada in area di rispetto cimiteriale di alcuna variante urbanistica v'è bisogno, atteso che l'intervento è pienamente conforme al vigente strumento urbanistico.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> CONFORMITÀ URBANISTICA --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> EDILIZIA RESIDENZIALE

Le zone cd. "167", alle quali viene impressa una destinazione specifica, riservata alla realizzazione di "costruzioni a carattere abitativo da destinare all'edilizia economica e popolare", non possono essere utilizzate per la costruzione di una ordinaria edilizia residenziale, quale quella consentita nelle zone C1.

La localizzazione di un intervento di edilizia residenziale su un suolo destinato a "verde pubblico attrezzato" richiede una variante (eventualmente anche la variante semplificata prevista dal D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327).

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> C... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rave; URBANISTICA --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> EDILIZIA SCOLASTICA

La scuola rientra nell'ambito delle "attrezzature generali", integrando un'opera di urbanizzazione secondaria, e, pertanto, priva di fondamento è la doglianza secondo cui con la stessa risulterebbero "sottratte alle zone ove ubicare attrezzature di interesse generale, opere, invece, previste nelle aree per la dotazione di standard urbanistico ai sensi dell'art. 3 del D.M. 1444/1968".

Se le opere di urbanizzazione primaria sono ovunque realizzabili proprio in quanto essenziali per le fondamentali esigenze della collettività, la collocazione nel territorio pianificato delle opere di urbanizzazione secondaria (nel caso di specie edificio scolastico), necessita di una specifica destinazione dell'area su cui esse devono sorgere, ed a tal fine per ampia parte dell'elencazione contenuta nel secondo comma dell'art. 4 della L. 847 del 1964 si impone la previa destinazione dell'area del relativo insediamento a zona F ( "parti del territorio destinate ad attrezzature ed impianti di interesse generale": cfr. art. 2 del D.M. 2 aprile 1968 n. 1444).

I servizi per l'istruzione possono senz'altro ritenersi compatibili con la previsione di servizi connessi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ali alla destinazione d'uso residenziale.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI