Carrello
Carrello vuoto



Competenza all'approvazione del progetto dell'opera pubblica


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA PROGETTAZIONE nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 290 in formato A4, equivalenti a 493 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Qualora il progetto preliminare non abbia alcuna valenza di variante, legittimamente è approvato dalla Giunta.

L'approvazione di progetti di opere pubbliche e di atti inerenti alla correlata procedura espropriativa rientra nella competenza gestoria dirigenziale, come disegnata dall'art. 107 comma 2 del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267; qualora l'opera sia prevista nel programma triennale delle opere pubbliche e inserito nel bilancio di previsione, e quindi in atti fondamentali di Giunta e Consiglio Comunale, sussiste ulteriore radicamento della competenza dirigenziale ai sensi del comma 3 del cit. art. 107.

Correttamente l'approvazione del progetto definitivo e di quello esecutivo avviene con deliberazione dell'organo giuntale, non potendo detta approvazione considerarsi un atto di programmazione ed indirizzo come tale appartenente alla competenza dell'organo consiliare, a nulla rilevando la circostanza che le spese per la realizzazione dell'opera impegni più esercizi finanziari.

Il progetto definitivo non è atto di indirizzo politico-amministrativo; solo la contestuale variante è situazione atta a radicare la competenza dell'organo consiliare.

L'approvazione di un progetto preliminare di ope... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... appartiene alla competenza generale residuale della Giunta, ai sensi del combinato disposto degli artt. 42 e 48 d.lgs. 267 del 2000, salvo che l'approvazione del progetto comporti una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio.

Esula dalle competenze del consiglio comunale, per rientrare nelle competenze attuative degli organi esecutivi, quali le competenze residuali della giunta di cui all'art. 48 comma 2 del D.Lgs. n. 267/2000, l'approvazione del progetto definitivo che trovi fondamento in precedenti deliberazioni consiliari di adozione e approvazione della variante urbanistica.

L'art. 42 d.lgs. 267/200, indica tassativamente gli atti fondamentali di competenza consiliare tra i quali rientra l'adozione dei piani territoriali ed urbanistici ma non anche l'approvazione dei singoli progetti che, inseriti nell'ambito di una pianificazione già approvata dal consiglio, sono di competenza gestionale dei dirigenti.

L'approvazione di un progetto esecutivo di opera pubblica rientra nella competenza dell'organo giuntale e non già in quella dell'organo consiliare.

Legittimamente il progetto definitivo-esecutivo dell'opera è approvato dal Dirigente in quanto espre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ttività di gestione amministrativa, qualora il precedente progetto preliminare sia stato approvato dall'organo politico, il quale ne ha demandato l'attuazione al Dirigente.

PROCEDURA --> PROGETTAZIONE --> COMPETENZA --> IN CASO DI DELEGA

Qualora tutte le operazioni relative alla procedura espropriativa e alle occupazioni siano state delegate, ai sensi dell'art. 6, comma 8, del DPR 327/2001, al soggetto concessionario per la realizzazione dell'opera, le scelte progettuali debbono ritenersi comunque mantenute in capo all'ente delegante, in quanto trattasi di atti, e soprattutto di valutazioni inerenti la comparazione tra gli interessi coinvolti, che rimangono riservate in capo al soggetto titolare dell'opera pubblica da realizzare. Ogni modifica progettuale non può, infatti, che essere approvata dallo stesso soggetto che ha approvato il progetto stesso.

PROCEDURA --> PROGETTAZIONE --> COMPETENZA --> NEI COMUNI

La contestuale apposizione del vincolo preordinato all'esproprio impone che la deliberazione di approvazione del progetto definitivo sia assunta dal Consiglio Comunale, essendo la competenza della Giunta viceversa limitata all'approvazione di progetti urbanisticamente conformi che ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...n richiedano anche l'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio.

Alla luce del disposto dell'art. 1, comma 5, della legge n. 1/1978 prima e dopo la modifica apportata dall'art. 4 della legge n. 415/1988, per quanto concerne l'approvazione del progetto preliminare, la competenza è pacificamente del Consiglio Comunale, mentre la competenza per l'approvazione del progetto definitivo ed esecutivo è della Giunta Municipale.

Fatta salva l'ipotesi nella quale l'approvazione del progetto comporti una variante allo strumento urbanistico (di competenza del Consiglio Comunale), ai sensi del combinato disposto degli artt. 42 e 48, d.lgs. 18 agosto n. 2000 n. 267, l'approvazione di un progetto preliminare di opera pubblica appartiene alla competenza generale residuale della Giunta municipale.

E' la giunta comunale competente ad approvare il progetto definitivo dell'opera pubblica, atteso che la dichiarazione di pubblica utilità in esso ricompresa discende da valutazioni discrezionali e di cura dell'interesse pubblico, insuscettibili di essere ricondotte negli atti gestionali rimessi alla competenza del dirigente comunale ex art. 107 del d.lgs. 267/2000.

La delibera di approvazione del progetto definitiv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a di pubblica utilità, che ai sensi dell'art. 12, comma 1, lett. a), DPR n. 327/2001 contiene la dichiarazione di pubblica utilità, legittimamente è adottata dalla Giunta Comunale; le attribuzioni del Consiglio Comunale sono tassativamente elencate dall'art. 42 dello stesso D.Lg.vo n. 267/2000 e perciò la dichiarazione di pubblica utilità è di competenza del Consiglio solo se l'approvazione dell'opera costituisce anche variante allo strumento urbanistico. Inoltre il provvedimento di dichiarazione di pubblica utilità non può essere qualificato come un mero atto di ordinaria gestione amministrativa ex art. 107 D.Lg.vo n. 267/2000 di competenza dirigenziale.

A norma dell'art. 42, comma 2, lett. b), del D.Lgs. n. 267 del 2000, la Giunta municipale ha una competenza amministrativa di carattere generale e residuale. Ne discende che, se normalmente spetta a questa il potere di approvazione del progetto preliminare di un'opera pubblica, tale attribuzione viene meno nei casi in cui questo esercizio comporti una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio.

L'approvazione del progetto esecutivo, che costituisce atto meramente attuativo, è correttament... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...alla Giunta Comunale, alla quale spetta di mettere in esecuzione le deliberazioni del Consiglio.

L'art. 42 T.U. 18 agosto 2000 n. 267 enumera, con elencazione tassativa, gli atti fondamentali per i quali ha competenza il Consiglio comunale, tra i quali non è compresa l'approvazione dei progetti preliminari di lavori pubblici, la quale, pertanto, ricade nel residuale ambito di competenza della Giunta.

Il progetto preliminare e progetto definitivo dei lavori comportanti variante allo strumento urbanistico devono essere approvati dal Consiglio comunale.

Ai sensi dell'art. 42, comma 2, lett. b), del D.Lgs. n. 267 del 2000, la Giunta Municipale ha competenza generale e residuale e quindi le appartiene il potere di approvazione del progetto preliminare di un'opera pubblica, salvo che questo comporti una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio.

Ai sensi dell' art. 42 comma 2 lett. b) d.lgs. n. 267 del 2000, la Giunta municipale ha competenza generale e residuale, e quindi le appartiene il potere di approvazione del progetto di un'opera pubblica, salvo che questo comporti una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio.
<... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...provazione di progetti di opere pubbliche rientra nella competenza della Giunta Comunale, organo a competenza generale e residuale, anche quando tale approvazione comporti variante allo strumento urbanistico ai sensi dell'art. 1 L. 1/1978.

Ai sensi dell'art. 48, d.lg. 18 agosto 2000 n. 267, rientra nella competenza della giunta municipale l'approvazione dello schema del programma triennale e del suo aggiornamento annuale, quale atto di proposta e di impulso, mentre per l'approvazione definitiva del programma e dell'elenco annuale delle opere da realizzare è competente solo il consiglio comunale, ai sensi del precedente art. 42, trattandosi di atto di programmazione e di indirizzo.

Riguardo all'approvazione del progetto definitivo, la necessità dell'intervento dell'organo consiliare si pone solo quando l'opera in progetto sia difforme dalla strumentazione urbanistica.

Ai fini della realizzazione di opere pubbliche di interesse comunale, i provvedimenti implicanti variante urbanistica, dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza, rientrano nella esclusiva competenza del Consiglio Comunale.

Ai sensi dell'art. 48 del D.L.vo n. 267/2000, nell'impianto organizzativo delle amminis... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...munali la Giunta comunale ha competenza generale e residuale e, quindi, le appartiene anche il potere di approvazione delle progettazioni delle opera pubbliche, salva ovviamente restando l'ipotesi di contestuale adozione di una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio comunale.

L'atto di approvazione del progetto definitivo si inserisce nella ordinaria sequela del procedimento espropriativo, secondo lo schema previsto dalla legge (artt. 8 e seguenti del DPR 327/2001), costituendone un passaggio dovuto ed inevitabile; ne consegue che la sua approvazione da parte della Giunta, dopo l'indizione dei comizi elettorali, non si traduce in adozione di un provvedimento straordinario, ma di continuazione di un procedimento già avviato.

Le delibere di approvazione di progetti di opere pubbliche comportanti la dichiarazione di pubblica utilità dell'intervento fuoriescono dalla sfera degli atti gestionali, e pertanto rientrano nella competenza residuale della Giunta ai sensi dell'art. 42, comma 2, lettera b), del d.lgs. nr. 267 del 2000.

In base all'art. 42 comma 2, lett. b), del t.u. n. 267 del 2000, la Giunta Municipale ha una competenza generale e residuale e quindi le appartiene an... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...re di approvazione del progetto di un'opera pubblica, quando non comporti una variante allo strumento urbanistico, in quanto solo in tale ipotesi la competenza appartiene al Consiglio comunale.

Legittimamente la Giunta Comunale può approvare un progetto preliminare non avente valenza di variante.

Ai sensi dell'art. 42 comma 2 lett. b) d.lgs. n. 267 del 2000 la Giunta municipale ha competenza generale e residuale, e quindi le appartiene il potere di approvazione del progetto preliminare di un'opera pubblica, salvo che questo comporti una variante allo strumento urbanistico, nel qual caso la competenza appartiene al Consiglio.

L'approvazione del progetto comportante dichiarazione di pu (nel caso di specie intervenuto dopo l'apposizione del vincolo) si presenta come atto gestionale, esulante dalle competenze di un organo di indirizzo politico-amministrativo, quale la Giunta Comunale.

Legittima l'approvazione del progetto definitivo comportante variante agli strumenti urbanistici da parte del Consiglio Comunale.

La competenza ad approvare i progetti definitivi ed esecutivi di opere pubbliche è della Giunta Comunale.

L'approvazione dello schema del programma triennale e del suo ag... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... annuale, quale atto di proposta e di impulso, ben rientra nelle competenze della giunta municipale, ai sensi dell'articolo 48 del D. Lgs. n. 267/2000, mentre è competente per l'approvazione definitiva del programma e dell'elenco annuale delle opere da realizzare soltanto il consiglio comunale, ai sensi dell'articolo 42 del citato decreto legislativo, trattandosi di un atto di programmazione e di indirizzo.

Alla stregua della normativa di cui alla L. n. 1/1978 e L. n. 142/1990 (applicabile ratione temporis), l'approvazione del progetto comportante variante urbanistica rientra nella competenza del Consiglio comunale; viceversa l'approvazione di opera già resa conforme, nella competenza della Giunta comunale.

PROCEDURA --> PROGETTAZIONE --> COMPETENZA --> NELLE PROVINCE

Alla stregua del comune riparto delle competenze tra organi politici e dirigenza, di cui agli artt. 4 del d. lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e 107, commi 2, 3 e 4, del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, deve ritenersi rientrare nella competenza dei dirigenti della Provincia l'adozione di provvedimenti amministrativi aventi ad oggetto l'approvazione di progetti di opere pubbliche e l'occupazione di urgenza degli immobili occorrenti per la realizzazione ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...getti.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI