Carrello
Carrello vuoto



Notifica delle sanzioni edilizie e dell'ordinanza di demolizione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:NOTIFICHE nell'ambito del governo del territorio
anno:2018
pagine: 227 in formato A4, equivalenti a 386 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 15,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> NOTIFICAZIONE

La notifica dell'ordine di demolizione al proprietario, oltreché all'autore dell'abuso edilizio, è il presupposto necessario per il successivo provvedimento di acquisizione al patrimonio comunale, in quanto questo secondo atto costituisce una sanzione per l'inottemperanza alla demolizione, che non può essere pronunciata nei confronti di chi non sia stato destinatario dell'ordine di demolizione, per cui la mancata notifica al proprietario dell'ordine di demolizione non inficia la legittimità dello stesso, ma preclude l'emanazione del provvedimento di acquisizione gratuita al patrimonio comunale ex art. 31, comma 3, DPR n. 380/2001.

La mancata notificazione al comproprietario dell'ordinanza di demolizione non inficia di per sé la legittimità della disposta misura repressiva-ripristinatoria essendo sufficiente la notifica dell'ordinanza di demolizione, così come degli atti consequenziali, ad uno solo dei comproprietari.

E' legittima la notifica della sanzione edilizia (nonché della relativa comunicazione di avvio del procedimento) al socio accomandatario della società responsabile dell'abuso.

[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e di demolizione va rivolto a colui che abbia l'attuale disponibilità del bene abusivo indipendentemente dalla circostanza di chi lo abbia in concreto realizzato, dovendosi peraltro escludere, in assenza di chiari elementi probatori in senso contrario, la buona fede dell'attuale proprietario dell'immobile.

Deve escludersi la sussistenza dei presupposti per notificare la sanzione edilizia ai sensi dell'articolo 143 c.p.c. laddove il Comune conosca il luogo di residenza del destinatario dell'atto.

È perfezionata la notifica dell'ordine di demolizione qualora lo stesso sia stato consegnato nelle mani della rappresentante legale della società proprietaria dell'immobile interessato dagli abusi.

È legittimo l'ordine di demolizione notificato solo al responsabile materiale dell'abuso edilizio e non anche al proprietario.

L'omessa notifica dell'ordinanza di demolizione agli altri comproprietari non costituisce vizio di legittimità integrando semmai solo l'inefficacia del provvedimento limitatamente ai comproprietari per i quali è mancata la notifica.

Il tempo intercorso tra l'adozione del provvedimento sanzionatorio dell'abuso edilizio e la sua notifica, in assenza di pre... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i perentorietà, non identifica un specifico profilo di illegittimità dell'atto, né impone la necessità di un supplemento istruttorio, impossibile per definizione dopo l'adozione del provvedimento.

L'ordine di ripristino (nel caso di specie di rimozione dell'impianto pubblicitario) è correttamente notificato al proprietario dell'immobile e le eventuali contestazioni in ordine al difetto di responsabilità di quest'ultimo assumono rilievo soltanto ai fini della possibile acquisizione al patrimonio comunale dell'area di sedime.

Il rispetto del termine di 90 giorni (art. 31, co. 3, D.p.r. n. 380/2001) dalla notificazione dell'ordinanza di demolizione per la sua esecuzione, pur non costituendo requisito di validità dell'ordinanza stessa, rappresenta requisito di validità del successivo provvedimento di acquisizione.

L'autore dell'abuso non si può dolere della mancata notifica dell'ordine di demolizione ad altri soggetti interessati.

La mancata notifica della sanzione edilizia ai comproprietari dell'immobile non incide legittimità del provvedimento nei confronti del proprietario al quale è stato comunicato.

L'ordinanza di demolizione pu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...sere legittimamente notificata anche esclusivamente all'autore materiale dell'abuso, nel caso in cui non corrisponda con il proprietario dell'area interessata dai lavori edilizi abusivi.

E' illegittima l'ingiunzione di demolizione che non venga notificata al responsabile dell'abuso né al proprietario dell'opera abusiva ma solo al proprietario dell'area sulla quale è stata realizzata la stessa opera, soprattutto se questi non ha la materiale disponibilità e non può procedere alla demolizione o rimozione dell'opera abusiva.

La mancata notifica al proprietario dell'immobile dell'ordinanza di demolizione non inficia la legittimità del provvedimento, ma incide sulla fase integrativa dell'efficacia: ne deriva che ai fini della legittimità dell'iter procedimentale può ritenersi sufficiente la notificazione dell'ordinanza al responsabile dell'illecito, ferma restando la possibilità per il proprietario pretermesso di censurare il provvedimento.

La mancata notifica dell'ordinanza di demolizione al proprietario comporta l'impossibilità di procedere all'acquisizione gratuita dell'immobile in sua titolarità e dell'area di sedime in caso di inadempimento dell'ordine di demolizion... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...br /> La trasmissione di un'ordinanza di demolizione al destinatario con raccomandata con avviso di ricevimento, in luogo della prescritta notifica, non incide sulla legittimità del provvedimento, ma rappresenta un adempimento esterno ad esso, volto a far conseguire la conoscenza dell'atto e quindi ad incidere solo sulla decorrenza dei termini per l'impugnativa.

La mancata formale notificazione del provvedimento demolitorio a tutti i comproprietari non costituisce vizio di legittimità dell'atto, che rimane quindi valido ed efficace.

E' valida la notificazione del provvedimento demolitorio ai chiamati all'eredità che risiedano stabilmente nell'insediamento abusivo oggetto del lascito perché tale comportamento presuppone la volontà di accettare l'eredità.

L'ordinanza di demolizione non va necessariamente notificata a tutti i comproprietari ma solo a chi ha materialmente la disponibilità del bene.

L'ordinanza di demolizione può essere legittimamente emessa e notificata nei confronti dell'autore dell'abuso edilizio, atteso che la normativa urbanistica, di cui agli artt. 6 e seguenti della l. n. 47/85, individua come soggetto primario degli interventi ripristinatori il... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ore" o, comunque, il "responsabile dell'abuso", senza fare alcun riferimento all'ultimo proprietario o a chi abbia, in ogni caso, la disponibilità del bene alla data di adozione della misura sanzionatoria.


TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> PROVVEDIMENTO --> NOTIFICAZIONE


L'ordinanza di demolizione di immobile abusivo non è illegittima per il solo fatto di non essere stata notificata a tutti i comproprietari atteso che, in mancanza di tale notifica, unico effetto preclusivo all'esercizio dei poteri repressivi comunali è quello legato all'impossibilità di acquisire il bene abusivo in caso di mancata spontanea ottemperanza all'ordine di demolizione da parte degli interessati.

La mancanza della notifica dell'accertamento dell'inottemperanza all'ordine di demolire determina la sola assenza di un valido titolo per la trascrizione del fabbricato nei registri immobiliari.

La notifica ovvero la comunicazione dell'ordinanza di demolizione, trattandosi di un atto recettizio impositivo di obblighi, costituiscono una condizione legale di efficacia dell'ingiunzione di demolizione ossia un presupposto di operatività dell'atto nei confron... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... diretti destinatari.

L'ordinanza di demolizione di un'opera abusivamente realizzata va obbligatoriamente notificata, in via prioritaria e a pena di illegittimità al responsabile dell'abuso edilizio mentre l'omessa notifica della stessa al proprietario dell'area, nella quale è stato commesso l'abuso edilizio, comporta soltanto la mancata acquisizione al patrimonio comunale dell'area stessa.

La notifica dell'ordine di demolizione al proprietario, oltreché all'autore dell'abuso edilizio, è il presupposto necessario per il successivo provvedimento di acquisizione al patrimonio comunale.

In materia di reati edilizi, l'ingiunzione a demolire, conseguente all'ordine di demolizione disposto dal giudice con la sentenza di condanna D.P.R. n. 380 del 2001, ex art. 31, comma 9, non deve essere notificata dal pubblico ministero al difensore, ma esclusivamente al condannato, essendo preordinata a consentirgli lo spontaneo adempimento dell'obbligo senza ulteriori aggravi di spese a suo carico.

La mancata notificazione al comproprietario non inficia di per sé la legittimità della misura repressiva - ripristinatoria dell'opera abusivamente realizzata.

In materia di abusi edilizi ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ario dell'ordine di demolizione è il soggetto che ha la disponibilità dell'opera, indipendentemente dal fatto che l'abbia concretamente realizzata.

Per i provvedimenti sanzionatori in materia urbanistica è sufficiente la notifica al proprietario dell'area o all'autore degli abusi.

Ai fini della legittimità dell' iter procedimentale posto in essere dall'Amministrazione per il ripristino dei valori giuridici offesi dalla realizzazione dell'opera edilizia abusiva è sufficiente la notifica dell'ordinanza di demolizione, così come degli atti consequenziali, ad uno solo dei comproprietari e in ogni caso al responsabile dell'illecito, dovendo questi adoperarsi, in ragione della funzione ripristinatoria e non sanzionatoria dell'atto, per eliminare l'illecito, onde sottrarsi, salvo comprovare l'indisponibilità effettiva del bene, al pregiudizio della perdita della propria quota ideale di comproprietà.

Affinché l'ingiunzione di demolizione produca i propri effetti non è necessario che la stessa sia portata a conoscenza del suo destinatario con una particolare formalità essendo sufficiente che sussista la prova che il destinatario abbia avuto contezza di essa.
[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ittima l'ordinanza di demolizione che non sia stata notificata al comproprietario del manufatto abusivo.

La notifica e la comunicazione costituiscono una condizione legale di efficacia dell'ingiunzione di demolizione (trattandosi di atto recettizio impositivo di obblighi) vale a dire un presupposto di operatività del provvedimento nei confronti dei sui diretti destinatari.

In materia di reati edilizi, l'ingiunzione a demolire, conseguente all'ordine di demolizione disposto dal giudice penale con la sentenza di condanna del D.P.R. n. 380 del 2001, ex art. 31, comma 9, non deve essere notificata dal Pubblico Ministero al difensore, ma esclusivamente al condannato, essendo preordinata a consentirgli lo spontaneo adempimento dell'obbligo senza ulteriori aggravi di spese a suo carico.

Ai sensi dell'art. 27, comma 2, T.U. 6 giugno 2001 n. 380, in caso di interventi abusivi realizzati su aree di meritevoli di particolare tutela e protezione, l'ordine di demolizione debba seguire automaticamente all'accertamento dell'illecito, senza necessità di preventiva notifica della diffida a demolire al responsabile dell'abuso e senza alcun margine per ulteriori valutazioni, al fine di impedire che il trascorrere del tempo determini il con... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i situazioni soggettive che potrebbero impedire l'applicazione della sanzione ripristinatoria.

Ai fini della legittimità dell'iter procedimentale posto in essere dall'Amministrazione per il ripristino dei valori giuridici offesi dalla realizzazione dell'opera abusiva, è sufficiente la notifica dell'ordinanza di demolizione, così come degli atti consequenziali, ad uno solo dei comproprietari e in ogni caso al responsabile dell'illecito.

Il destinatario dell'ordine di demolizione, in presenza di opere eseguite in assenza di titolo edilizio e di autorizzazione paesaggistica è il soggetto che è identificabile come l'attuale proprietario dell'area sulla quale insistono gli abusi al quale quindi va rivolto l'ordine di demolizione affinché possa ripristinare lo stato dei luoghi.

Poiché la notifica dell'ordinanza di demolizione (in quanto atto recettizio impositivo di obblighi) ne condiziona l'efficacia nei confronti dei diretti destinatari, la relativa omissione è censurabile esclusivamente dal soggetto nel cui interesse la comunicazione stessa è posta, dato che alcun pregiudizio può discendere in capo a chi ha ricevuto ritualmente la notificazione dell'atto, per effetto d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a notifica del provvedimento agli altri comproprietari del bene.

L'ordinanza di demolizione, con assegnazione del termine di novanta giorni per la sua esecuzione, deve essere notificata sia al responsabile dell'abuso sia al proprietario.

L'ordinanza di demolizione dell'opera abusivamente realizzata va obbligatoriamente notificata in via prioritaria e a pena di illegittimità al responsabile dell'abuso edilizio, mentre l'omessa notifica della stessa al proprietario dell'area, nella quale è stato commesso l'abuso edilizio, comporta soltanto la mancata acquisizione al patrimonio comunale dell'area stessa.

In ragione del carattere vincolato dell'atto, non occorre alcun avviso di avvio del procedimento per gli atti sanzionatori in materia edilizia, tra cui l'ordine di demolizione della costruzione abusiva.

Il provvedimento di demolizione non può ritenersi illegittimo per il solo fatto di non essere stato notificato anche al comproprietario atteso che, in mancanza di tale notifica, spetta al comproprietario pretermesso far valere con autonoma impugnativa le proprie doglianze entro il termine decorrente dalla piena conoscenza del provvedimento di demolizione.

La notifica e la comunicazione co... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...na condizione legale di efficacia dell'ingiunzione di demolizione (trattandosi di atto recettizio impositivo di obblighi), vale a dire un presupposto di operatività dell'atto nei confronti dei sui diretti destinatari.

Il soggetto nel cui interesse è prevista la notifica di ingiunzione di demolizione può legittimamente censurarne l'omissione, che assume un valore sostanziale e non meramente procedimentale o processuale; ciò in ragione della funzione assolta dall'istituto consistente nella esigenza di portare a conoscenza dell'atto il suo destinatario onde ottenere da lui la sua personale e soggettiva collaborazione necessaria per il conseguimento del fine di ripristino della legalità violata.

L'ordinanza di demolizione di opera edilizia abusiva deve essere rivolta nei confronti del proprietario attuale indipendentemente dall'essere o meno responsabile delle opere abusive nonché nei confronti di chi utilizzi o abbia la disponibilità dell'opera abusiva quale soggetto in grado di porre fine alla situazione antigiuridica indipendentemente dal coinvolgimento o meno nella realizzazione dell'abuso, in considerazione del carattere ripristinatorio della demolizione.

Ai sensi dell'art. 7 comma 3,... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...raio 1985 n. 47, è legittima l' ordinanza di demolizione e di acquisizione di opere edilizie abusive effettuata nei soli confronti del responsabile dell'abuso e non anche del proprietario dell'immobile, in quanto anche sul piano letterale la norma si riferisce esclusivamente all'uno, e non all'altro, per l'evidente ragione di ancorare l'attività riparatoria in primo luogo all'effettivo autore dell'illecito.

L'Amministrazione comunale non ha l'onere di notificare l'ordine di demolizione anche al terzo detentore non proprietario dell'immobile abusivo.

La mancata notifica dell'ordine di demolizione al proprietario del fondo laddove questi sia un soggetto diverso dal responsabile dell'abuso non incide né sulla legittimità dell'ordine di demolizione né sulla idoneità dell'ordine di demolizione (se ritualmente notificato al responsabile dell'abuso) a costituire il presupposto per il verificarsi dell'effetto acquisitivo anche nei confronti del proprietario del fondo, laddove questi non abbia dimostrato la sua completa estraneità alla realizzazione dell'opera abusiva o che, essendone egli venuto a conoscenza aliunde, si sia adoperato per impedirla.

L'omessa notifica dell'ordine di demolizione n... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e; inficiarne la validità, rilevando esclusivamente come causa ostativa alla completa ed esatta conoscenza del contenuto del provvedimento ai fini della sua eventuale impugnazione.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI