Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Notificazione del provvedimento di demolizione dell'abuso edilizio

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> PROVVEDIMENTO --> NOTIFICAZIONE

La mancata notificazione al comproprietario non inficia di per sé la legittimità della misura repressiva - ripristinatoria dell'opera abusivamente realizzata.

In materia di abusi edilizi il destinatario dell'ordine di demolizione è il soggetto che ha la disponibilità dell'opera, indipendentemente dal fatto che l'abbia concretamente realizzata.

Per i provvedimenti sanzionatori in materia urbanistica è sufficiente la notifica al proprietario dell'area o all'autore degli abusi.

Ai fini della legittimità dell' iter procedimentale posto in essere dall'Amministrazione per il ripristino dei valori giuridici offesi dalla realizzazione dell'opera edilizia abusiva è sufficiente la notifica dell'ordinanza di demolizione, così come degli atti consequen... _OMISSIS_ ...ei comproprietari e in ogni caso al responsabile dell'illecito, dovendo questi adoperarsi, in ragione della funzione ripristinatoria e non sanzionatoria dell'atto, per eliminare l'illecito, onde sottrarsi, salvo comprovare l'indisponibilità effettiva del bene, al pregiudizio della perdita della propria quota ideale di comproprietà.

Affinché l’ingiunzione di demolizione produca i propri effetti non è necessario che la stessa sia portata a conoscenza del suo destinatario con una particolare formalità essendo sufficiente che sussista la prova che il destinatario abbia avuto contezza di essa.

Illegittima l’ordinanza di demolizione che non sia stata notificata al comproprietario del manufatto abusivo.

La notifica e la comunicazione costituiscono una condizione legale di efficacia dell'ingiunzione di demolizione (trattandosi di atto recettizio impositivo di obblighi) vale a dire un... _OMISSIS_ ...atività del provvedimento nei confronti dei sui diretti destinatari.

Ai sensi dell'art. 27, comma 2, T.U. 6 giugno 2001 n. 380, in caso di interventi abusivi realizzati su aree di meritevoli di particolare tutela e protezione, l'ordine di demolizione debba seguire automaticamente all'accertamento dell'illecito, senza necessità di preventiva notifica della diffida a demolire al responsabile dell'abuso e senza alcun margine per ulteriori valutazioni, al fine di impedire che il trascorrere del tempo determini il consolidarsi di situazioni soggettive che potrebbero impedire l'applicazione della sanzione ripristinatoria.

Il destinatario dell’ordine di demolizione, in presenza di opere eseguite in assenza di titolo edilizio e di autorizzazione paesaggistica è il soggetto che è identificabile come l’attuale proprietario dell’area sulla quale insistono gli abusi al quale quindi va rivolto l’or... _OMISSIS_ ...affinché possa ripristinare lo stato dei luoghi.

Poiché la notifica dell’ordinanza di demolizione (in quanto atto recettizio impositivo di obblighi) ne condiziona l’efficacia nei confronti dei diretti destinatari, la relativa omissione è censurabile esclusivamente dal soggetto nel cui interesse la comunicazione stessa è posta, dato che alcun pregiudizio può discendere in capo a chi ha ricevuto ritualmente la notificazione dell'atto, per effetto della mancata notifica del provvedimento agli altri comproprietari del bene.

L'ordinanza di demolizione, con assegnazione del termine di novanta giorni per la sua esecuzione, deve essere notificata sia al responsabile dell'abuso sia al proprietario.

L'ordinanza di demolizione dell'opera abusivamente realizzata va obbligatoriamente notificata in via prioritaria e a pena di illegittimità al responsabile dell'abuso edilizio, mentre... _OMISSIS_ ...ella stessa al proprietario dell'area, nella quale è stato commesso l'abuso edilizio, comporta soltanto la mancata acquisizione al patrimonio comunale dell'area stessa.

In ragione del carattere vincolato dell’atto, non occorre alcun avviso di avvio del procedimento per gli atti sanzionatori in materia edilizia, tra cui l’ordine di demolizione della costruzione abusiva.

Il provvedimento di demolizione non può ritenersi illegittimo per il solo fatto di non essere stato notificato anche al comproprietario atteso che, in mancanza di tale notifica, spetta al comproprietario pretermesso far valere con autonoma impugnativa le proprie doglianze entro il termine decorrente dalla piena conoscenza del provvedimento di demolizione.

La notifica e la comunicazione costituisce una condizione legale di efficacia dell'ingiunzione di demolizione (trattandosi di atto recettizio impositivo di obblighi), vale a dire ... _OMISSIS_ ...eratività dell'atto nei confronti dei sui diretti destinatari.

Il soggetto nel cui interesse è prevista la notifica di ingiunzione di demolizione può legittimamente censurarne l'omissione, che assume un valore sostanziale e non meramente procedimentale o processuale; ciò in ragione della funzione assolta dall'istituto consistente nella esigenza di portare a conoscenza dell'atto il suo destinatario onde ottenere da lui la sua personale e soggettiva collaborazione necessaria per il conseguimento del fine di ripristino della legalità violata.

L’ordinanza di demolizione di opera edilizia abusiva deve essere rivolta nei confronti del proprietario attuale indipendentemente dall'essere o meno responsabile delle opere abusive nonché nei confronti di chi utilizzi o abbia la disponibilità dell’opera abusiva quale soggetto in grado di porre fine alla situazione antigiuridica indipendente... _OMISSIS_ ...ento o meno nella realizzazione dell’abuso, in considerazione del carattere ripristinatorio della demolizione.

Ai sensi dell'art. 7 comma 3, l. 28 febbraio 1985 n. 47, è legittima l' ordinanza di demolizione e di acquisizione di opere edilizie abusive effettuata nei soli confronti del responsabile dell'abuso e non anche del proprietario dell'immobile, in quanto anche sul piano letterale la norma si riferisce esclusivamente all'uno, e non all'altro, per l'evidente ragione di ancorare l'attività riparatoria in primo luogo all'effettivo autore dell'illecito.

L'Amministrazione comunale non ha l'onere di notificare l'ordine di demolizione anche al terzo detentore non proprietario dell'immobile abusivo.

La mancata notifica dell'ordine di demolizione al proprietario del fondo laddove questi sia un soggetto diverso dal responsabile dell'abuso non incide né sulla legittimità dell'ordine di demoliz... _OMISSIS_ ... idoneità dell'ordine di demolizione (se ritualmente notificato al responsabile dell'abuso) a costituire il presupposto per il verificarsi dell'effetto acquisitivo anche nei confronti del proprietario del fondo, laddove questi non abbia dimostrato la sua completa estraneità alla realizzazione dell'opera abusiva o che, essendone egli venuto a conoscenza aliunde, si sia adoperato per impedirla.

L'omessa notifica dell'ordine di demolizione non può inficiarne la validità, rilevando esclusivamente come causa ostativa alla completa ed esatta conoscenza del contenuto del provvedimento ai fini della sua eventuale impugnazione.