I BENI CULTURALI ARCHEOLOGICI, STORICI E ARTISTICI

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

Boschetti, Monica

05 agosto 2021

 / 92 Pagine in formato libro (17X24 cm)

Attraverso la stesura di quest’opera, con un’analisi puntuale delle disposizioni di cui al D.lgs. n. 42/2004 per ogni argomento, si focalizza l’attenzione sui beni culturali, sia analizzandone la definizione fornita dal legislatore, sia soffermandosi sui procedimenti di verifica e dichiarazione dell’interesse culturale (che portano all’apposizione del vincolo), sia descrivendo i procedimenti che ne interessano la circolazione e le vicende traslative. In particolare, è stata prediletta l’analisi delle vicende circolatorie all’interno dei confini nazionali. Infine, un breve cenno alla fruizione e alla valorizzazione dei beni in argomento.

20,00

  • editore: Exeo
  • collana: patrimoniopubblico
  • numero in collana: 22
  • isbn: 978-88-6907-315-1
  • sigla: PL43
  • categoria: MONOGRAFIE
  • tipologia: giuridica
  • genere: studio applicato
  • altezza: cm 24
  • larghezza: cm 17
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: NO - Copia/Incolla: NO
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

CAPITOLO I - INTRODUZIONE

1. Premessa: la qualificazione dei beni culturali.

1.2. I beni culturali ex lege.

1.3. I beni culturali con interesse qualificato.

1.4. I beni culturali soggetti a verifica dell'interesse culturale.

2. Il procedimento di dichiarazione di interesse culturale.

3. Aspetti in comune dei procedimenti di verifica e di dichiarazione dell'interesse culturale.

4. Gli effetti della dichiarazione di culturalità.

4.1. Il c.d. vincolo di culturalità diretto.

4.2. Il c.d. vincolo indiretto.

5. Brevi cenni sui beni paesaggistici.


CAPITOLO II - LE MISURE A TUTELA DEI BENI CULTURALI

1. Gli effetti dell'imposizione del vincolo di culturalità.

2. Gli obblighi di conservazione dei beni culturali.

3. Conclusioni.


CAPITOLO III - LA CIRCOLAZIONE DEI BENI CULTURALI

1. Premessa.

2. La circolazione dei beni culturali: profili generali.

3. L'alienazione dei beni culturali.

4. L'acquisto in via di prelazione.

5. Il commercio delle cose antiche o usate.

6. L'espropriazione dei beni culturali.

6.1. L'espropriazione di un bene già dichiarato culturale.

6.2. L'espropriazione per finalità strumentali.

6.3. L'espropriazione per interesse archeologico.

7. Conclusioni.


CAPITOLO IV - LA FRUZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI.

1. Premessa. Le fonti normative. Nozioni di "fruizione" e "valorizzazione" dei beni culturali.

2. La concessione (rectius, l'uso) dei beni culturali.

3. Le forme di gestione per la valorizzazione dei beni culturali.


CONCLUSIONI

 

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Partendo da un’analisi del Codice dei Beni culturali e del paesaggio (D.lgs. n. 42/2004), l’opera può idealmente essere suddivisa in due parti: una prima parte dedicata al procedimento di verifica e dichiarazione dell’interesse culturale ed una seconda parte dedicata alla circolazione dei beni culturali.
La definizione dei beni culturali è invero ampia e fornita dal legislatore all’art. 10 del Codice.
Sono stati poi analizzati i procedimenti di verifica e di dichiarazione dell’interesse culturale che portano al sorgere del c.d. vincolo di culturalità. Il Codice dei Beni culturali prevede un vincolo diretto (che riguarda – appunto – direttamente il ben culturale) e un vincolo indiretto, che riguarda invece la «cornice» in cui si inserisce il bene dichiarato culturale.
La seconda parte dell’opera è invece dedicata alle vicende traslative dei beni culturali, con la scelta dell’autrice di focalizzarsi solo sulla circolazione dei beni culturali a livello nazionale.
L’alienazione dei beni culturali prevede sempre l’intervento autorizzatorio del Ministero dei Beni Culturali oltre che la c.d. denuntiatio, condizione necessaria affinché possa (eventualmente) essere effettuato il c.d. acquisto in via di prelazione (o «prelazione artistica»), come previsto dagli artt. 60 – 62 del Codice. Particolarmente interessante è l’analisi del procedimento di espropriazione dei beni culturali, oltre che il capitolo relativo alla fruizione e alla valorizzazione dei beni culturali, con un cenno alle novità inserite dal D.L. Semplificazioni.
Il fil rouge dell’intera opera resta peraltro quanto previsto dall’art. 9 Cost., che postula – com’è noto, tra i Principi Fondamentali del nostro ordinamento democratico – la «tutela del patrimonio storico e artistico della Nazione».

Galleria immagini

Ultimi articoli pubblicati

APPROFONDIMENTI

Ai sensi dell’art. 95 del Codice, «i beni culturali immobili e mobili possono essere espropriati dal Ministero per causa di pubblica utilità, quando l’espropriazione risponda ad un importante interesse a migliorare le condizioni di tutela ai fini della fruizione pubblica dei beni m...
Apri l'articolo
Presupposto per l’acquisto del bene culturale in via di prelazione è l’avvenuta denuncia ai sensi dell’art. 59 del D.lgs. n. 42/2004. La prelazione – ai sensi dell’art. 61 del Codice – può infatti esercitarsi «entro sessanta giorni dalla data di ricezione...
Apri l'articolo
1. Le fonti normative. Nozioni di «fruizione» e «valorizzazione» dei beni culturali. Ai sensi dell’art. 101, commi 3 e 4 del Codice dei beni culturali, «gli istituti ed i luoghi di cui al comma 1 che appartengono a soggetti pubblici sono destinati alla pubblica...
Apri l'articolo