Effetti derivanti dalle scelte discrezionali della P.A. sulla destinazione urbanistica delle aree

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. --> NELLE SCELTE URBANISTICHE --> MOTIVAZIONE --> INCIDENZA SU PIANI ATTUATIVI

L’Amministrazione gode di ampia discrezionalità nelle scelte urbanistiche che non necessitano di apposita motivazione, oltre a quella che si può evincere dai criteri generali, di ordine tecnico-discrezionale, seguiti nell’impostazione del piano attuativo, per il quale, pertanto, è sufficiente il rispetto di una coerenza complessiva delle scelte pianificatorie.

È richiesto un onere di motivazione più incisivo nelle scelte urbanistiche dell’Amministrazione laddove lo strumento urbanistico effettui un sovradimensionamento delle aree destinate ad ospitare attrezzature pubbliche e di interesse pubblico ... _OMISSIS_ ... aree standard), quantificandole in misura maggiore rispetto ai parametri minimi fissati dalla normativa.

Non è ravvisabile in capo all’Amministrazione un obbligo di specifica motivazione sulle scelte assunte in ordine alle destinazioni delle singole aree dal momento che nella formazione dello strumento urbanistico e nelle scelte che presiedono all’approvazione di varianti generali del regolamento urbanistico l’amministrazione ha di regola un’ampia potestà discrezionale non assumendo rilievo a tal fine l’esistenza di un piano di lottizzazione o di altro strumento attuativo se questo non è stato già approvato.

Nel bilanciamento tra l’interesse dei privati proprietari interessati a mantenere intatte le possibili... _OMISSIS_ ...fettive di cui i loro immobili avevano beneficiato sotto il vigore del previgente PRG e l’interesse pubblico dell’Amministrazione a programmare, mediante il successivo PGT, uno sviluppo urbano improntato alla sostenibilità ambientale, l’Amministrazione comunale può effettuare modifiche alle destinazioni previste dal precedente strumento urbanistico senza esser tenuta ad una particolareggiata motivazione in ordine ad ogni singola scelta effettua, ma essendo sufficiente che emergano nel complesso le ragioni che sorreggono l’esercizio della potestà pianificatoria.

Uno specifico onere motivazionale non sussiste, in linea di principio, per gli strumenti urbanistici generali: l’esigenza di una più incisiva e singolare motivazione si dà ... _OMISSIS_ ...ne a determinati profili, quale la preesistenza di una convenzione di lottizzazione, in ragione dell’affidamento qualificato che ne deriva per il privato.

In sede di pianificazione l’amministrazione non è tenuta a motivare specificamente le scelte riguardanti le singole zone, essendo a tal fine sufficiente il richiamo ai criteri generali seguiti nell'impostazione del piano salvo quando il soggetto interessato dall'atto di pianificazione versi in situazione di particolare affidamento che può derivare o da una convenzione urbanistica che riservi all'area un trattamento più favorevole rispetto a quello introdotto con il piano sopravvenuto, ovvero da una sentenza di annullamento di un provvedimento di diniego al rilascio di un titolo edilizio.
|... _OMISSIS_ ... di più dettagliata motivazione delle scelte urbanistiche si impone per la P.A. unicamente quando la nuova destinazione va ad incidere su un atto formalmente assunto dall’Amministrazione, quale un piano di lottizzazione debitamente approvato e convenzionato.

E’ sempre possibile per l’amministrazione rivedere le proprie scelte in materia urbanistica, essendo solo obbligata a rendere una motivazione rinforzata e comparativa, tra interesse pubblico e privato, quando le nuove valutazioni incidono su aspettative dei privati particolarmente qualificate, come, quelle che sorgono da impegni già assunti dalla stessa amministrazione mediante approvazione di piani attuativi o stipula di convenzioni.

Nella formazione dello strumento urbani... _OMISSIS_ ... l'Amministrazione è titolare di un'ampia potestà discrezionale per quanto concerne la programmazione degli assetti del territorio, senza necessità di motivazione specifica sulle scelte adottate e senza che l'obbligo motivazionale venga imposto o mutato sulla base della mera presentazione di osservazioni da parte dei privati.

Nel caso in cui il piano di lottizzazione sia stato solamente approvato ma non sia intervenuta la stipula di una convenzione di lottizzazione, non è ravvisabile l’obbligo dell’amministrazione di dare una specifica motivazione sulle esigenze che hanno indotto a modificare la previsione urbanistica preesistente.

In sede di disciplina urbanistica del territorio, si è ritenuta la necessità di una specifica ed adegua... _OMISSIS_ ... nel caso di variante con finalità specifica ed oggetto circoscritto e quando comunque la nuova disciplina, incidendo in peius su situazioni meritevoli di particolare considerazione, venga a travolgere aspettative legittime qualificate da speciali atti dell'amministrazione, come la preesistenza di una lottizzazione convenzionata.

Le nuove scelte urbanistiche, contenute nella variante di P.R.G., con cui il Comune rivede direttive pregresse ed adegua le strutture territoriali esistenti, non sono impedite dall'affidamento del lottizzante alla intangibilità della destinazione urbanistica delle aree oggetto di lottizzazione convenzionata né richiedono particolare motivazione allorché la perdita di efficacia della lottizzazione per scadenza del termine decennale abb... _OMISSIS_ ...il venir meno dei presupposti dello "ius aedificandi" e della posizione qualificata del lottizzante.

L'amministrazione ha l'onere di motivare le scelte urbanistiche che, adottate nell’ambito del p.r.g., incidano su una lottizzazione già approvata.

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. --> NELLE SCELTE URBANISTICHE --> MOTIVAZIONE --> INCIDENZA SU TITOLO EDILIZIO

Se si considera che nel vigente sistema normativo la durata dei vincoli d'inedificabilità ovvero di preordinazione all’esproprio è limitata nel tempo e che la possibilità di rinnovarli implica una congrua motivazione e la previsione di indennizzo, appare evidente che la delibera che determina un effetto non dissimile da quello di un pro... _OMISSIS_ ...proroghi l’efficacia di un vincolo (precludendo l’utilizzazione a fini edilizi di una superficie edificabile in base agli strumenti urbanistici esistenti), richieda un'adeguata comparazione tra interesse pubblico e interesse del privato.

Un'aspettativa qualiifcata del privato al rilascio del titolo edilizio, tale da restringere l’ampia discrezionalità relativa alla programmazione urbanistica e l’assunzione di scelte diverse quanto alla qualificazione e tipizzazione delle zone e/o alla loro suscettività edificatoria, e da imporre quindi una specifica motivazione, può ricollegarsi solo all’esistenza di un piano attuativo approvato e convenzionato, ad un permesso di costruire già rilasciato, ad un giudicato favorevole di annullamento... _OMISSIS_ ... titolo edilizio o dichiarativo dell’obbligo del suo rilascio, perché in generale le osservazioni presentate dai privati in sede di pianificazione urbanistica rappresentano semplici apporti collaborativi.

Non è ravvisabile un’aspettativa qualificata rispetto al mutamento della destinazione urbanistica pregressa della medesima area, mutamento rispetto al quale l’Amministrazione ha ampia discrezionalità e può modificare la destinazione stessa, anche in sens...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11592 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo