Discrezionalità della p.a. nella pianificazione degli standard urbanistici

PROCEDURA --> DISCREZIONALITÀ DELLA P.A. --> NELLE SCELTE URBANISTICHE --> STANDARD

Il Comune ha un obbligo di motivazione rafforzata, idonea e congrua in ordine alle ragioni che impongono l’aumento degli standard rispetto alle previsioni normative, in caso contrario risultando illegittima una tale scelta.

Le scelte contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica possono contemplare il sovradimensionamento degli standard, fatto salvo l’obbligo di una motivazione rafforzata che illustri le ragioni per le quali si è deciso di prevedere una dotazione di standard superiore a quella minima fissata dalla legge sebbene non si richieda nemmeno in tal caso una motivazione puntuale che riguardi le singole aree.

... _OMISSIS_ ... i requisiti per ritenere la sufficienza (urbanistica) del grado di urbanizzazione del comparto e quindi, al converso sussistendo la necessità di un piano attuativo a tal fine, la dotazione per standard (parcheggi e verde), prevista nel PRG, è corretta.

Lo standard di cui all’art. 5 DM n. 1444-1968 deve prendere come base di calcolo esclusivamente la destinazione principale e non le destinazioni compatibili (di carattere facoltativo).

. Il sovradimensionamento degli standard minimi di spazio da destinare a verde pubblico di cui al D.M. 2 aprile 1968, n. 1444, se sufficientemente contenuto, non necessita di una apposita giustificazione urbanistica, rientrando nell’ambito della discrezionalità della Amministrazione la possibilità di sc... _OMISSIS_ ... stessi

Non è irragionevole la scelta di compensare la sottrazione di un'area dalla dotazione a standard mediante il cambio di destinazione di altre aree limitrofe (compresa quella interessata dalle palazzine degradate da demolire) che viene modificata da completamento residenziale o strada pubblica a verde pubblico.

Il fatto che variante urbanistica realizzi una distribuzione degli spazi meno razionale rispetto al piano precedentemente in vigore, nei rapporti tra aree residenziali ed aree a standard, è aspetto recessivo, nella ponderazione comparativa degli interessi pubblici e privati, rispetto alla finalità primaria di recuperare un’area gravemente degradata e comunque non palesa una scelta manifestamente illogica od irrazionale tale da... _OMISSIS_ ...poter essere attinta dal sindacato di legittimità del giudice amministrativo.

Le aspettative dei sottoscrittori di un accordo convenzionale non riguardano solo la realizzazione immobiliare ma anche le connesse opere di urbanizzazione, essendo evidente che l’interesse sotteso all’adesione a un determinato piano attuativo si estende all’intero assetto del territorio da questo interessato.

Non è sufficiente a mettere in discussione l'esercizio della discrezionalità pianificatoria nell'imposizione di un vincolo di destinazione a parcheggio, un’affermazione generica e apodittica circa l’inutilità del parcheggio nella zona, in quanto già dotata di parcheggi, stante altresì la sovrabbondanza di parcheggi in tutto il... _OMISSIS_ ...unale. Infatti, se è vero che il superamento degli standard minimi di cui al d.m. n. 1444 del 1968 richiede uno specifico onere motivazionale, questa ulteriore motivazione va riferita esclusivamente alle previsioni urbanistiche complessive di sovradimensionamento, non alla singola zona, e comunque il sovradimensionamento deve essere dimostrato.

Sebbene in linea generale le scelte discrezionali dell'amministrazione riguardo alla destinazione di singole aree non necessitano di apposita motivazione oltre quella che si può evincere dai criteri generali - di ordine tecnico discrezionale - seguiti nell'impostazione del piano stesso, vi sono evenienze che giustificano una più incisiva e singolare motivazione delle suddette previsioni fra le quali rientra il superamen... _OMISSIS_ ...rds minimi di cui al d.m. 2 aprile 1968 nell’ambito delle zone funzionali. Si tratta di un principio che trova il suo fondamento nell’art. 42 della Costituzione il quale subordina l’esercizio del potere espropriativo alla sussistenza di motivi di pubblica utilità. E’ evidente, infatti, che l’individuazione una quantità di aree a destinazione pubblica (e quindi soggette a vincolo espropriativo) assai maggiore di quella necessaria per integrare le normali dotazioni di servizi da parte dello strumento urbanistico debba rispondere a necessità infrastrutturali che vanno puntualmente evidenziate a pena di lasciare priva di motivazione la prima e fondamentale fase del procedimento espropriativo che rimonta alla apposizione del vincolo preordinato ... _OMISSIS_ ...

Le scelte contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica non necessitano di una particolare motivazione, diversa da quella evincibile dalla relazione generale di accompagnamento al Piano, salvo che ricorrano particolari ipotesi, fra cui quella del sovradimensionamento degli standard. In quest’ultima ipotesi, l’Amministrazione è quindi tenuta ad offrire una motivazione rafforzata, che illustri le ragioni per le quali si è deciso di prevedere una dotazione di standard superiore a quella minima fissata dalla legge. A tal fine, comunque, non è necessaria una motivazione puntuale che riguardi le singole aree, essendo invece sufficiente che si chiarisca perché, per l’intero ambito interessato, si è deciso di prevedere una dotazione superi... _OMISSIS_ ...nima.

L’individuazione delle aree a standard per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale può incorrere nei vizi di irragionevolezza o di difetto di proporzionalità, qualora vi sia un evidente errore nella ricognizione dei bisogni della collettività. Non è però automaticamente qualificabile come sintomo dei suddetti vizi il superamento della dotazione minima prevista da norme di legge. In realtà, anche una dotazione molto superiore a quella minima può essere legittimamente programmata dagli strumenti urbanistici, in quanto la discrezionalità pianificatoria può certamente porsi obiettivi di qualità ambiziosi, da realizzare in un ampio intervallo temporale. Il punto decisivo diventa quindi l’utilità delle singole attrezzature, e la c... _OMISSIS_ ...a localizzazione delle stesse.

Le scelte contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica non necessitino di particolare motivazione diversa da quella evincibile dalla relazione generale di accompagnamento al piano, salvo che ricorrano particolari ipotesi fra cui quella di sovradimensionamento degli standard.

In caso di sovradimensionamento degli standard, l’Amministrazione è tenuta ad offrire una motivazione rafforzata che illustri le ragioni per le quali si è deciso di prevedere una dotazione di standard superiore a quella minima fissata dalla legge; a tal fine, tuttavia, non è necessaria una motivazione puntuale che riguardi le singole aree, essendo invece sufficiente che si chiarisca perché, per l’intero ambito comunale, s... _OMISSIS_ ...revedere una dotazione superiore a quella minima.

L'intenzione dell’Amministrazione di creare delle spine verdi e dei sistemi di servizi continui che permettano, attraverso aree verdi e piste ciclopedonali, il collegamento dei servizi collocati nelle varie porzioni in cui si articola il territorio comunale costituisce motivazione immune da vizi logici e perciò idonea, anche se sintetica, ad illustrare le ragioni del sovradimensionamento degli standard.

L’obbli...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13039 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo