L'indennizzo per reiterazione dei vincoli espropriativi

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> DECADENZA, REITERAZIONE, INDENNIZZO --> INDENNIZZO --> INDENNIZZO DA REITERAZIONE

Ai fini della titolarità dell'obbligo all'indennizzo da reiterazione del vincolo, pur riconducendosi il procedimento di approvazione di uno strumento urbanistico nel paradigma dell'"atto complesso ineguale", l'atto nel suo complesso, al di là dell'incidenza del potere di controllo sostitutivo della Regione, è pur sempre riferibile - come in tutte le ipotesi di atti sottoposti al controllo da parte di altri enti - al Comune, che lo ha elaborato sulla base degli interessi locali della collettività.

Con la sentenza n. 179 del 1999 la Corte costituzionale - dopo aver confermato ... _OMISSIS_ ...à della reiterazione dei vincoli preordinati all’esproprio ove giustificata da esigenze appositamente valutate ed attuali – ha dichiarato l’incostituzionalità della normativa urbanistica di riferimento nella parte in cui non prevedeva l’obbligo di indennizzo nel caso di rinnovo del vincolo una volta superato il primo periodo di durata ordinaria quinquennale.

Intervenuta la decadenza del vincolo espropriativo, la reiterazione della condizione d'inedificabilità può ingenerare una distinta pretesa del privato, la cui aspettativa sia stata compressa oltre i limiti temporali di tollerabilità: ma la tutela, sempre che ne ricorrano gli estremi va ricercata in un ambito diverso dalla disciplina sull'indennità di espropriazione, ed è, in effetti... _OMISSIS_ ...vamente prevista dal D.P.R. n. 327 del 2001, art. 39.

L'art. 39 DPR 327/2001 ha fissato alcune regole riguardanti l'an e il quantum dell’indennità in caso di reitera del vincolo, nonché il procedimento avente ad un tempo natura di presupposto processuale per la proponibilità della domanda e la funzione di determinare gli elementi rilevanti per la fattispecie.

Alla luce della sentenza della Corte Cost. n. 179/1999, la permanenza del vincolo espropriativo oltre i termini previsti, e senza alcun inizio serio dell’espropriazione, non può essere dissociato dalla previsione di un indennizzo.

Secondo la Corte Costituzionale in caso di reitera del vincolo espropriativo sorge obbligo di indennizzo che “opera una volta sup... _OMISSIS_ ...o di durata (tollerabile) fissato dalla legge (periodo di franchigia)”. In altre parole, la permanenza del vincolo oltre i termini previsti, e senza alcun inizio serio dell’espropriazione, “non può essere dissociato . . . dalla previsione di un indennizzo”.

L'indennità di cui all'art. 39 DPR 327/2001 non consegue alla mera decadenza del vincolo, presupponendone la reiterazione.

Non costituisce motivo di illegittimità della specifica previsione di piano contenente un vincolo preordinato all’esproprio il fatto di non aver previsto la spettanza di una indennità, dal momento che quest’ultima è dovuta solo in caso di reiterazione o di proroga ultraquinquennale del vincolo medesimo e previa domanda dell’intere... _OMISSIS_ ...CRLF| Alla luce del disposto di cui all'art. 39 DPR 327/2001, il fatto costitutivo del diritto all'indennizzo non è individuabile nell'imposizione originaria di un vincolo d'inedificabilità, e neanche nella protrazione di fatto del medesimo dopo la sua decadenza, il relativo obbligo insorgendo in seguito all'atto che formalmente ed esplicitamente lo reitera una volta superato il primo periodo di ordinaria durata temporanea del vincolo, reiterazione non desumibile nel caso di protrazione di fatto dello stesso e neppure per implicito da atti di diniego di domande di autorizzazione lottizzatoria o di concessione.

La durata della prescrizione del credito indennitario conseguente alla reitera dei vincoli è decennale.

Solo in ipotesi di reiterazione ... _OMISSIS_ ...reordinato all'esproprio o di un vincolo sostanzialmente espropriativo è dovuta al proprietario un'indennità, commisurata all'entità del danno effettivamente prodotto.

Per i vincoli espropriativi derivanti da pianificazione urbanistica, il fatto costitutivo del diritto all'indennizzo (o al risarcimento del danno), non è individuabile nell'imposizione originaria di un vincolo d'inedificabilità, e neppure nella protrazione di fatto del medesimo dopo la sua decadenza; il relativo obbligo sorge in seguito all'atto che formalmente ed esplicitamente lo reitera una volta superato il primo periodo di ordinaria durata temporanea del vincolo (quale determinata dal legislatore entro limiti non irragionevoli, come indice della normale sopportabilità del peso gravante in m... _OMISSIS_ ... sul singolo).

Escluse le ipotesi in cui il vincolo sia anche nell’interesse del proprietario (ossia quando il proprietario ha la volontà e la possibilità di realizzare direttamente le opere pubbliche a cui il vincolo è finalizzato), in tutti gli altri casi la reiterata presenza del vincolo costituisce un’alterazione del normale modo di essere del diritto di proprietà e non può sottrarsi all’onere di una compensazione economica.

La decisione della Core Cost. n. 179/199 ha introdotto nell'ordinamento, dal giorno successivo alla sua pubblicazione, il diritto all'indennizzo per la reiterazione di vincoli urbanistici scaduti preordinati all'espropriazione o comportanti l'inedificabilità; ciò quindi anche indipendentemente dall'esis... _OMISSIS_ ...trata in vigore di uno specifico intervento legislativo sulla quantificazione e sulle modalità di liquidazione dell'indennizzo e, quindi, anche prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 327 art. 39.

Il problema della temporaneità e della conseguente indennizzabilità della protrazione dei vincoli urbanistici, si può porre solo nei confronti dei vincoli preordinati all'espropriazione o sostanzialmente ablativi.

La reiterazione dei vincoli impone l’assegnazione di un adeguato indennizzo, ai sensi dell’ art. 39 del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 e dell’ art. 34, IV comma della LR. Veneto n. 11/04.

In ipotesi in cui il vincolo decaduto per scadenza del quinquennio di efficacia non sia reiterato, non dev'... _OMISSIS_ ... alcun indennizzo in favore dei titolari del bene.

La proroga del vincolo (da parte dell'ente territoriale che lo ha apposto) comporta l'obbligo di corresponsione al proprietario del terreno dallo stesso gravato, dello speciale indennizzo ora disciplinato dal D.P.R. n. 327 del 2001, art. 39.

L'art. 39 DPR 327/2001, ha recepito il principio della Corte. cost. (sent. n. 179/1999), circa il ristoro patrimoniale del sacrificio del privato, a seguito della reiterazione del vincolo d'inedificabilità, finalizzato all’esproprio.

Con l'art. 39 il DPR 327/2001 ha fissato, con riguardo all'indennità da reitera del vincolo, alcune regole riguardanti l'an e il quantum, nonché il procedimento avente ad un tempo natura di presupposto proce... _OMISSIS_ ...roponibilità della domanda e la funzione di determinare gli elementi rilevanti per la fattispecie.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> DECADENZA, REITERAZIONE, INDENNIZZO --> INDENNIZZO --> INDENNIZZO DA REITERAZIONE --> CONDIZIONI

Nessun pregiudizio può derivare dalla reitera del vincolo qualora il compendio immobiliare interessato risulti essere stato utilizzato e goduto senza limitazioni di ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17913 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo