Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

IL CODICE DELL'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E AGEVOLATA

EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA --> ASSEGNAZIONE

Il rapporto che si instaura a seguito dell’assegnazione di un alloggio di servizio al dipendente rientra nel novero delle concessioni amministrative e non è, pertanto, riconducibile ad alcuno dei diritti da considerare cause escludenti dall’assegnazione di alloggi di edilizia sovvenzionata ed agevolata (proprietà, usufrutto, uso e abitazione).

Il godimento di un alloggio di servizio, siccome correlato all’incarico ricoperto, in considerazione della sua evidente precarietà, non può costituire condizione preclusiva all’eventuale assegnazione, secondo le regole previste per la generalità dei cittadini, di un alloggio di edilizia convenzionata-agevolata che assicuri al dipendente e alla sua famiglia la disponibilità di un’abitazione, una volta cessata la situazione transitoria; una diversa soluzione costituirebbe una limitazione di notevole rilevanza imposta nei confronti dei dipendenti militari, ai quali resterebbe preclusa, a differenza degli altri cittadini, la possibilità di poter conseguire, sol perché venuti a trovarsi transitoriamente in una situazione di apparente incompatibilità, la titolarità di un’abitazione propria, con possibile discrimine anche di rilievo costituzionale.

In tema di edilizia popolare ed economica, l'acquisto della proprietà dell'alloggio sociale da parte del socio di cooperativa edilizia fruente del contributo erariale, non si verifica per effetto di un contratto, bensì in virtù ed al termine di un complesso procedimento, plurifasico, improntato al perseguimento di finalità pubblicistiche.

Con riguardo alle cooperative edilizie che fruiscono di contributo statale, la prenotazione dell’alloggio da parte del socio non è configurabile come un’accettazione di una proposta contrattuale nell’ambito di uno schema privatistico, ma si qualifica come semplice momento di un complesso procedimento, di rilevanza pubblicistica, diretto alla assegnazione dell’alloggio, dopo la quale potrà avere luogo il negozio traslativo dell’alloggio con acquisizione del diritto di proprietà su di esso.

In materia di edilizia convenzionata, l’assimilazione della prenotazione al contratto preliminare è stata ammessa anche dalla giurisprudenza amministrativa: questa ha attributo alla prenotazione dell’alloggio di edilizia popolare il ruolo di prima fase del complesso procedimento amministrativo di assegnazione al socio di un appartamento di cooperativa convenzionata. In detta prospettiva, la prenotazione si pone come un atto intermedio intercorrente necessariamente tra l’iscrizione a socio e la medesima assegnazione.

In tema di edilizia abitativa agevolata, l’assegnazione... _OMISSIS_ ...