Casi di sostituzione della demolizione con la sanzione pecuniaria

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> SANZIONI PECUNIARIE SOSTITUTIVE

La possibilità di sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria, per un verso, va valutata dalla P.A. nella fase esecutiva della demolizione, successiva ed autonoma rispetto all'ordine di demolizione in sé e nella quale gli interessati ben potranno dedurre lo stato di pericolo per la stabilità dell’edificio. Per altro e correlato verso, tal sanzione pecuniaria, derogatoria alla regola generale della demolizione nei casi di illeciti edilizi di cui al co. 1 dell’art. 34 del DPR 380/2001, può esser applicata solo ove sia oggettivamente impossibile la demolizione delle parti difformi senza incidere sulla stabilità dell'intero edificio.

L'ar... _OMISSIS_ ...80/2001 serve a regolare un regime sanzionatorio più mite solo per opere edilizie conformi ad un titolo abilitativo poi rimosso. E ciò essenzialmente per ragioni di tutela d’un serio affidamento in capo al privato, perlopiù ad un terzo acquirente in buona fede del bene così realizzato, al fine d’ottenerne la conservazione, ancorché sanzionato.

L’essenza della norma che applica la sanzione pecuniaria sostitutiva della demolizione ex art. 38 del DPR 380/2001, va colta nel senso che la possibilità di ripristino sia intesa non come possibilità tecnica di effettuarlo (poiché occorre sempre valutare l'opportunità di ricorrere alla demolizione dell'opera abusiva), bensì comparando l'interesse pubblico al recupero dello status quo ante ... _OMISSIS_ ... della posizione giuridica del privato incolpevole che aveva confidato nell'esercizio legittimo del potere amministrativo. Ciò vuol dire che, se l’affidamento è il cardine ermeneutico per giungere alla sanzione sostitutiva, il privato, che abusi del titolo già illegittimo per realizzare interventi addirittura difformi da quanto autorizzato ed in sé illeciti, non versa in una situazione d’affidamento incolpevole e la sanzione sostitutiva dipende solo dall’impossibilità materiale del ripristino.

La regola immanente all'art. 38 comma 1, D.P.R. n. 380 del 2001, riprodotta nell’art. 19 della L.R. Emilia Romagna n. 23/2004, è rappresentata dall'operatività della sanzione reale che, in quanto effetto primario e naturale derivante dall'annullam... _OMISSIS_ ...so di costruire, non richiede all'amministrazione un particolare impegno motivazionale, ma rinviene nella legalità violata la sua giustificazione in re ipsa, sicché la sanzione alternativa pecuniaria deve intendersi riferita alle sole costruzioni assentite mediante titoli abilitativi annullati per vizi formali, e non anche sostanziali.

La conversione della demolizione in sanzione pecuniaria è consentita, ai sensi dell’articolo 34, comma 2, D.P.R. n. 380/2001, soltanto in ipotesi di parziale difformità delle opere dal permesso di costruire, mentre è esclusa nella fattispecie in cui vi sia modificazione stabile e non transitoria del territorio comunale, con aumento del carico urbanistico e in totale assenza di titolo edilizio.

Dall’esa... _OMISSIS_ ...izione di cui all’art. 34 del T.U. Edilizia, si evince che la fiscalizzazione dell’abuso edilizio, consistente nella sostituzione della sanzione demolitoria con quella pecuniaria, può trovare applicazione solo in caso di opere realizzate in “parziale difformità” dal titolo edilizio; di contro, non vi è spazio per l’applicazione della norma in caso di totale carenza del titolo edilizio.

La possibilità di sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria, disciplinata dall’art. 34 del T.U. Edilizia, deve essere valutata dall’Amministrazione competente nella fase esecutiva del procedimento, successiva ed autonoma rispetto all’ordine di demolizione, la cui adozione consegue alla carenza del titolo abilitativo.... _OMISSIS_ ... La c.d. fiscalizzazione dell’abuso è consentita nelle sole ipotesi di cui agli artt. 34 e 38 del D.P.R. n. 380/2001.

Nel caso di realizzazione non assistita da titolo edificatorio, deve escludersi che possa darsi luogo, a fronte dell’accertata abusività dell’intervento posto in essere, all’irrogazione di sanzione pecuniaria.

La possibilità di sostituire la misura ripristinatoria con la sanzione pecuniaria, stabilita dall’art. 34 del D.P.R. n. 380 del 2001, deve essere valutata dall’Amministrazione competente nella fase esecutiva del procedimento, successiva – ed autonoma – rispetto all’ordine di demolizione.

Solo in caso di interventi eseguiti in parziale difformità dal titolo... _OMISSIS_ ...cuniaria può costituire una deroga alla regola generale della demolizione negli illeciti edilizi (art. 12, comma 2, della legge n. 47 del 1985; art. 34 del d.P.R. n. 380 del 2001), e peraltro la possibilità di sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria deve essere valutata dall’Amministrazione competente nella fase esecutiva del procedimento, successiva ed autonoma rispetto all’ordine di demolizione.

L’art. 31, comma 2, del d.p.r. n. 380/2001, cui viene attratta la fattispecie integrante gli estremi delle variazioni essenziali di cui al successivo art. 32, non contempla l'irrogazione di una sanzione alternativa a quella ripristinatoria.

La misura alternativa pecuniaria è prevista unicamente per le ipotesi di opere... _OMISSIS_ ...zione eseguite in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire ovvero di opere di nuova costruzione eseguite in parziale difformità dal permesso di costruire, mentre non è prevista dal comma 2 dell’art. 31 d.P.R. 380/2001 per gli interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, laddove, nello schema giuridico delineato dal legislatore, non vi è spazio per apprezzamenti discrezionali sulla sanzione da irrogare, atteso che l'esercizio del potere repressivo dell'abuso edilizio costituisce atto dovuto, per il quale è in re ipsa l'interesse pubblico alla sua rimozione.

La possibilità di sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria, disciplinata dalla disposizione citata, deve essere valutata dall’amministrazione competent... _OMISSIS_ ...ecutiva del procedimento, successiva ed autonoma rispetto al provvedimento da adottarsi, sia esso un ordine di demolizione ovvero un accertamento di conformità.

Il d.P.R. 380/2001 distingue, ai fini sanzionatori, gli interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali, dagli interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, la cui disciplina sanzionatoria è recata dall’art. 34: per i primi, è senz’altro prevista la demolizione delle opere abusive; mentre solo per i secondi la legge prevede la demolizione, a meno che, non potendo avvenire la demolizione senza pregiudizio della parte eseguita in conformità, debba essere applicata una sanzione pecuniaria.

Ai sensi... _OMISSIS_ .... 31 del D.P.R. n. 380/2001, la fiscalizzazione dell’abuso edilizio consistente nella sostituzione della sanzione demolitoria con quella pecuniaria può trovare applicazione solo in caso di opere realizzate in “parziale difformità” dal titolo edilizio; di contro, non vi è spazio per l’applicazione della norma in caso di totale carenza del titolo edilizio.

La disposizione di cui all'art. 34, comma 2, d....


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 91865 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo