La natura strettamente vincolata dei provvedimenti di demolizione di abusi edilizi

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> PROVVEDIMENTO --> NATURA VINCOLATA

Nello schema giuridico delineato dall’art. 31 D.P.R. n. 380/2001 non vi è spazio per apprezzamenti discrezionali, atteso che l’esercizio del potere repressivo di un abuso edilizio consistente nell'esecuzione di un’opera in assenza del titolo abilitativo costituisce atto dovuto, per il quale è in re ipsa l’interesse pubblico alla sua rimozione; e, pertanto, accertata l’esecuzione di opere in assenza di concessione ovvero in difformità totale dal titolo abilitativo, non costituisce onere del Comune verificare la sanabilità delle opere in sede di vigilanza sull'attività edilizia.

L’ordine di demolizione è atto dovuto, me... _OMISSIS_ ...ione di non procedere alla rimozione delle parti abusive, qualora questa sia pregiudizievole per le parti legittime, è soltanto un’eventualità della fase esecutiva, successiva e autonoma rispetto all’ordine di demolizione.

Posto che il provvedimento repressivo dell’abuso è atto vincolato, insensibile a ulteriori fatti non previsti a livello normativo, l’amministrazione non ha alcun margine di discrezionalità nella sua adozione.

In presenza di opere edilizie eseguite in assenza di titolo abilitativo l’emanazione dell’ordine di demolizione assume, ai sensi dell’art. 27, comma 2, del D.P.R. n. 380/2001, carattere doveroso e vincolato senza che possa in alcun modo rilevare lo stato di avanzamento dei lavori ... _OMISSIS_ ...la tutela gravante sull’area.

Il provvedimento di demolizione di una costruzione abusiva è un atto vincolato che non richiede una specifica valutazione delle ragioni di interesse pubblico, né una comparazione di questo con gli interessi privati coinvolti e sacrificati, né una motivazione sulla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale alla demolizione, non potendosi nemmeno ammettere l'esistenza di un affidamento tutelabile alla conservazione di una costruzione abusiva, che il tempo non potrebbe legittimare.

L’ordine di demolizione è un atto vincolato ancorato alla sussistenza di opere abusive e non richiede una specifica motivazione circa la ricorrenza del concreto interesse pubblico alla rimozione dell’abuso; in... _OMISSIS_ ...ficata la sussistenza dei manufatti abusivi, la PA ha il dovere di adottarlo, essendo la relativa ponderazione tra l'interesse pubblico e quello privato compiuta a monte dal legislatore, e in ragione della natura vincolata dell’ordine di demolizione, non è pertanto necessaria la preventiva comunicazione di avvio del procedimento.

L'atto con cui viene ingiunta, sia pure tardivamente, la demolizione di un immobile abusivo e giammai assistito da alcun titolo, per la sua natura vincolata e rigidamente ancorata al ricorrere dei relativi presupposti in fatto e in diritto, non richiede motivazione in ordine alle ragioni di pubblico interesse (diverse da quelle inerenti al ripristino della legittimità violata) che impongono la rimozione dell’abuso; tale pr... _OMISSIS_ ...ette deroghe neppure nell’ipotesi in cui l’ingiunzione di demolizione intervenga a distanza di tempo dalla realizzazione dell’abuso, il titolare attuale non sia responsabile dell’abuso e il trasferimento non denoti intenti elusivi dell’onere di ripristino.

L'ordine di demolizione conseguente all'accertamento della natura abusiva delle opere edilizie realizzate, come tutti i provvedimenti sanzionatori edilizi, è un atto dovuto.

In presenza di un’opera abusiva, l’autorità amministrativa è tenuta ad intervenire affinché sia ripristinato lo stato dei luoghi, non sussistendo alcuna discrezionalità in ordine al provvedere.

L’ordine di demolizione è provvedimento di natura vincolata la cui ... _OMISSIS_ ...stificata sulla base del mero riscontro dell’abusività dell’opera senza che al riguardo occorra alcuna ulteriore valutazione.

Il riscontro di attività edilizia abusiva in località coperta da vincolo inaedificandi impone al Comune l’adozione, senza alcuno indugio, dei conseguenti provvedimenti ripristinatori: l’iniziativa comunale è, in tali casi, doverosa nell’an e vincolata nel quomodo, sì che non vi è uno specifico e dettagliato dovere motivazionale in capo all’Ente.

La demolizione dell’intervento abusivo qualificabile come ristrutturazione edilizia costituisce provvedimento vincolato per l’Amministrazione comunale, in dipendenza dell’assenza del titolo edilizio a ciò necessario.
... _OMISSIS_ ...squo;ordine di demolizione delle opere edilizie abusivamente realizzate e non assoggettabili a sanatoria è un provvedimento a contenuto vincolato e che trova il proprio esclusivo presupposto nella materiale sussistenza delle opere medesime e nella disciplina di legge o di piano urbanistico che ne impone in via inderogabile la rimozione. Tale provvedimento non richiede pertanto una specifica motivazione circa la ricorrenza del concreto interesse pubblico all’eliminazione dell’abuso; in buona sostanza, verificata la sussistenza dei manufatti abusivi, l’amministrazione ha il dovere di ingiungere la demolizione e di provvedervi in caso di inerzia dell’interessato, essendo la relativa ponderazione tra l’interesse pubblico e quello privato compiuta gi... _OMISSIS_ ... stesso legislatore: e in ragione, quindi, della natura inderogabilmente vincolata dell’ordine di demolizione, neppure è necessaria la preventiva comunicazione di avvio del procedimento nei confronti dell’interessato, né un’ampia motivazione sulle ragioni che giustificano il ripristino della legalità violata.

L’ordinanza di ripristino in quanto atto di carattere del tutto vincolato, ponendosi quale conseguenza immediata e diretta discendente dalla verifica dell’abusività degli interventi, non richiede una particolare motivazione né con riguardo all’interesse pubblico alla stessa sotteso e all’ipotetico interesse del privato alla permanenza in loco dell’opera edilizia, né con riguardo alla puntuale indicazione del... _OMISSIS_ ...e, allorquando dalla descrizione delle stesse emerga la natura e la consistenza dell’abuso.

Nelle ipotesi di interventi edilizi abusivi, il carattere sanzionatorio e doveroso del provvedimento esclude la pertinenza del richiamo alla motivazione dell’interesse pubblico e la selezione e ponderazione dei sottesi interessi risulta compiuta a monte dallo stesso legislatore il quale ha sancito in via indefettibile l’onere di demolizione al comma 2 dell’articolo 31 d.P.R. 380/2001, in tal modo esentando la PA dall’onere di svolgere, in modo esplicito o implicito, una siffatta ponderazione di interessi in sede di adozione dei propri provvedimenti.

L'attività di repressione degli abusi edilizi costituisce attività vincolata ... _OMISSIS_ ...e dell'abuso corrisponde pertanto per definizione all'interesse pubblico, con la conseguenza che l’ordinanza che irroga la sanzione in luogo della demolizione è già dotata di un'adeguata e sufficiente motivazione, consistente nella descrizione delle opere abusive e nella constatazione della loro abusività.

L'ingiunzione a demolire un immobile abusivo è espressione di un potere vincolato, che non ammette alcuna valutazione discrezionale da parte dell’amministrazione.
<...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 33342 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 7612 pagine in formato A4

50,00 €