Tutela dell’affidamento nella repressione degli abusi edilizi

ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> DEMOLIZIONE --> PROVVEDIMENTO --> MOTIVAZIONE --> TUTELA DELL'AFFIDAMENTO

Nel caso di tardiva adozione del provvedimento di demolizione, la mera inerzia da parte dell’amministrazione nell’esercizio di un potere/dovere finalizzato alla tutela di rilevanti finalità di interesse pubblico non è idonea a far divenire legittimo ciò che (l’edificazione sine titulo) è sin dall’origine illegittimo. Allo stesso modo, tale inerzia non può certamente radicare un affidamento di carattere “legittimo” in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un atto amministrativo favorevole idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata.

La non esatt... _OMISSIS_ ...one da parte del privato delle circostanze, in fatto e in diritto, poste a fondamento dell'atto a lui favorevole non consente di configurare in capo al medesimo una posizione di affidamento legittimo, con la conseguenza che l'onere motivazionale gravante sull'Amministrazione può dirsi soddisfatto attraverso il documentato richiamo alla inesatta e fuorviante prospettazione di parte

Non si può riconoscere in capo al privato un legittimo affidamento alla conservazione dell’opera abusiva, poiché prevale l’interesse pubblico al ripristino della legittimità violata; invero, l’ordine di demolizione è atto vincolato che non richiede una specifica ponderazione di particolari ragioni di interesse pubblico, né comporta la necessità di una comparazione c... _OMISSIS_ ...i privati coinvolti e sacrificati.

Non può ammettersi l’esistenza di alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di fatto abusiva, che il tempo non può in alcun modo legittimare.

L'inerzia della P.A. in ordine all'esercizio dei poteri repressivi in caso di abusi edilizi non può certamente radicare un affidamento di carattere legittimo in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un atto amministrativo favorevole idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata.

Quando risulta realizzato un abuso edilizio (per difformità dal permesso di costruire o da altro titolo abilitativo o per mancanza del titolo edilizio), l'Amministrazione anche a distanza di tempo deve eman... _OMISSIS_ ... demolizione per il solo fatto di aver riscontrato l'esistenza di opere abusive. Invero, a fronte dell’abuso edilizio non è radicalmente prospettabile un legittimo affidamento e il proprietario non si può di certo dolere dell'eventuale ritardo con cui il Comune abbia emanato il provvedimento che la legge impone di emanare immediatamente.

L'ordine di demolizione, così come il diniego di sanatoria, non richiede alcuna specifica valutazione di ragioni d'interesse pubblico, né comparazione con gli interessi privati coinvolti, non essendo configurabile alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione d'illecito permanente che il tempo non può legittimare in via di fatto.

Con riguardo al legittimo affidamento della ricorr... _OMISSIS_ ...alla conformità del proprio comportamento, legato anche al trascorrere del tempo, l’ordine di demolizione, come tutti i provvedimenti sanzionatori in materia edilizia, è atto vincolato alla constatata abusività, il quale non richiede né alcuna specifica valutazione delle ragioni di interesse pubblico; né una comparazione di quest’ultimo con gli interessi privati coinvolti e sacrificati; e né una motivazione sulla sussistenza di un interesse pubblico concreto ed attuale alla demolizione, non essendo configurabile alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di illecito permanente, che il tempo non può legittimare in via di fatto.

L’inerzia della PA nella repressione di un abuso edilizio non può certamente radicare un affid... _OMISSIS_ ...tere legittimo in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un atto amministrativo favorevole, idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata.

Se la mera inerzia da parte dell'amministrazione nell’esercizio di un potere-dovere finalizzato alla tutela di rilevanti finalità di interesse pubblico – quale è quella del ripristino della legalità violata nelle attività di trasformazione edilizia del territorio – non è per certo idonea a far divenire legittimo ciò che è sin dall'origine illegittimo, ossia l’edificazione sine titulo, allora, tale inerzia non può certamente radicare un affidamento di carattere “legittimo” in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un att... _OMISSIS_ ...o favorevole idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata, conseguentemente, escludendosi che – ferma l’irrilevanza del decorso del tempo quanto alla ineludibile doverosità degli atti volti a perseguire l’illecito attraverso l’adozione della relativa sanzione – l’ordinanza di demolizione di un immobile abusivo debba essere motivata sulla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale al ripristino della legalità violata, in ragione della sufficienza del mero richiamo al comprovato carattere abusivo dell'intervento, senza che si impongano sul punto ulteriori oneri motivazionali, per contro applicabili nel diverso ambito dell'autotutela decisoria.

In tema di repressione degli abusi edilizi, nel ... _OMISSIS_ ...nto non può ammettersi l’esistenza di alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di fatto abusiva, che il tempo non può in alcun modo legittimare.

Il lungo lasso di tempo trascorso tra la realizzazione di un manufatto abusivo e l'adozione dei provvedimenti repressivi non elide l’esercizio del potere di contrasto degli abusi edilizi né impone un più stringente obbligo motivazionale circa il permanere del carattere di attualità dell’interesse pubblico a demolire; questo perché non è ammissibile il consolidarsi di un affidamento degno di tutela in costanza di una situazione di fatto abusiva e giuridicamente illecita, la quale non può ritenersi legittimata per effetto del solo trascorrere del tempo.

Non si in... _OMISSIS_ ...gittimo affidamento quando trascorra anche un lungo lasso di tempo tra l'abuso edilizio e la successiva ordinanza di demolizione, data la natura vincolata del potere esercitato.

L'inerzia nell'adozione di un'ordinanza di demolizione non può certamente radicare un affidamento di carattere legittimo in capo al proprietario dell’abuso, giammai destinatario di un atto amministrativo favorevole, idoneo a ingenerare un’aspettativa giuridicamente qualificata.

Il lungo lasso di tempo trascorso tra la realizzazione delle opere e l’adozione dell’ordinanza di demolizione non può ingenerare un legittimo affidamento, posto che non può ammettersi l’esistenza di alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di ... _OMISSIS_ ...che il tempo non può in alcun modo legittimare.

In tema di abusi edilizi e paesaggistici, non vi è alcun affidamento tutelabile alla conservazione di una situazione di fatto abusiva che il mero decorso del tempo non sana, e l'interessato non può dolersi del fatto che l'amministrazione non abbia emanato in data antecedente i dovuti atti repressivi.

La mera inerzia da parte dell'amministrazione nell'eserc...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 38077 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 7612 pagine in formato A4

50,00 €