Il valore di un'azienda agraria ad indirizzo produttivo zootecnico: attività e passività

Determinazione della produzione lorda vendibile La produzione lorda vendibile ricavata dall’azienda è esclusivamente costituita dai tre seguenti elementi economici:
i prodotti di due sezioni coltivate a seminativi normalmente impiantate (una a grano tenero e l’altra a grano duro);
l’ utile lordo di stalla;
il prodotto dei boschi.
Sulla base delle produzioni medie unitarie compatibili per la zona, e del ricavo medio aziendale ritraibile dalla vendita dei prodotti, il valore della produzione lorda vendibile è stato schematizzato nella tabella n. 8.

Per quanto concerne la determinazione del prodotto dei boschi, nella parte descrittiva della presente perizia sono state individuate le p... _OMISSIS_ ...terreni boschivi che si sostanziano nel tipo di soprassuolo, economicamente molto richiesto, nella giacitura, pressoché pianeggiante e nella rete viaria che li attraversa.

Nel loro insieme tali caratteristiche consentono un’ottima utilizzazione economica del bene, commisurata alla vendita dei tagli, che fanno registrare, per ogni esercizio, introiti di rilievo a fronte di poche spese.

L’azienda non è attrezzata per i lavori forestali per cui, peraltro come è in uso nella zona, provvede alla vendita del prodotto legnoso a prezzo di macchiatico [1] a ditte specializzate operanti nella zona.

Per la monetizzazione del prodotto dei boschi, in particolare, sono stati raccolti presso l’amministrazione i dati degli impor... _OMISSIS_ ...zione che si sono svolti negli ultimi tre anni, riportati nella tabella n. 7.


Tabella n.7 - Ricavi annui dal taglio dei boschi Anno Superficie di taglio (Ha) Importo (€) 2003 10.00.00 14.500,00 2004 10.00.00 13.200,00 2005 10.00.00 13.900,00 Produzione media annua 13.866,67 Ricavo medio €/Ha 1.386,67

Dalla tabella n. 7 si evince che il prezzo medio... _OMISSIS_ ...ro;/Ha) degli ultimi tre anni è stato di circa € 1.386,67 /Ha.

Su detti ricavi è stata condotta la seguente sommaria verifica dell’attendibilità dei dati. Considerato che il legname prodotto è di poco pregio e prevalentemente utilizzabile per uso riscaldamento, tenuto conto dell’incidenza delle spese di taglio, sulla base di recenti contrattazioni che si sono svolte in zona che hanno visto corrispondere prezzi variabili da € 2,70 a € 3,30, si ritiene corretto adottare un prezzo di mercato di macchiatico (rapportato alla massa legnosa espressa in quintali) pari a circa 3,30 €/q. (fascia alta dei valori in relazione alla facilità di accesso e di manovra anche con mezzi pesanti e quindi ai minori oneri di taglio, rispetto qu... _OMISSIS_ ...ari).

Dividendo il prezzo di macchiatico per Ha. di terreno per il prezzo di macchiatico per quintale di legna, si ottiene la produzione legnosa per Ha. di:

€ 1.386,67 /Ha. : 3,50 €/q. = 420,20 q./Ha.

che appare una massa legnosa compatibile con la natura dei boschi.

Sulla base delle considerazioni in precedenza fornite, nella tabella n. 8 è riassunta la produzione lorda vendibile dell’azienda.

Tabella n.8 - Determinazione della produzione lorda vendibile Prodotti Superficie terreni (Ha) Produzione unitaria (q) Produzione totale (q) Prezzi (€/q) Importi ... _OMISSIS_ ... Grano tenero 12 55 660 13,10 8.646,00 Grano duro 12 50 600 15,07 9.039,00 Prodotto dei boschi 10 1.386,67 13.866,67 Utile lordo di stalla - - - - 274.890,00 Totale produzione lorda vendibile 306.441,67

In particolare si evidenzia che le produzioni unitarie in grano tenero e duro, rispettivamente di 55 q... _OMISSIS_ .../Ha, rappresentano delle buone produzioni, compatibili con l’eccellente qualità dei terreni seminativi.

Determinazione delle voci passive nel bilancio aziendale Quote Sul costo di ricostruzione a nuovo dei fabbricati, stimato in € 387.500,00 (cfr. paragrafo 3.3) sono da applicare le quote di manutenzione, reintegrazione e assicurazione che ammontano globalmente e mediamente all’1% di detto importo.

La quota annua di manutenzione delle strade poderali, dei fossi di scolo e dei canali d’irrigazione, secondo ordinarie incidenze nella zona, possono essere mediamente stimate in misura di €. 18,00 per ettaro di superficie coltivata.

Il bestiame ha un valore medio, nel ciclo di ingrassamento, di € ... _OMISSIS_ ... sua assicurazione contro ogni rischio di perdita comporta il pagamento di un premio pari al 3% del valore.

La dotazione ordinaria di macchine e attrezzi è ordinaria (si omette l’elenco ed i valori unitari), il valore a nuovo si assume in € 150.000,00. Secondo dati normalmente assunti nelle stime delle fattispecie, le quote incidono per le seguenti percentuali: manutenzione 5%, reintegrazione 10% e assicurazione 2%.

Il valore mediamente presente delle macchine e degli attrezzi si assume al 60% dell’importo a nuovo e quindi in € 90.000,00. [2]

Ai fini della determinazione delle quote è preventivamente necessario valutare anche i prodotti di scorta reimpiegati nell’azienda (foraggi, lettimi e letame, fien... _OMISSIS_ ...glia). Tale stima, sulla base dei prezzi unitari dei prodotti agricoli correnti nella zona, ha dato origine ad un valore di mercato di € 62.197,80 (di cui € 25.473,00 afferenti foraggi prodotti nella azienda) dei prodotti a rischio di incendio e di € 39.508,07 per gli altri prodotti, complessivamente, come riportato nella Tabella n° 9.


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 19727 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo