La lotta alla corruzione all’interno della Unione Europea

Il protocollo, così come la Convenzione, come ampiamente già detto, sono strumenti di ex Terzo Pilastro, concepiti quindi nel settore della cooperazione giudiziaria penale e rivolti quindi essenzialmente alle normative penali nazionali.

Ciò non esclude, però, che la Unione si potesse e volesse dotare anche di strumenti propri per lottare contro la corruzione.

Se, infatti, come detto anche nel commento alla Convenzione, la protezione degli interessi finanziari era per l’Unione una delle sue politiche di azione, ai sensi dell’art. 209A e poi 280 del Trattato CE (ed oggi art. 325 del TFUE dopo Lisbona), la lotta alla corruzione in quanto condotta che attenta alle finanze comunitarie era, di conseguenza, anche una delle politiche... _OMISSIS_ ...lastro.

In quanto tale, la Comunità, oltre a cercare di armonizzare i diritti penali dei singoli Stati Membri, poteva anche adottare propri provvedimenti normativi. Questo è quello che avvenne a partire dalla metà degli anni '90, e già nel commento alla Convenzione si è ricordata l’adozione di due regolamenti (atti normativi di ex Primo Pilastro) per definire il concetto di irregolarità [1] e per consentire accertamenti investigativi tramite controlli sul posto [2], nonché di una decisione [3] ed un regolamento [4] per istituire e disciplinare l’azione di un vero e proprio organismo investigativo, l’Ufficio Europeo per la Lotta Antifrode (OLAF).

Rimandando per le notizie generali su tali regolamenti e sulla natura dell’O... _OMISSIS_ ... alla Convenzione, dove tale argomento è già stato trattato, è, ai fini di questo specifico scritto, interessante notare che, ai sensi dell’art. 1 comma 3 del reg. 1073/99, l’OLAF conduce indagini amministrative presso le istituzioni, uffici, organismi e agenzie comunitarie istituite dai Trattati o sulla base dei Trattati per combattere non solo la frode, ma anche la corruzione e ogni altra attività illegale che colpisca gli interessi finanziari della Comunità; a questo proposito, l’OLAF conduce indagini su condotte attinenti a violazioni di doveri professionali da parte dei funzionari e altri dipendenti delle Comunità, suscettibili di sfociare in procedimenti disciplinari e, se del caso, penali.

Addirittura, la decisione 1999/352 istituente... _OMISSIS_ ...ascia spazio ad una interpretazione ancora più ampia dei poteri dell’OLAF in materia di corruzione perché sembra prevedere le indagini sulle violazioni di doveri da parte dei dipendenti e membri delle Istituzioni della UE (tra cui certamente le condotte corruttive) come area a sé stante di competenza, indipendentemente dal riflesso di tali condotte sugli interessi finanziari della Unione.

L’OLAF sarebbe quindi competente a indagare sulla corruzione di tali soggetti in generale, anche quando tale condotta non ha quale conseguenza un danno alle finanze comunitarie, ma danneggia, per esempio, l’immagine e la reputazione delle istituzioni.

Tale interpretazione sembra anche trovare conforto nell’accordo interistituzionale tra... _OMISSIS_ ... il Consiglio e la Commissione in merito alle indagini dell’OLAF.

In concreto, quando l’OLAF compie accertamenti su tali tipi di condotte apre una c.d. “indagine interna”, nel corso della quale dispone di poteri pregnanti, quale la possibilità, anche senza preavviso, di avere accesso agli uffici del membro, funzionario o dipendente oggetto di indagine e acquisire documenti e informazioni anche su supporto informatico.

Nei confronti delle indagini OLAF non esiste il limite delle immunità di cui gode il personale UE che, invece, esiste rigorosamente per le indagini penali.

Qualora si acquisissero le prove di una condotta corruttiva, la stessa avrebbe evidentemente effetti non solo penali, ma anche disciplina... _OMISSIS_ ... il rapporto OLAF con le risultanze dell’indagine viene inviato all’ufficio disciplinare.

Per la Commissione Europea, tale ufficio è l’Investigation and Disciplinary Office of the Commission (IDOC) che ha competenza per i funzionari, gli agenti contrattuali e temporanei e anche gli Esperti nazionali Distaccati (END), in quanto, come si è detto in apertura, gli stessi sono soggetti entro certi limiti agli stessi principi generali di lealtà e professionalità nello svolgimento delle funzioni dei dipendenti comunitari.

Discorso diverso riguarda, invece, le Agenzie della UE, già citate sopra, che hanno un sistema disciplinare interno e non sono soggette alla competenza dell’IDOC. Sono sottratti alla competenza dell’IDOC... _OMISSIS_ ...he svolgono “stages” presso le istituzioni comunitarie.

Con il Trattato di Lisbona le prospettive di lotta alla corruzione si sono fatte ancora più interessanti. Da un lato, infatti, la corruzione è uno di quei reati per i quali l’art. 83 del TFUE prevede la possibilità per l’Unione di dettare norme minime in materia penale per avvicinare sempre più le legislazioni degli Stati membri attraverso direttive.

Sulla base di tale articolo, la UE ha già iniziato la sua produzione legislativa in materia penale post Lisbona. In materia di reati economici, per esempio, si segnala che proprio nel mese di marzo 2012 la Commissione Europea ha formulato una proposta di direttiva in materia di confisca e congelamento dei beni, misure c... _OMISSIS_ ...plicabili anche ai procedimenti per corruzione.

Per quanto attiene alla corruzione quale condotta che attenta agli interessi finanziari della UE, invece, la base legale per adottare nuove misure si ravvisa nell’


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12024 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €