Primo protocollo alla convenzione PIF: il concetto di funzionario

Essenziale in questa ottica è una definizione dei concetti di “funzionario comunitario” e “funzionario nazionale”, essendo tali definizioni la base per la creazione di norme penali a livello nazionale.

Orbene, l’art. 1 del protocollo intende includere nel concetto di “funzionario comunitario” tutte le categorie di soggetti che lavorano, a vario titolo, nelle istituzioni comunitarie, identificando le seguenti categorie:


Coloro che rivestono la qualifica di funzionario o agente assunto per contratto ai sensi dello Statuto dei funzionari delle Comunità Europee o del regime applicabile agli altri agenti delle Comunità
Coloro che lavorano presso gli uffici comunitari in quanto c... _OMISSIS_ ...Stati membri o enti pubblici o privati, esercitandovi funzioni corrispondenti a quelle esercitate dai funzionari o agenti comunitari
Assimila poi ai funzionari comunitari coloro che sono membri e il personale degli organismi istituiti secondo i Trattati che istituiscono le Comunità europee cui non si applica lo statuto dei funzionari o agenti comunitari.

Nella prima categoria si può dire che rientrino tutti coloro che sono dipendenti della Unione Europea a titolo di funzionario, agente temporaneo, agente contrattuale presso le istituzioni comunitarie e le loro Agenzie.

Tali titoli possono essere acquisti solo a seguito del superamento di un concorso e, schematizzando, si può dire che i funzionari sono coloro che superano un... _OMISSIS_ ...osizioni a tempo indeterminato; gli agenti temporanei ricoprono posti a seguito del superamento di concorsi per posti a tempo determinato che possono leggermente variare tra loro, ma che normalmente consistono oggi in contratti di 6 anni (esistono però casi di contratti più brevi – per esempio 18 mesi rinnovabili per altri 18 mesi – a causa delle legislazioni azionali di alcuni Stati Membri); gli agenti contrattuali ricoprono posti a tempo determinato per periodi ancora più brevi (per esempio 1 anno rinnovabile fino ad un massimo di tre anni).

Tali categorie di dipendenti sono comunque tutti soggetti allo Statuto dei funzionari e agenti delle Comunità Europee (le Staff Regulations modificate nella loro ultima versione nel 2004) [1].

... _OMISSIS_ ...istono per il personale delle Agenzie della UE, su cui tornerà i seguito, e per il personale del recentemente costituito Servizio di Azione Esterna della UE (EAS External Action Service), in sostanza il nuovo servizio diplomatico della Unione, istituito con il Trattato di Lisbona e che copre l’area di quello che era l’ex Secondo Pilastro della UE – la politica estera e difesa comune – e che ancora oggi, comunque, rappresenta un ambito distinto dal resto del quadro normativo e istituzionale della UE, per cui ancora oggi qualcuno ha sostenuto che la tradizionale ripartizione in “pilastri” non sia in realtà del tutto superata, con la differenza che, dopo il Trattato di Lisbona, tali pilastri sarebbero rimasti due anziché tre.

L... _OMISSIS_ ...oria sembra invece fare riferimento in primo luogo ai c.d. Esperti Nazionali Distaccati (END), cioè funzionari preferibilmente di enti pubblici nazionali che vengono distaccati per un periodo limitato a lavorare presso le istituzioni comunitarie.

Essi non sono interamente soggetti alle Staff Regulations dei funzionari e agenti comunitari, in quanto gli stessi non sono dipendenti comunitari, nel senso che non ricevono il trattamento salariale dalla Comunità e non sono sottoposti al regime pensionistico e previdenziale dei dipendenti comunitari. La loro attività nelle Istituzioni è principalmente mirata a fornire supporto e assistenza ai funzionari e a gli altri dipendenti comunitari, e quindi gli END, in genere, non esercitano funzioni autonomamente, ma in aff... _OMISSIS_ ...ersonale UE, né possono ricoprire posti direttivi di qualsiasi livello nelle Istituzioni. La loro disciplina si ritrova in un atto legislativo apposito, una decisione, la cui ultima versione risale al 2008 [2].

Tale decisione fa certamente richiamo ad alcuni principi generali delle Staff Regulations applicabili anche agli Esperti nazionali (principi di correttezza, lealtà, professionalità nell’esercizio delle funzioni), ma per il resto detta norme specifiche per tali categorie di soggetti. Il periodo di distacco era generalmente di 4 anni, normalmente scomposti in 2 anni rinnovabili di altri due (o – in alcune varianti – in 1 anno rinnovabile di 3), ma l’ultima versione della decisione sugli END, quella appunto del 2008 entrata in vigo... _OMISSIS_ ...permesso, in casi eccezionali, una ulteriore proroga di altri 2 anni, fino ad un massimo di 6 anni. Lo scopo della figura dell’END è quello di un reciproco arricchimento sia della Unione che dei singoli Stati membri da tale scambio di personale.

Essendo, in genere, gli END funzionari nazionali già esperti e formati in un determinato settore nel loro Paese, il fatto di potere lavorare presso le Istituzioni permette loro di apportare la loro esperienza e capacità acquisita in patria alle Istituzioni Comunitarie, con beneficio per queste ultime. Allo stesso tempo, l’END ha la possibilità di conoscere meglio e dall’interno le Istituzioni stesse, i loro processi decisionali, l’ambiente comunitario, e potrà fare tesoro di questo bagaglio di ... _OMISSIS_ ...uo rientro presso l’Amministrazione Nazionale.

Per questo motivo, è essenziale che le amministrazioni nazionali valorizzino la figura dell’Esperto Nazionale, selezionando i migliori rappresentanti per l’esperienza comunitaria, ma anche valorizzando tale esperienza al rientro, destinando i propri funzionari in posti in cui possano mettere a frutto il periodo trascorso presso le Istituzioni. Diversamente, la figura dell’Esperto nazionale perde totalmente il suo significato.

La terza categoria di persone citate nell’art. 1 del protocollo sembra invece riguardare i membri stessi delle istituzioni comunitarie. Come noto, il Trattato sul Funzionamento della Unione, nella versione risultante dal Trattato di Lisbona entrat... _OMISSIS_ ... dicembre 2009, prevede ora sette Istituzioni comunitarie: la Commissione Europea, il Consiglio della Unione Europea, il Consiglio Europeo, il Parlamento Europeo, la Corte di Giustizia delle Comunità Europee, la Corte dei Conti ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12030 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 325 pagine in formato A4

30,00 €