Il danno erariale nelle occupazioni illegittime

Occorre ora prendere in considerazione le differenze sussitenti tra l’indennità spettante al proprietario nel caso di una legittima espropriazione e l’indennizzo dovuto in caso di acquisizione coattiva sanante.

Questo perchè il danno erariale, di cui possono essere chiamati a rispondere gli operatori, sta proprio nel differenziale tra indennità di esproprio e di occupazione da un lato, e indennizzo e risarcimento da espropriazione illegittima dall’altro.

Si tratta, in sostanza, dell’applicazione di quello che nel Cap.II abbiamo visto essere il criterio utilizzato dal giudice contabile, ma anche dalla parte attrice, ai fini della stima del danno erariale subito dall’amministrazione.

In base alla regola... _OMISSIS_ ...ztheorie, infatti, qualora quanto dovuto dall’amministrazione al privato a causa dell’utilizzo senza titolo del bene per scopi di interesse pubblico superi quanto comunque dovuto dall’amministrazione stessa qualora avesse espropriato la proprietà secondo diritto, le casse dell’erario avranno subito un danno, di cui il pubblico dipendente sarà chiamato a rispondere innanzi alla Corte dei conti.

Da sottolineare è, senz’altro, la circostanza che il comma 3 dell’art. 42-bis, nel quantificare l’indennizzo previsto per i terreni edificabili, non preveda l’applicazione della maggiorazione del dieci per cento contemplata dal comma 2 dell’art. 37 nell’ipotesi di espropriazione posta in essere legittimamente[1]... _OMISSIS_ ... Ed analoghe osservazioni possono farsi riguardo l’indennità aggiuntiva prevista per le aree non edificabili dal comma 4 dell’art. 40[2].

L’omessa previsione dei suddetti correttivi, applicabili invece in caso di espropriazione posta in essere in modo legittimo, comporta come conseguenza che l’amministrazione, paradossalmente, possa avvantaggiarsi del proprio illecito, dato che, come è stato osservato, «in entrambi i casi [...] il proprietario del bene illegittimamente occupato e poi acquisito ex art. 42-bis ottiene un indennizzo-risarcimento verosimilmente inferiore a quanto gli sarebbe spettato con una procedura espropriativa legittima»[3].

Condivisibile è, pertanto, l’opinione di chi, correttamente, ... _OMISSIS_ ...orre rimedio ad una situazone di tal genere facendo «commisurare l’indennizzo di cui all’art. 42-bis non tanto al valore venale del bene, bensì all’indennità di esproprio che avrebbe dovuto essere corrisposta se si fosse proceduto ad espropriazione legittima, cioè ad un’indennità già comprensiva dei suoi correttivi»[4].

A scongiurare il rischio di una Pubblica Ammistrazione che si vede “costretta” a pagare meno nel caso di un’occupazione illegittima, rispetto ad un’espropriazione posta in essere secundum ius, il legislatore, come già anticipato, ha comunque previsto sia un indennizzo per il danno di tipo non patrimoniale «forfettariamente liquidato nella misura del dieci per cento del val... _OMISSIS_ ...raquo;, da intendersi quale valore venale determinato ai sensi del comma 3 dell’art. 42-bis, sia un risarcimento del danno, senza però distinguere, come per l’indennizzo, tra danno patrimoniale e non patrimoniale[5].

Occorre sul punto notare che il suddetto risarcimento, fissato dal comma 3, se non risulta una diversa entità del danno, nella misura del cinque per cento annuo sul valore venale determinato ai sensi del comma 3 medesimo, si presenta inferiore al «dodicesimo di quanto sarebbe dovuto nel caso di esproprio dell’area», pari in sostanza all’8,33%, previsto invece dal comma 1 dell’art. 50 in materia di indennità di occupazione legittima.

Il risultato a cui si perviene è, ancora una volta, q... _OMISSIS_ ...uo;espropriazione illegittima risultare per l’Amministrazione economicamente più vantaggiosa di quella legittima, per scongiurare il quale è stato condivisibilmente suggerito di compiere la «coraggiosa scelta di elevare automaticamente il danno risarcibile all’8,33% […]»[6].

Un altro aspetto che non viene preso in considerazione dall’art. 42-bis ai fini dell’indennizzo del pregiudizio patrimoniale è rappresentato dal deprezzamento che subisce la parte del bene che rimane nella disponibilità del privato.

Al riguardo è senz’altro da condividere la tesi che, in ossequio alla posizione assunta in passato dalla giurisprudenza e dalla dottrina, ritiene necessario tenere conto del deprezzamento del... _OMISSIS_ ...sidua.

Questo perchè «in primo luogo [...] si tratta senza dubbio della soluzione più equa, dal momento che il deprezzamento dell’area residua è pacificamente considerato in sede di quantificazione dell’indennità di esproprio», dal comma 1 dell’art. 33, «e non è pensabile che una posta sia indennizzata nell’espropriazione legittima e non nell’acquisizione sanante […]. La necessità di considerare il deprezzamento, inoltre, può essere ricavata dall’art. 44 del testo unico ed in questo senso si è orientata in passato una parte della giurisprudenza, in virtù di un’audace interpretazione analogica»[7].

Per quanto concerne l’indennità dovuta per il periodo di occupazione le... _OMISSIS_ ...;art. 42-bis anche su questo punto tace e si deve, di conseguenza, far riferimento a quanto disposto dall’art. 50 comma 1, secondo il quale, come già accennato, «nel caso di occupazione di un area, è dovuta al proprietario un’indennità per ogni anno pari ad un dodicesimo di quanto sarebbe dovuto nel caso di esproprio dell’area e, per ogni mese o frazione di mese, una indennità pari ad un dodicesimo di quella annua».

Occorre, inoltre, non trascurare il fatto che nella prassi degli operatori il provvedimento di acquisizione coattiva sanante di cui all’art. 42 bis è preceduto da verbali nei quali viene conordato un indennizzo che, in quanto non rispettoso dei criteri determinati dall’art. 42 bis stesso, risulta assai mode... _OMISSIS_ ...irittura simbolico.

Al riguardo è stato osservato che «il diritto patrimoniale all’indennizzo in capo al proprietario è pur sempre un diritto disponibile, cioè un diritto che può essere negoziato od oggetto di rinuncia da parte del suo titolare»[8].

Per cui se, al fine di non incorrere in vizi del consenso di cui agli artt. 1427 e ss. c.c. e conseguente annullamento dell’accordo, risulta dall’accordo stesso, in modo chiaro, che «si va a sanare una procedura illegittima, e che il proprietario, consapevolmente e liberamente, decide di accordarsi con l’Amministrazione sul quantum sottoscrivendo le clausule satisfattorie e rinunziative del caso», non vi sono ragioni per escludere l’emanazione di... _OMISSIS_ ...nto di acquisizione «nel quale la liquidazione del danno venga effettuata per relationem»[9].

Il fatto che l’indennizzo sia stato determinato sulla base di un accordo tra privato e amministrazione al di fuori dei principi fissati dall’art. 42 bis, e anche qualora risulti vantaggioso per l’amministrazione stessa, non esonera di per sé i soggetti coinvolti nella procedura da responsabilità per danno erariale.

Secondo quanto dispos...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15558 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo