L’indennità d’espropriazione sulla cui base è computabile l’indennità di occupazione

Sul punto non esiste un univoco orientamento della giurisprudenza e della dottrina.

Si è fatto ora riferimento all’indennità di espropriazione base, ossia senza maggiorazioni nel caso di aree agricole e senza decurtazione del 40% nel caso di aree edificabili, ora all’indennità non decurtata nel caso di accettazione.

Nel sistema ante testo unico ulteriori problematiche derivavano dal fatto che il diritto all’indennità d’occupazione era esigibile in un momento (scadenza annuale), spesso antecedente alla determinazione o corresponsione dell’indennità d’espropriazione, che ben poteva seguire anche a distanza di tempo l’attuata occupazione. L’indennità d’espropriazione assunta a base di calcolo do... _OMISSIS_ ...ssere intesa come indennità virtuale, riferita al valore dell’area al tempo dell’occupazione, senza necessità da parte dell’Amministrazione di tener conto di un’eventualità, di addivenire a cessione volontaria o di accettare l’indennità offerta, che avrebbe potuto anche non verificarsi. Da qui l’affermazione, da parte della giurisprudenza, dell’applicazione integrale della normativa relativa al calcolo dell’indennità d’espropriazione (CASS 6086/2004, 9244/2005).

Secondo il più recente orientamento della Corte di Cassazione, sempre riferito alla normativa previgente al testo unico, relativamente alle aree edificabili l’indennità d’espropriazione, sulla cui base è computabile mediante misura per... _OMISSIS_ ...o;indennità d’occupazione, si identifica nella metà della somma del valore venale e del valore fiscale (reddito dominicale rivalutato), ridotta del 40 per cento se l’espropriando abbia ricevuto e non abbia accettato l’indennità provvisoria ovvero non ridotta del 40 per cento se tale offerta non sia stata accettata o sia mancata o sia stata effettuata invalidamente od in misura incongrua (CASS 10124/2007, 13201/2006, 11847/2006, 5391/2006).

Si tratta poi di valutare se tale criterio sia applicabile o meno anche alle aree agricole.

L’estensione a tale ipotesi si scontrava nel sistema previgente con il dato letterale; l’art. 20 comma 3 della L 865/71 al riguardo richiamava, infatti, la disposizione di cui all’... _OMISSIS_ ...tessa norma, che a sua volta si riferiva alla indennità d’espropriazione non maggiorata.

Nell’attuale sistema alcuni elementi potrebbero indurre a diversa conclusione.

In primo luogo va osservato che il provvedimento contiene anche la determinazione della indennità d’espropriazione.

Ciò consente di affermare che al momento della maturazione del diritto all’indennità d’occupazione, l’Amministrazione procedente è in grado di conoscere il verificarsi o meno della accettazione della indennità offerta, eventualmente anche modificata per effetto delle osservazioni e documenti inoltrati dal proprietario (22 bis.1) e quindi di poter effettuare il calcolo sulla base di dati reali e non ipotetici.
... _OMISSIS_ ...nificativo inoltre che il legislatore abbia indicato come momento temporale di calcolo della indennità d’occupazione un termine iniziale (dies a quo) decorrente dalla data d’immissione in possesso (che risulterà dal relativo verbale redatto nei termini che saranno oltre analizzati), e come termine finale (dies a quem) «la data di corresponsione della indennità d’espropriazione o del corrispettivo».

La prescrizione della norma, come da una parte della dottrina osservato in sede di primi commenti, sembra avere modificato la natura dell’indennità d’occupazione, da compensazione per il mancato godimento dei frutti ricavabili dal bene dalla data di spossessamento fino alla data del trasferimento della proprietà, a compens... _OMISSIS_ ...ancato godimento dei frutti ricavabili dalla indennità di espropriazione che rappresenta il bene, in conseguenza del ritardo (fisiologico) di corresponsione del quantum, rispetto al momento di spossessamento.

Il quantum sarà costituito «dalla indennità d’espropriazione» o dal «corrispettivo stabilito per l’atto di cessione volontaria» (22 bis.5).

E che per corrispettivo dell’atto di cessione debba intendersi l’indennità maggiorata o non decurtata trova riscontro puntuale e letterale nell’art. 45.2 per il quale «il corrispettivo dell’atto di cessione» è calcolato ai sensi dell’art. 37 senza la riduzione del quaranta per cento nel caso di aree edificabile e nella inden... _OMISSIS_ ... del 50% nel caso di area non edificabile o triplicata nel caso di area non edificabile coltivata direttamente dal proprietario.

Ponendo viceversa l’accento sul fatto che l’indennità di occupazione è pur sempre legata al valore del bene (inteso naturalmente come valore di esproprio), nel calcolo non dovrebbero essere considerate le maggiorazioni dovute per le aree agricole, che poco hanno a che vedere con suddetto valore data la natura di meccanismi premianti atti a favorire la cessione volontaria.

Anche sul punto occorrerà attendere l’orientamento della giurisprudenza.

Quel che è certo è che l’applicazione del suddetto criterio dovrà fare i conti con i più alti costi a carico dell’Amministrazione pro... _OMISSIS_ ...seguenza tra l’altro dell’applicazione anche alle aree edificabili della percentuale del dodicesimo, pari all’8,33%, decisamente superiore al criterio degli interesse legali affermato nel sistema previgente.

Un’ulteriore precisazione si impone. L’indennità da prendere a riferimento è quella riferita all’area occupata e oggetto di esproprio; va escluso pertanto nel calcolo il danno riconosciuto, nel caso di esproprio parziale, alla proprietà residua (CASS 6086/2004, contra CASS. 21352/204), anche se, per la verità, questa distinzione può risultare complicata se ai fini della determinazione dell’indennità di esproprio si applica la metodologia del valore complementare.

Con riferimento ai beni immobili susc... _OMISSIS_ ...o;occupazione e di conseguente indennità va rilevato che l’art. 50.1 TU si riferisce letteralmente alle occupazioni di aree. Ciò dipende dal collegamento con l’art. 49 rubricato «L’occupazione temporanea di aree non soggette ad esproprio».

La menzione delle sole aree può essere interpretata in due modi: a) l’area non è il soprassuolo ma solo il nudo terreno, per cui l’articolo 50 si applica solo al terreno; b) l’area comprende il soprassuolo, e questo perché il testo unico stesso, al capo VI del titolo II, distingue ai fini indennitari tra “aree edificate” (sezione III), “aree edificabili” (sezione III) e “aree non edificabili” (sezione IV), ove per “aree edificate”... _OMISSIS_ ...fabbricato e il suo sedime.

Poiché l’indennità di occupazione è il corrispettivo del mancato godimento del bene occupato, in relazione alla anticipata privazione del proprietario del suo diritto reale (CASS 5520/2006), ovvero, secondo – sembra – il testo unico (il quale ha stabilito che il dies ad quem del calcolo non è il passaggio di proprietà ma la percezi...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12877 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 250 pagine in formato A4

25,00 €