L’appartenenza del bene è presupposto indispensabile per effettuare un intervento edilizio

TITOLO EDILIZIO --> PRESUPPOSTI --> DISPONIBILITÀ

L’appartenenza del bene al soggetto che vuole effettuare l’intervento edilizio o comunque l’esistenza di un titolo che lo legittimi a effettuarlo, costituisce un antecedente logico di ogni considerazione in ordine alle regole da seguire per effettuare quell’intervento.

Rientra nelle facoltà proprie del nudo proprietario provvedere agli interventi sull’immobile eccedenti la manutenzione ordinaria, compresa l’opera straordinaria di demolizione o di rimessa in pristino.

In caso di intervento edilizio che risulti soggetto al preventivo rilascio di un permesso di costruire (D.P.R. n. 380 del 2001, art. 20) ovvero che rientri nel novero di... _OMISSIS_ ...à che possono essere realizzate previa segnalazione certificata, sia essa o meno alternativa al permesso di costruire (D.P.R. n. 380 del 2001, artt. 22 e 23), la pubblica amministrazione è sempre tenuta ad accertare, con serietà e rigore, che il soggetto interessato abbia titolo per attuare detto intervento; in particolare essa deve accertare che l'istante sia proprietario dell'immobile oggetto dell'attività edilizia proposta o che, comunque, abbia un titolo di disponibilità tale da giustificarne la realizzazione.

La piena legittimazione a costruire deriva esclusivamente dalla proprietà dell’area.

Il permesso di costruire può essere rilasciato non solo al proprietario dell’immobile, ma a chiunque abbia titolo per richiederlo (co... _OMISSIS_ ...sto dall’art. 11, co. 1, DPR n. 380/2001), e tale ultima espressione va intesa nel senso più ampio di una legittima disponibilità dell’area, in base ad una relazione qualificata con il bene, sia essa di natura reale, o anche solo obbligatoria, purché, in questo caso, con il consenso del proprietario.

La proprietà del terreno è un presupposto che deve essere presente per l’ottenimento di qualunque titolo edilizio, compreso quello che si forma secondo il meccanismo peculiare della segnalazione certificata di inizio attività.

TITOLO EDILIZIO --> PRESUPPOSTI --> DISPONIBILITÀ --> ACCERTAMENTI DEL GIUDICE CIVILE

I vizi del certificato di agibilità non si ripercuotono automaticamente sugli atti autorizzatori p... _OMISSIS_ ...rsquo;esito dell’accertamento del diritto di proprietà sulla porzione di immobile.

La controversia sulla proprietà dell’immobile coltivata in sede giudiziaria, che vede le parti su posizioni contrapposte, giustifica e legittima la scelta del Comune di attendere l’accertamento del giudice ordinario prima di assumere qualsiasi determinazione irreversibile sui titoli abilitativi rilasciati.

L’Amministrazione – che certamente non deve né può ergersi a titolare di accertamenti approfonditi sui diritti delle parti istanti, i quali restano comunque riservati al giudice civile; com’è ampiamente dimostrato dal fatto che ogni provvedimento amministrativo è sempre rilasciato con salvezza dei diritti dei terzi (per i... _OMISSIS_ ...e siano) – allorché sia chiamata a svolgere una sommaria ricognizione circa la sussistenza della situazione legittimante che la parte istanza abbia allegato a fondamento della propria istanza di provvedimento ampliativo deve attenersi alle risultanze degli accertamenti svolti dal giudice civile, ove ve ne siano; ivi inclusi – in difetto di diversa pronunzia sul petitorio – i provvedimenti possessori (vuoi perché dichiarativi di uno stato di fatto; vuoi perché il possesso è, almeno di norma, “specchio del diritto”).

TITOLO EDILIZIO --> PRESUPPOSTI --> DISPONIBILITÀ --> AREA DEMANIALE O DI USO PUBBLICO

È necessario il preventivo parere di compatibilità urbanistica e il rilascio del titolo edilizio per l&rsquo... _OMISSIS_ ...opere sul demanio marittimo, come previsto nell’art. 31, comma 2, della legge urbanistica n. 1150/1942, nel testo novellato dall’art. 10 della l. 6 agosto 1967, n. 765, che testualmente recita: “per le opere da eseguire su terreni demaniali, compreso il demanio marittimo, ad eccezione delle opere destinate alla difesa nazionale, compete all’Amministrazione dei lavori pubblici, d’intesa con le Amministrazioni interessate e sentito il Comune, accertare che le opere stesse non siano in contrasto con le prescrizioni del piano regolatore generale o del regolamento edilizio vigente nel territorio comunale in cui esse ricadono”.

L’uso pubblico del bene (nelle specie, di un complesso di grotte) costituisce motivo ostativo al r... _OMISSIS_ ...ichiesta concessione edilizia.

L’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico è necessario ed indefettibile presupposto logico/giuridico per il rilascio (e, finanche, per la richiesta) del titolo edilizio per la realizzazione di qualsivoglia intervento su area pubblica, e/o per la relativa segnalazione; sicché, in mancanza di tale prodromica autorizzazione, il richiedente/segnalante (il quale, ovviamente, non è proprietario dell’area oggetto di intervento) risulta del tutto privo del titolo di legittimazione.

Il provvedimento autorizzativo demaniale da parte dell'autorità competente costituisce un necessario antecedente ai fini della legittimità dell’opera edilizia eretta sul confine con un’area demaniale marit... _OMISSIS_ ...RLF| Così come un privato non può installare senza il consenso del vicino una sbarra che – quando è aperta – incide sull’altrui proprietà e sul libero passaggio, allo stesso modo un privato non può installare senza il consenso del Comune una sbarra che – quando è aperta – incide sul passaggio della strada comunale.

TITOLO EDILIZIO --> PRESUPPOSTI --> DISPONIBILITÀ --> COMUNIONE E CONDOMINIO

Il soggetto legittimato alla richiesta del titolo abilitativo deve essere colui che ha la totale disponibilità del bene, pertanto l'intera proprietà dello stesso e non solo una parte o quota di esso. Non può invece riconoscersi legittimazione, al contrario, al semplice proprietario pro quota ovvero al compropriet... _OMISSIS_ ...bile, poiché altrimenti il contegno tenuto da quest'ultimo potrebbe pregiudicare i diritti e gli interessi qualificati dei soggetti con cui condivida la propria posizione giuridica sul bene oggetto di provvedimento.

Ogni qual volta è nota la situazione di comproprietà dell'immobile oggetto di intervento edilizio, in caso di richiesta di rilascio del titolo, l'ente locale è tenuto ad accertare che vi sia l'assenso di tutti i comunisti coinvolti, senza che possano essere opposte, al fine di escludere la necessità di tale assenso, vicende sostanziali e processuali che presuppongono accurate ed approfondite indagini circa i sottesi rapporti civilistici.

In caso di pluralità di proprietari del medesimo immobile, la domanda di rilascio di titolo edili... _OMISSIS_ ...o meno titolo in sanatoria di interventi già realizzati - dovrà necessariamente provenire congiuntamente da tutti i soggetti vantanti il diritto di proprietà sull’immobile. Il comproprietario sarà singolarmente legittimato solo con l’avallo, esplicito o implicito degli altri, desumibile quest’ultimo anche dal factum fiduciae, ovvero una sorta di comportamento concludente attestante un rapporto di fiduci...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 34681 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo