Elemento oggettivo nei reati di abusi demaniali ex art. 633 cod. pen.

DEMANIO E PATRIMONIO --> ABUSI DEI PRIVATI --> REATI --> ART. 633 C.P. --> ELEMENTO OGGETTIVO

La costruzione di veranda abusiva che non occupa ulteriore suolo pubblico rispetto alla quantità originariamente oggetto di concessione, non integra l'elemento materiale del reato di invasione di terreni o edifici di cui all'art. 633 c.p., in cui l'arbitrarietà della condotta è ravvisabile in tutti i casi in cui l'ingresso nell'immobile o nel fondo altrui avvenga senza il consenso dell'avente diritto al possesso od alla detenzione ovvero, in mancanza di questo, senza la legittimazione conferita da una norma giuridica o da una autorizzazione dell'autorità, in questo caso presente grazie al rilascio di una concessione.

La costruzione su una po... _OMISSIS_ ... pubblico oggetto di concessione di un manufatto che si assume essere abusivo, è questione che non attiene alla configurazione del reato di cui all'art. 633 c.p., in quanto non relativa all'introduzione nel fondo, ma al corretto uso di tale potere di fatto sul bene immobile acquisito in base ad una originaria introduzione non arbitraria perché autorizzata. In tal caso pertanto può configurarsi una violazione in materia di edilizia ed urbanistica, ma non il reato suddetto, per la mancanza dell'elemento oggettivo.

Il reato di cui all'art. 633 cod. pen. è configurabile nel caso di occupazione di uno spazio demaniale diverso e di maggiore estensione rispetto a quello per il quale è stata rilasciata una concessione.

Il reato di cui all'art. 633 cod. ... _OMISSIS_ ...abile nel caso di modificazione della sponda di un torrente per la realizzazione di opere edili.

Commette il reato di invasione di terreno chi, sia pure autorizzato dal soggetto che lo detiene in concessione, occupa un terreno demaniale; la caratteristica della demanialità del bene occupato deve essere esplicitamente dimostrata.

La condotta tipica del reato di invasione di terreni o edifici consiste nell'introduzione dall'esterno in un fondo o in un immobile altrui di cui non si abbia il possesso o la detenzione: la norma di cui all'art. 633 cod. pen., infatti, non è posta a tutela di un diritto ma di una situazione di fatto tra il soggetto e la cosa.

Commette il reato di invasione di terreno chi, pur essendo autorizzato dall... _OMISSIS_ ..., occupa un terreno demaniale diverso e di maggiore estensione di quello per il quale è stata rilasciata la concessione.

L'occupazione abusiva di un'immobile dell'A.T.E.R. integra il reato di invasione di terreni o di edifici aggravata ai sensi degli artt. 633 e 639-bis c.p..

Nel reato di invasione di terreni o edifici di cui all'art. 633 c.p., la nozione di «invasione» non si riferisce all'aspetto violento della condotta, che può anche mancare, ma al comportamento di colui che si introduce «arbitrariamente», cioè contra ius, in quanto privo del diritto d'accesso; la conseguente «occupazione» deve ritenersi, pertanto, l'estrinsecazione materiale della condotta vietata e la finalità per la quale viene posta in ... _OMISSIS_ ...a occupazione.

Dopo la sentenza di condanna per il reato di invasione di terreni o edifici (art. 633 c.p.), la protrazione del comportamento illecito da luogo ad una nuova ipotesi di reato che non necessita del requisito dell'invasione, ma si sostanzia nella prosecuzione dell'occupazione.

Integra la condotta di invasione di terreni punita dall'art. 633 c.p. anche l'utilizzazione dei manufatti abusivi su quei terreni realizzati, pur se alla realizzazione il soggetto che ne ha l'uso non abbia preso parte.

Risponde del reato di cui agli artt. 633 e 639-bis c.p. il soggetto che, dopo la sentenza di condanna dell'ascendente, prosegua nell'occupazione di un'area del demanio idrico iniziata da quest'ultimo con la realizzazione di alcuni ... _OMISSIS_ ...ratura, realizzandovi altri immobili.

Il possesso ininterrotto dell'area non esclude la commissione del reato di cui all'art. 633 c.p..

Il reato di cui all'art. 633 c.p. è configurabile solo ove l'invasione sia avvenuta ab origine in modo illegittimo; se, invece, la detenzione o il possesso siano iniziati legittimamente, e, poi per un qualsiasi motivo, divenuti illegittimi, la pretesa dell'avente diritto di rientrare nel possesso dei beni può essere risolta solo alla stregua della normativa civilistica e non, surrettiziamente, cercando di avvalersi delle norme penali.

La condotta tipica del reato di invasione di terreni o edifici (art. 633 c.p.) consiste nell'introduzione dall'esterno in un fondo o in un immobile altrui di cui non... _OMISSIS_ ...ssesso o la detenzione.

Il concessionario di bene demaniale non può cedere a terzi il bene da lui detenuto e pertanto il terzo estraneo si introduce nel terreno demaniale senza la prevista autorizzazione è perseguibile ai sensi dell'art. 633 c.p..

Nel reato di invasione di terreni o edifici di cui all'art. 633 c.p. la nozione di «invasione» non si riferisce all'aspetto violento della condotta, che può anche mancare, ma al comportamento di colui che si introduce «arbitrariamente», cioè contra ius in quanto privo del diritto d'accesso; la conseguente «occupazione» deve ritenersi pertanto l'estrinsecazione materiale della condotta vietata e la finalità per la quale viene posta in essere l'abusiva invasione.
... _OMISSIS_ ...ntegra il delitto di invasione di terreni o di edifici la condotta di chi continui a possedere un bene demaniale per essere subentrato nel possesso di esso a un ascendente o al precedente concessionario, ma senza porre in essere alcuna condotta violenta o clandestina.

Il reato di cui agli artt. 633 e 639-bis c.p. non è configurabile laddove il soggetto, entrato legittimamente in possesso del bene demaniale occupato, prosegua nell'occupazione contro la sopraggiunta volontà della P.A.; né rileva che la P.A. abbia reagito alla situazione di presunta illegalità del possesso dell'area da parte dell'occupante rifiutandosi di legittimarla, perché questo profilo attiene non all'origine del possesso ma a vicende successive, qualificate da evidenti connotazioni petitori... _OMISSIS_ ...| La realizzazione sine titulo di una pista sulla sponda di un torrente integra il reato di cui all'art. 633 c.p..

Il concessionario di bene demaniale non può cedere a terzi il bene da lui detenuto senza autorizzazione: il cessionario, pertanto, che si introduce nel terreno demaniale senza il prescritto assenso della P.A. risponde del reato di cui all'art. 633 c.p..

Non costituisce invasione dell'area pubblica - nel significato normativo attribuito dalla legge per la sussistenza della fattispecie delittuosa - la condotta del parcheggiatore abusivo che non abbia occupato l'area pubblica in modo stabile e permanente.

Il reato di invasione di terreni o edifici (artt. 633 e 639-bis c.p.) non è configurabile laddove il soggetto, entra... _OMISSIS_ ...te in possesso del bene occupato, prosegua nell'occupazione contro la sopraggiunta volontà dell'avente diritto.

Il reato di cui agli artt. 633 e 639-bis c.p. (invasione di terreni o edifici) non è configurabile quando l'agente, che sia entrato in un immobile legittimamente, si limiti a rimanervi contro la volontà dell'avente diritto, consistendo la condotta punibile nell'introduzione arbitraria, dall'esterno, in un fondo altrui; deve escludersi la responsabilità penale dell'assegnatario provvisorio, che vi si trattenga, nonostante la revoca ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 20962 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo