Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo nella pagina prodotto.

SOGGETTI E RESPONSABILITÀ NELL'ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ

SOGGETTI --> SOGGETTI ATTIVI --> CONCORSI DI PIÙ ENTI

In caso di collaborazione di più enti alla realizzazione di un'opera pubblica, qualora l'occupazione risulti ab initio illegittima, tutta l'attività svolta nel corso dell'occupazione, da chiunque esplicata, risulta illegittima, ove causalmente collegata al danno, nonché fonte di responsabilità per gli enti autori, i quali sono tenuti al risarcimento, ai sensi degli artt. 2043 e 2055 c.c., avendo perseverato nell'occupazione del terreno e nella costruzione dei manufatti, pur essendo (o dovendo ritenersi) a conoscenza della illegittimità del loro comportamento, a prescindere dal fatto che l'opera eseguita rientri o no nel patrimonio dell'autore della condotta illecita.

In rapporto alle procedure anteriori al Tue, parte del rapporto espropriativo e obbligato al pagamento dell'indennità verso il proprietario espropriato è il "soggetto espropriante", e tale è quello a cui favore è pronunziato il decreto di espropriazione, anche nell'ipotesi di concorso di più enti nell'attuazione dell'opera pubblica, dovendosi anche allora, nei rapporti esterni verso l'espropriato, e indipendentemente dai rapporti interni tra i vari enti che rilevano solo ai fini dell'eventuale rivalsa dell'uno verso l'altro, aversi riguardo al soggetto che nel provvedimento ablatorio risulta beneficiario dell... _OMISSIS_ ...lvo che dal decreto stesso emerga che ad altro ente, in virtù di legge o di atti amministrativi e mediante figure sostitutive a rilevanza esterna (delegazione amministrativa, affidamento in proprio, concessione e simili) sia stato conferito il potere e il compito di procedere all'acquisizione delle aree occorrenti e di promuovere e curare direttamente, agendo in nome proprio, le necessarie procedure espropriative, e addossati i relativi oneri.

Una volta che il legislatore ha individuato l’ente pubblico titolare in via esclusiva dei rapporti attivi e passivi derivanti da una determinata attività amministrativa, ciò che attiene al rapporto (antecedente a quello con il privato/ricorrente) tra amministrazioni pubbliche è estraneo al thema decidendum della controversia, nell’ambito della quale il predetto soggetto privato evoca in giudizio l’amministrazione per vedere dichiarare il proprio diritto al risarcimento del danno, con conseguente condanna al pagamento dell’amministrazione evocata.

Il Prefetto, il Presidente della giunta regionale o il Sindaco, che pure hanno emesso il decreto di espropriazione e quello di occupazione d’urgenza, sono estranei ai giudizi di opposizione alla stima dei relativi indennizzi ovvero a quello per ottenere il risarcimento del danno da opposizione acquisitiva; tali autorità non essendo identificabili con l’espropriante... _OMISSIS_ ...tà potendo essere riferibile, in base ad un rapporto di immedesimazione organica, all’amministrazione di appartenenza.

Il trasferimento delle funzioni proprie del concedente in materia espropriativa, fonte di possibile corresponsabilità dello stesso, deve riguardare i poteri e le funzioni assegnati dalla legge all'espropriante (a cominciare dalla progettazione delle opere nonché dalla loro approvazione comportante dichiarazione di p.u. delle stesse) e non va confuso con lo specifico potere autoritativo di emissione dei decreti di occupazione temporanea e di espropriazione conferito dalla legge a determinate autorità amministrative - quali il Prefetto, il Presidente della Giunta regionale, o il Sindaco - le quali sono assegnatarie in via esclusiva di tale competenza funzionale, non sono identificabili con l'espropriante né è possibile riferirne l'attività all'amministrazione di appartenenza in base al rapporto di immedesimazione organica.

Una concomitante procedura espropriativa sulla medesima particella da parte di diverso Ente non costituisce in termini generali motivo di preclusione all’esercizio del potere espropriativo (in disparte il diverso rilievo temporale di ciascuna procedura e la diversa allocazione delle opere de quibus) e stante la possibilità di forme di concordata utilizzazione delle opere.

L'Ente a cui sia stata trasfer... _OMISSIS_ ...ave; legittimato passivo nell'azione di restituzione in quanto destinatario dell’ordine in accoglimento della domanda.

Non possono confondersi le facoltà ed i poteri devoluti dalla legge al soggetto promotore dell'espropriazione con lo specifico potere autoritativo conferito dalla legge a determinate autorità amministrative - quali il Prefetto, il Presidente della Giunta regionale, o il Sindaco - di emettere sia il decreto di occupazione temporanea, che quello di esproprio, nonché di ordinare il deposito dell'indennità (L. n. 865 del 1971, art. 12); le quali sono assegnatarie in via esclusiva di tale competenza funzionale, non sono identificabili con l'espropriante e devono restare estranee al giudizio di opposizione alla stima dei relativi indennizzi.

Nel caso di illegittima ed irreversibile trasformazione dell'immobile privato, non vi è, né vi potrebbe essere ragione per tutelare l'ente o gli enti che hanno effettivamente agito per realizzare tale risultato al di fuori della procedura espropriativa, siano essi delegati, ovvero concessionari o semplice appaltatori L. n. 2248 del 1848, ex art. 324, All. F e che hanno proceduto alla materiale apprensione del bene, al compimento delle attività anche giuridiche necessaria a tal fine, nonché all'esecuzione dell'opera pubblica.

SOGGETTI --> SOGGETTI ATTIVI --> CONCORSI DI PIÙ ENTI --... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista