Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

VIA e VAS - valutazione di impatto ambientale e valutazione ambientale strategica

GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> VALUTAZIONE D'IMPATTO AMBIENTALE

Il provvedimento di valutazione di impatto ambientale emesso da un organo centrale dello Stato relativo al progetto di un impianto eolico off-shore costituisce atto avente valenza limitata al territorio regionale, per cui il TAR territorialmente competente a conoscere dell'impugnazione di tale provvedimento è quello della Regione nel cui territorio verrà localizzato l'impianto.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Il provvedimento di V.A.S. non è immediatamente ed autonomamente impugnabile, prima della definizione del procedimento pianificatorio, in quanto atto endoprocedimentale.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

La valutazione di impatto ambientale ha carattere di definitività ed è già di per sé potenzialmente lesiva dei valori ambientali, con conseguente immediata impugnabilità degli atti conclusivi da parte dei soggetti interessati alla protezione di quei valori e, segnatamente, da parte delle associazioni aventi tra i propri scopi la tutela ambientale.

La v.i.a., ancorché positiva, non è effettivamente idonea ad esprimere un giudizio definitivo sul progetto stesso, la cui realizzabilità è resa possibile solo dal rilascio della successiva autorizzazione finale; è questa che costituisce il provvedimento lesivo di qualsivoglia posizione di interesse contraria all'evento.

L’efficacia dell’atto di esclusione dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, ai sensi dell’art. 32 d. lgs. n. 152 del 2006 (applicabile ratione temporis), non dipende dalla sua pubblicazione, che non risulta prescritta come obbligatoria per legge. E’ pertanto irrilevante la mancata pubblicazione sul B.U.R.L. ai fini della decorrenza del termine per l’impugnazione, che deve farsi decorrere per il soggetto che si ritenga leso, dalla piena conoscenza dei suoi elementi essenziali, quali l’autorità emanante, la data, il contenuto dispositivo ed il suo effetto lesivo.

Se le amministrazioni interessate non lamentano la violazione delle garanzie di partecipazione previste per il procedimento di v.i.a., non può essere il privato a sollevare in giudizio la relativa censura, specie allorquando il privato non introduca neanche elementi idonei a lasciar supporre una convergenza tra gli interessi pubblici affidati all’amministrazione in favore della quale sarebbe posta la garanzia procedimentale di cui si assume la compromissione e l’interesse a protezione del quale il privato stesso ricorre.

Le censure relative relative all’impatto sul paesaggio non sono deducibili in sede di impugnazione del decreto recante il... _OMISSIS_ ...ità ambientale, bensì solo all’atto dell’eventuale impugnazione dell’autorizzazione unica alla costruzione dell'impianto di produzione di energia.

I decreti con i quali viene espresso il parere favorevole di compatibilità ambientale rappresentano meri atti infraprocedimentali, non autonomamente impugnabili in quanto non immediatamente lesivi.

Il parere di V.I.A. negativo è immediatamente lesivo per il soggetto richiedente e, quindi, autonomamente impugnabile.

E' autonomamente impugnabile... _OMISSIS_ ...