Carrello
Carrello vuoto

LA LEGITTIMA DIFESA

disciplina normativa e prassi applicativa della difesa privata


titolo: LA LEGITTIMA DIFESA
sottotitolo: disciplina normativa e prassi applicativa della difesa privata
autore/i: Balsano, Ettore
area/e tematica/che: diritto penale
data: Marzo 2016
testo in formato: pdf  
pagine: 101
 
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona
vai al sommario
vai all'abstract e alla descrizione
info autori
guarda le slides
segnala ad un amico
SCARICA GRATIS ALCUNE PAGINE
leggi i seguenti brani : -Natura giuridica della legittima difesa e della posizione giuridica difendibile
-Legittima difesa domiciliare e tradizionale
-Legittima difesa putativa ed eccesso colposo nella legittima difesa

editore: Exeo
isbn: 978-88-6907-188-1
sigla: FC09
categoria: MONOGRAFIE
tipologia: studio applicato
genere: manuali
altezza: cm 24
larghezza: cm 17
funzioni permesse: stampa=SI - copia incolla=SI
protezione: digital watermarking
disponibità: illimitata
destinatari: pubblico generico
soggetto: diritto
 
prezzo:
€ 20,00

leggi i seguenti brani : Natura giuridica della legittima difesa e della posizione giuridica difendibile
Legittima difesa domiciliare e tradizionale
Legittima difesa putativa ed eccesso colposo nella legittima difesa
 GUARDA LA COPERTINA ANTERIORE      


                                                                        
Proprio la portata ampia del pubblico a cui è stato indirizzato spiega il differente linguaggio utilizzato nel corso dell’opera: i primi quattro capitoli hanno un taglio tecnico, sebbene sia fornita la definizione dei termini giuridici utilizzati, nel corso dell’analisi delle varie figure giuridiche. Al contrario l’ultimo capitolo è caratterizzato da un linguaggio più semplice, in modo da fare comprendere anche «ai non addetti ai lavori» il ragionamento che sta alla base delle pronunce giurisprudenziali, ovvero quale potrebbe essere l’esito di una determinata vicenda, una volta che questa è approdata nelle aule di giustizia.
Le armi si distinguono tra proprie ed improprie, in virtù della loro destinazione: le prime possono essere impiegate soltanto per arrecare danno alla persona, come nel caso delle armi da fuoco; le seconde invece possono avere un utilizzo diverso, come ad esempio i trincetti che vengono utilizzati generalmente per aprire pacchi e scatole, ma possono servire anche per ferire o addirittura uccidere. Nel terzo capitolo si dà conto di tale distinzione, anche in relazione alla qualificazione giuridica dei coltelli a serramanico; infine viene individuata la disciplina che regola l’uso dei cosiddetti «spray al peperoncino» che recentemente hanno trovato sempre maggiore diffusione.
La legittima difesa putativa si differenzia da quella effettiva soltanto per l’assenza di una reale situazione di pericolo dalla quale ci si difende: nella legittima difesa putativa, il pericolo esiste soltanto nella mente di colui che reagisce. Al contrario devono essere presenti tutti gli altri requisiti richiesti dalla legittima difesa tradizionale o da quella domiciliare. Quanto detto consente d’individuare quale sia l’ errore ammissibile nella legittima difesa putativa: si tratta dell’errore sul fatto, ossia sulla situazione di pericolo, non certo sui presupposti o sui limiti della legittima difesa.
L’eccesso colposo nella legittima difesa ricorre quando il fatto commesso sia sanzionato penalmente anche a titolo di colpa; inoltre l’errore deve concernere un’ignoranza o una fallace conoscenza della situazione di pericolo, ovvero negligenza, imperizia o imprudenza nell’uso dei mezzi o delle modalità realizzative della reazione difensiva. Sempre nel quarto capitolo, l’autore si soffermerà sull’eccesso colposo nella legittima difesa, nonché sulla differenza tra questa figura e la legittima difesa putativa.
Nel quinto capitolo l’autore offre una dimostrazione pratica degli elementi costitutivi della legittima difesa reale, domiciliare, putativa, nonché dell’eccesso colposo nella legittima difesa. Sono riportati casi di cronaca in cui le suddette figure sono state invocate nelle aule di giustizia: in relazione a ciascun caso, si darà conto del percorso seguito dalla giurisprudenza quando sia stata pronunciata una sentenza; negli altri, l’autore proverà ad individuare quale potrebbe essere la soluzione indicata dai giudici chiamati a pronunciarsi sul caso.
L’opera illustra la disciplina codicistica della legittima difesa, andando ad analizzare gli elementi costitutivi della fattispecie, per poi procedere all’individuazione della legittima difesa domiciliare, della legittima difesa putativa, dell’eccesso colposo nella legittima difesa, evidenziando le differenze intercorrenti tra queste figure. Nell’ultimo capitolo vengono poi analizzati i casi più emblematici di cronaca giudiziaria degli ultimi anni, per verificare come le norme prima descritte siano state interpretate dalla giurisprudenza. L’opera si rivolge non solo agli operatori del diritto, ai quali sono dedicati i primi quattro capitoli, ma anche a tutti coloro che, pur privi di una specifica formazione giuridica, siano desiderosi di conoscere i limiti entro i quali l’ordinamento giuridico facoltizza l’autodifesa privata.

CAPITOLO I
INTRODUZIONE

Prefazione

Piano dell'opera

CAPITOLO II
NATURA, OGGETTO E REQUISITI DELLA LEGITTIMA DIFESA

SEZIONE I
INTRODUZIONE ALLA LEGITTIMA DIFESA
1.    La natura giuridica della legittima difesa
2.    La natura della posizione giuridica difendibile
3.    La titolarietà della posizione giuridica difendibile

SEZIONE II
I REQUISITI DELL'ALTRUI OFFESA INGIUSTA
4.    L'altrui condotta
5.    La nozione di pericolo
6.    La nozione d'ingiustizia
7.    L'attualità del pericolo ed ammissibilità della legittima difesa anticipata

SEZIONE III
I REQUISITI DELLA REAZIONE DIFENSIVA
8.    Il destinatario della reazione difensiva
9.    La necessarietà della difesa
10.    L'inevitabilità della reazione difensiva ed il rapporto con la necessarietà
11.    La proporzionalità tra offesa e difesa

CAPITOLO III
LA LEGITTIMA DIFESA DOMICILIARE

SEZIONE I
IL RAPPORTO TRA LEGITTIMA DIFESA DOMICILIARE E LEGITTIMA DIFESA "TRADIZIONALE"
12.    Il requisito della proporzionalità nell'ambito della legittima difesa domiciliare
13.    I requisiti ulteriori della legittima difesa domiciliare

SEZIONE II
L'AMBITO DI APPLICAZIONE DELL'ART. 52
COMMA SECONDO C.P.
14.    La nozione penale di domicilio e sua attualità
15.    L'applicabilità della legittima difesa domiciliare alle pertinenze del domicilio

SEZIONE III
L'AMBITO DI APPLICAZIONE DELL'ART. 52 COMMA TERZO C.P.
16.    L'estensione della presunzione di proporzionalità a tutti i luoghi in cui è esercitata un'attività professionale, commerciale o imprenditoriale

CAPITOLO IV
LEGITTIMA DIFESA PUTATIVA ED ECCESSO COLPOSO NELLA LEGITTIMA DIFESA

SEZIONE I
L 'ART. 59 COMMI PRIMO, SECONDO E TERZO C.P.
17.    Limiti all'operatività della legittima difesa putativa
18.    Compatibilità della legittima difesa putativa con l'errore sul fatto ma con quello sul precetto
19.    L'esistenza della colpa quale confine tra legittima difesa ed eccesso colposo nella legittima difesa

SEZIONE II
L 'ART. 59 COMMA QUARTO, C.P.
20.    La colpa
21.    La distinzione tra colpa generica e colpa specifica

CAPITOLO V
CASI DI STUDIO
22.    In materia di legittima difesa tradizionale
23.    In materia di legittima difesa domiciliare
24.    In materia di legittima difesa putativa
25.    In materia di eccesso colposo nella legittima difesa

NOTE CONCLUSIVE

BIBLIOGRAFIA

SITOGRAFIA

DELLO STESSO AUTORE/I :
CategoriaN.AnnoTitoloAutore/iPrezzo
MONOGRAFIE102016LA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA E L’OMICIDIO STRADALE Balsano, Ettore € 20,00