Carrello
Carrello vuoto



Rilascio di concessione demaniale: i vizi dell'azione amministrativa

 Concessione demaniale ed eccesso di potere (disparità di trattamento) della P.A.
 L'incompetenza al rilascio del titolo
 Vizi della PA: rilascio a terzi del bene assegnato
 Risarcimento da ritardo nell'adozione dell'atto
 Il danno da sospensione del procedimento

Questo articolo è composto da massime giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le massime si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DELLE CONCESSIONI DEMANIALI
anno:2017
pagine: 5772 in formato A4, equivalenti a 9812 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PATOLOGIA --> VIZI NELLA AZIONE AMMINISTRATIVA --> ECCESSO DI POTERE --> DISPARITÀ DI TRATTAMENTO --> CONCESSIONI DEMANIALI

La disparità di trattamento, quale figura sintomatica di eccesso di potere, presuppone la totale identità, od assimilabilità, delle situazioni di base messe a raffronto circostanza, questa, non ravvisabile in sede di determinazione dei canoni demaniali relativi a stabilimenti balneari siti in comuni limitrofi ma con caratteristiche diverse.

Eventuali illegittimità che si fossero verificate nel rilascio dei precedenti titoli concessori non possono assurgere a legittimo, valido ed utile parametro della presunta contraddittorietà dell'azione amministrativa, anche sotto il profilo della disparità di trattamento.

L'obiettiva diversità delle situazioni in cui versano i concessionari – nella specie, per avere o non avere la titolarità di una concessione concernente l'arenile ed il fronte mare - fa escludere la sussistenza di profili di eccesso di potere per disparità di trattamento.

Omogeneità di giudizio impone analogo trattamento dei concessionari, a parità di condizioni.

E' illegittima pe... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...agrave; di trattamento la concessione rilasciata in accoglimento di un'istanza tardiva se le altre istanze tardive non sono state valutate.

E' illegittimo per disparità di trattamento il diniego di concessione demaniale marittima adottato dopo tempi più lunghi e con esito inspiegabilmente opposto rispetto ad istanze analoghe.

PATOLOGIA --> VIZI NELLA AZIONE AMMINISTRATIVA --> INCOMPETENZA --> CONCESSIONE DEMANIALE

E' affetto da illegittimità derivata il diniego di concessione demaniale marittima adottato sulla base di un atto generale ed astratto viziato da incompetenza.

E' illegittimo perché viziato da incompetenza l'atto di risoluzione del rapporto concessorio assunto dal Sindaco.

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> DANNO --> DA CONCESSIONE A TERZI DEL BENE ASSEGNATO

Qualora, in seguito all'illegittima concessione a terzi di un bene già oggetto di concessione, l'ente concedente non abbia contribuito all'immissione in possesso del nuovo concessionario, non sussistono i presupposti di fatto idonei a concretizzare un effettivo e concreto comportamento "illecito" da parte dell'Amministrazione, atto a supportare e giustificare la domand... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...imento nei suoi confronti (ed impregiudicata l'eventuale pretesa risarcitoria nei confronti dell'autore dello spoglio).

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> DANNO --> DA MANCATO RILASCIO DI CONCESSIONE DEMANIALE

Laddove la convenzione avente ad oggetto una concessione demaniale abbia ricondotto l'effetto approvativo del progetto direttamente alla determinazione conclusiva della Conferenza di servizi, il concessionario non ha titolo per dolersi della mancanza del provvedimento autorizzatorio, la cui omissione non le cagiona alcun danno ingiusto risarcibile.

Non sussiste alcun danno risarcibile laddove il diniego all'istanza di concessione demaniale sia motivato dall'incompletezza documentale della domanda.

L'illegittima assegnazione ad altri della concessione demaniale, integrando la definitiva compromissione dell'interesse sostanziale azionabile in giudizio, costituisce dies a quo del termine per richiedere il risarcimento per l'omessa assegnazione a favore di chi ne aveva diritto.

La domanda di risarcimento del danno da illegittimo diniego del'autorizzazione all'installazione di un impianto pubblicitario non può essere accolta ove non risultino allegate delle offerte di soggetti inter... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...installazione illegittimamente denegata.

Il privato che non ha impugnato la concessione rilasciata a terzi non può pretendere il risarcimento del danno (nella specie derivante dalla perdita di un contributo pubblico) sofferto per l'omesso rilascio, in suo favore, dell'area stessa.

In caso di annullamento giurisdizionale del diniego di concessione demaniale, l'impossibilità di accedere al risarcimento per esatto equivalente (nella specei, in considerazione della mancata dimostrazione della sussistenza dei costi necessari per la realizzazione del progetto e della certezza della durata della concessione) impone di percorrere la via del risarcimento per perdita di chance.

In caso di annullamento del diniego di concessione demaniale al quale non può seguire il rilascio perché l'area è stata affidata medio tempore ad altro concessionario, sussiste la ragionevole probabilità che il concessionario potesse ottenere il rinnovo annuale della concessione solo fino al momento in cui l'area è stata effettivamente data a terzi.

In assenza di più analitiche allegazioni, il danno sofferto dal privato per illegittimo diniego di concessione demaniale marittima può essere liqui... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ura pari ad una somma che appare equa al giudice.

Ai fini della quantificazione del danno sofferto dal privato per illegittimo diniego di concessione demaniale marittima può essere considerato il fatto notorio della propensione dei bagnanti che frequentano tali località a munirsi di materiali da bagno propri, come a provvedere autonomamente ai pasti durante la giornata in riva al mare.

L'amministrazione che, dopo essersi data una puntuale regolamentazione in ordine al criterio da seguire per il rilascio delle concessioni di suolo pubblico, non vi dia concretamente seguito, disattendendolo nella sostanza senza alcuna plausibile motivazione al riguardo, è tenuta al risarcimento del danno ingiustamente sofferto dal destinatario del provvedimento di diniego.

Il danno sofferto dal privato per il mancato rilascio della concessione di posteggio risulta dai guadagni perduti, individuati mediante il raffronto tra la media dei profitti dell'ultimo anno antecedente la mancata assegnazione e quella dei profitti conseguiti nel periodo successivo, avuto riguardo alla differenza netta tra i ricavi e il costo delle merci.

In caso di illegittimo diniego di ampliamento di concessione demaniale marittima è inam... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...in quanto generica, la domanda di risarcimento danni in cui il ricorrente si limiti a dedurre di essere stato costretto a svolgere la propria attività in condizioni precarie e di aver fruito solo in parte della superficie concessa.

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> DANNO --> DA RITARDI NELL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO --> CONCESSIONE DEMANIALE

La responsabilità della P.A. che non procuri tempestivamente l'alloggio di servizio ha natura contrattuale e non già extracontrattuale, soggiacendo alle relative regole, ivi compresa quella enunciata dall'art. 1218 c.c..

Nessuna responsabilità può configurarsi in capo alla P.A. che, pur non avendo procurato l'alloggio di servizio al comandante di polizia penitenziaria, abbia tempestivamente offerto allo stesso soluzioni abitative alternative, qualora il dipendente abbia rifiutato tali soluzioni e abbia scelto di tornare alla propria abitazione, non ottemperando all'obbligo di residenza imposto dall'art. 18 della legge 395/1990.

Il danno economico subito per l'illegittimo ritardo nel rilascio della concessione demaniale marittima può essere quantificato in via equitativa.

Il danno da ritardato rilascio della... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e demaniale marittima non è risarcibile qualora non sia dimostrato il nesso eziologico tra la mancanza di accesso all'acqua e la riduzione dell'attività commerciale.

Il risarcimento del danno connesso al ritardato rilascio della concessione demaniale marittima può essere richiesto soltanto da chi ha sofferto il pregiudizio, e non già da altra società società appartenente al medesimo «gruppo»

Ai sensi dell'art. 30, co. 3, c.p.a., non può chiedere il risarcimento del danno derivante dalla mancata assunzione di decisioni relative al bene demaniale da assegnare in concessione il precedente concessionario che abbia tenuto una condotta che abbia ostacolato l'assegnazione del bene.

Il soggetto che abbia presentato istanza di concessione demaniale marittima può chiedere il danno da ritardo soltanto nel caso in cui abbia conseguito tardivamente il provvedimento concessorio, non invece nel caso in cui la P.A. abbia emanato, sia pure in ritardo, un provvedimento di rigetto.

L'illegittimità del provvedimento di diniego di autorizzazione all'occupazione di suolo pubblico non comporta di per sé l'obbligo di risarcire il danno, se la P.A. non ha riconosc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ovvedimenti successivi, spontaneamente o a seguito dell'esperimento del giudizio di ottemperanza la spettanza del "bene della vita".

Il risarcimento del danno a carico della P.A. non può ritenersi un semplice effetto automatico dell'illegittimità del diniego di occupazione di suolo pubblico: di conseguenza grava su chi assume di essere stato danneggiato l'onere ex art. 2697 c.c. di fornire la necessaria piena prova circa la sussistenza di tutti gli elementi costitutivi della responsabilità dell'illecito di cui all'art. 2043 c.c., ivi compreso l'evento "danno".

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> DANNO --> DA SOSPENSIONE DEL PROCEDIMENTO --> CONCESSIONE DEMANIALE

Qualora il T.A.R. abbia sospeso in sede cautelare il provvedimento (poi riconosciuto illegittimo) di sospensione del procedimento preordinato al rilascio del titolo abilitativo all'installazione degli impianti pubblicitari e l'interessato non si sia rivolto alla P.A. per ottenere l'autorizzazione e non abbia agito in sede giudiziale per ottenere il rilascio del titolo, la domanda risarcitoria va respinta ai sensi dell'art. 30, co. 3, c.p.a..



    Il prodotto da cui è tratto questo articolo è un comodo pdf
    Il prodotto si acquista in questo sito
    L'acquisto inizia cliccando sul carrello e dura pochi minuti
    Il prodotto si scarica immediatamente dopo l'acquisto



© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI