Carrello
Carrello vuoto



Termine per l'impugnazione del progetto


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:LA PROGETTAZIONE nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 290 in formato A4, equivalenti a 493 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Il termine entro cui i soggetti che ne siano direttamente incisi devono impugnare i provvedimenti di approvazione del progetto per la realizzazione dell'opera pubblica, non decorre dalla loro pubblicazione, ma dal momento in cui detti soggetti ne abbiano acquisito piena conoscenza.

Ai fini della decorrenza dei termini di impugnazione del provvedimento di approvazione del progetto definitivo, i soggetti direttamente coinvolti dagli atti della procedura espropriativa, per interessare questa una porzione consistente dell'area di proprietà, devono prendere cognizione dell'atto deliberativo mediante notifica individuale.

Anche in assenza della formale comunicazione al proprietario espropriando degli atti di approvazione del progetto, la successiva piena conoscenza, desumibile da comunicazioni intervenute, comporta la decorrenza del termine di impugnazione.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> TERMINE DECADENZIALE --> DECORRENZA --> PROGETTAZIONE --> OPERE STRATEGICHE

Il termine a quo per impugnare gli atti di approvazione dei progetti concernenti la "realizzazione delle infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di interesse nazionale", decorre dalla notificazione o comunicazione individuale de... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...atto approvativo e non anche dall'eseguita pubblicazione dell'atto stesso nell'albo pretorio dell'ente o sulla Gazzetta Ufficiale.

L'approvazione del progetto per la realizzazione delle infrastrutture e degli insediamenti produttivi strategici e di interesse nazionale comporta "l'automatica variazione degli strumenti urbanistici vigenti ed adottati"(art. 3, comma 7, decreto legislativo n. 190 del 2002). Non è quindi necessaria alcuna ulteriore pubblicazione sul BURP o sugli albi pretori comunali, risultando sufficiente a tal fine, ossia per la efficacia della variante urbanistica e del relativo vincolo espropriativo, la sola pubblicazione nella Gazzetta ufficiale. Ne consegue che la delibera di approvazione del progetto preliminare va impugnata nei termini decadenziali decorrenti dalla suddetta pubblicazione.

La delibera di approvazione del progetto preliminare delle opere strategiche di interesse nazionale va impugnata nei termini decadenziali decorrenti, non essendo prevista notifica/comunicazione individuale, dalla data della sua pubblicazione in G.U.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> TERMINE DECADENZIALE --> DECORRENZA --> PROGETTAZIONE --> PERIZIA DI VARIANTE

La perizia di variante dev... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lificata quale atto recettizio in quanto idonea ad incidere direttamente nella sfera giuridica dei proprietari di terreni interessati dalla variante medesima; ne consegue che il termine decadenziale di impugnazione non decorre dall'ultimo giorno di pubblicazione della determina dirigenziale sull'albo pretorio bensì dalla comunicazione personale agli interessati.

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> VARIANTI PROGETTUALI

Il proprietario espropriato non è legittimato a contestare le varianti progettuali dell'opera pubblica la cui esecuzione ha imposto l'espropriazione, salvo che tali varianti abbiano come risultato l'occupazione sine titulo (o comunque la manomissione) di ulteriori particelle di proprietà dell'interessato. Ma in questo caso le contestazioni vanno svolte nella competente sede civile, trattandosi di occupazione de facto; ovvero esse siano finalizzate ad apportare all'opera modificazioni tali da peggiorare il bilancio ambientale e/o paesaggistico e/o edilizio (ma questo solo nei casi in cui il proprietario espropriato risieda nelle vicinanze oppure possieda altri terreni contermini in cui svolge attività agricola o turistico-ricettiva).



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI