Carrello
Carrello vuoto



Condizioni di esercizio del diritto d'accesso agli atti amministrativi: l'interesse del soggetto

L'esercizio del diritto di accesso agli atti amministrativi (art.22 L.241/1990) è subordinato ad un interesse diretto, concreto e attuale dell'istante: i documenti richiesti lo devono riguardare direttamente, e devono essere pertinenti alla situazione giuridica alla base della domanda di accesso presentata.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ACCESSO AGLI ATTI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 289 in formato A4, equivalenti a 491 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> INTERESSE

Non è revocabile in dubbio la posizione legittimante dei ricorrenti al richiesto accesso in ragione dell'interesse sostanziale originato dalla loro qualità di comproprietari dei suoli incisi dalla procedura ablatoria, qualificato espressamente dall'esigenza, dichiarata, di tutela in giudizio.

L'interesse all'accesso agli atti della procedura espropriativa da parte dei proprietari, non è eliso dalla circostanza che gli interessati abbiano già proposto opposizione alla stima avverso la indennità di esproprio come determinata, posto che il diritto di accesso sussiste e va riconosciuto come posizione soggettiva diretta al conseguimento di un autonomo bene della vita, garantita dall'ordinamento indipendentemente dalla situazione soggettiva sottostante, la cui tutela viene invocata in pendenza di un procedimento giurisdizionale.

Ai fini della sussistenza del presupposto legittimante l'esercizio del diritto di accesso deve esistere un interesse giuridicamente rilevante del soggetto che richiede l'accesso, non necessariamente consistente in un interesse legittimo o in un diritto soggettivo, ma comunque giuridicamente tutelat... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ndo identificarsi con il generico ed indistinto interesse di ogni cittadino al buon andamento della attività amministrativa, ed un rapporto di strumentalità tra tale interesse e la documentazione di cui si chiede l'ostensione. Tale nesso di strumentalità deve, peraltro, essere inteso nel senso che la documentazione richiesta deve essere mezzo utile per la difesa dell'interesse giuridicamente rilevante.

L'interesse, per la cui tutela è attribuito il diritto di accesso, considerato secondo una valutazione prognostica e secondo un rapporto di chiara percepibilità, è nozione diversa e più ampia rispetto all'interesse all'impugnativa, così che la legittimazione all'accesso va riconosciuta a chiunque possa dimostrare che gli atti procedimentali oggetto dell'accesso abbiano spiegato o siano idonei a spiegare effetti diretti o indiretti nei suoi confronti, indipendentemente dalla lesione di una posizione giuridica, stante l'autonomia del diritto di accesso inteso come interesse ad un bene della vita distinto rispetto alla situazione legittimante all'impugnativa dell'atto.

Nel caso in cui la richiesta di accesso a documenti amministrativi sia motivata d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...se a dedurre il vizio di disparità di trattamento non ricorre il presupposto della necessità per la difesa in giudizio di cui all'art. 24, comma 7, l. 7 agosto 1990 n. 241, il quale postula che vi sia già una lesione concreta ed attuale degli interessi giuridici e non consente al richiedente di avviare un'indagine esplorativa alla ricerca di tale specifico vizio, senza averne alcuna prova; in ogni caso la mancata visione dei documenti non priva il ricorrente del diritto di difesa, potendo il ricorso essere proposto sulla base di altre censure, e potendo altresì essere dedotto il vizio di eccesso di potere per disparità di trattamento in base ai dati già a disposizione, salvo chiedere al giudice un ordine di esibizione di atti, a seguito dei quali articolare motivi aggiunti; in un'evenienza del genere, in cui il richiedente vuole conoscere un numero ampio di pratiche amministrative riguardanti terzi al fine di compiere un'investigazione per la ricerca di un vizio dell'agire amministrativo, nella mediazione tra diritto di difesa e diritto alla privacy, si deve ritenere che manca la rigorosa necessità dei documenti per la difesa in giudizio, necessità che non può essere valutata né dal richiedente l'accesso n&eac... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...Pubblica amministrazione destinataria della richiesta, e che deve invece essere valutata, a giudizio instaurato, dal giudice, in sede di esame della richiesta istruttoria dell'interessato.

Mentre il soggetto che è parte del procedimento amministrativo ha un diritto riconosciutogli ope legis di prendere visione degli atti del procedimento medesimo, anche laddove esso sia ancora in itinere, diversamente il soggetto terzo ha l'onere di specificare e di esplicitare quale sia la sua legittimazione onde poter configurare la sussistenza in atto di un interesse diretto concreto ed attuale alla visione, ed eventualmente, al rilascio di copia degli atti oggetto di richiesta ostensione.

Ai fini dell'accesso ai documenti amministrativi, l'essere titolare di una situazione giuridicamente tutelata non è condizione sufficiente perché l'interesse rivendicato possa considerarsi 'diretto, concreto e attuale', essendo necessario che la documentazione cui si chiede di accedere sia collegata a quella posizione sostanziale, impedendone o ostacolandone il soddisfacimento, secondo lo schema logico imposto dall'art. 22 della l. 241/1990.

L'accessibilità agli atti e ai documenti della pubblica ammin... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...va sempre assicurata qualora sussista un interesse diretto, concreto e attuale corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e inerente agli atti di cui si chiede copia, dovendosi ritenere sufficiente, ai fini dell'accesso, che la richiesta sia attinente a una situazione giuridica soggettiva e sia prospettato un interesse che non necessariamente deve assumere il rango dell'interesse ad una tutela giurisdizionale.

L'azione per l'accesso agli atti della Pubblica amministrazione può essere proposta anche sulla base di un interesse di contenuto tale da non legittimare la proposizione dell'azione per l'annullamento di un provvedimento amministrativo e, conseguentemente, il limite di valutazione della P.A. sulla sussistenza di un interesse concreto, attuale e differenziato all'accesso, che è correlativamente pure il requisito di ammissibilità della relativa azione, si sostanzia solo nel giudizio estrinseco sull'esistenza di un legittimo bisogno differenziato di conoscenza in capo a chi richiede i documenti, purché non preordinato a un controllo generalizzato ed indiscriminato sull'azione amministrativa, espressamente vietato dall'art. 24 comma terzo, l. 7 agosto 1990, n. 241.

Il proprietario di un mu... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...riva acqua da un torrente ha un interesse personale, concreto e attuale a conoscere gli atti amministrativi relativi ad una situazione di fatto che potrebbe compromettere l'utilizzo delle acque pubbliche.

Per aversi un interesse qualificato ed una legittimazione ad accedere alla documentazione amministrativa è necessario trovarsi in una posizione differenziata ed avere una titolarità di posizione giuridicamente rilevante. La giurisprudenza precisa, altresì, che l'interesse di cui all'art 22 L. n. 241/1990 non necessariamente deve essere considerato quale titolarità di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo - ossia posizioni giuridiche soggettive piene e fondate - ma può riguardare anche una posizione giuridica soggettiva anche meramente potenziale.

La giurisprudenza ha chiarito che la nozione di situazione giuridicamente rilevante è nozione diversa e più ampia rispetto all'interesse all'impugnativa e non presuppone necessariamente una posizione soggettiva qualificabile in termini di diritto soggettivo o di interesse legittimo; così che la legittimazione all'accesso va riconosciuta a chiunque possa dimostrare che gli atti oggetto dell'accesso abbiano ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...siano idonei a spiegare effetti diretti o indiretti nei suoi confronti, indipendentemente dalla lesione di una posizione giuridica, stante l'autonomia del diritto di accesso, inteso come interesse ad un bene della vita distinto rispetto alla situazione legittimante all'impugnativa dell'atto.

L'interesse alla actio ad exhibendum postula una nozione diversa e più ampia rispetto all'interesse all'impugnativa e non presuppone necessariamente una posizione soggettiva, qualificabile in termini di diritto soggettivo o di interesse legittimo, per cui la legittimazione all'accesso va riconosciuta a chiunque possa dimostrare che gli atti del procedimento oggetto dell'accesso abbiano spiegato o siano idonei a spiegare effetti diretti od indiretti nei suoi confronti, indipendentemente dalla lesione di una posizione giuridica.

E' interesse giuridicamente rilevante ai fini dell'esercizio del diritto di accesso agli atti della P.A. non solo quello che il ricorrente fa valere allo scopo di corroborare le censure elevate nei confronti di un provvedimento amministrativo che ha già formato oggetto di ricorso giurisdizionale, ma anche quello finalizzato a valutare l'opportunità e convenienza di un ricorso ancora da promuovere.
[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...Il Consiglio di Stato ha ribadito che «[è] pacifica in giurisprudenza l'affermazione secondo la quale l'azione per l'accesso agli atti della pubblica amministrazione può essere proposta anche sulla base di un interesse di contenuto tale da non legittimare la proposizione dell'azione per l'annullamento di un provvedimento amministrativo» (Cons. St., Sez. V,12 febbraio 2013, n. 793). Tale sentenza si iscrive all'interno di un noto e consolidato orientamento giurisprudenziale, in base al quale la situazione giuridicamente rilevante disciplinata dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, per la cui tutela è attributo il diritto di accesso, è nozione diversa e più ampia rispetto all'interesse all'impugnativa.

Per ottenere l'accesso ai documenti amministrativi è necessario dimostrare quell'interesse diretto concreto ed attuale al quale il legislatore subordina l'operatività dell'istituto ad exhibendum.

Ai fini dell'accesso ai documenti amministrativi è inadeguato il riferimento agli interessi diffusi, poiché questi ultimi possono essere fatti valere da specifici organismi categoriali ed esponenziali.

L'art 22 della L. n. 241... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...er l'esercizio del diritto di accesso richiede l'interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l'accesso.

L'interesse che sorregge il diritto di accesso è quello concretamente collegato alle esigenze specifiche del richiedente, vale a dire agli atti che direttamente lo riguardino o siano, in ogni caso, pertinenti con le particolari ragioni esposte a sostegno dell'istanza.

La nozione di interesse giuridicamente rilevante, ai fini del diritto di accesso, si configura come il complesso di situazioni soggettive che, più che fornire utilità finali (caratteristica da riconoscere, non solo ai diritti soggettivi ed agli interessi legittimi, ma anche agli interessi diffusi), risultano caratterizzate per il fatto di offrire al titolare dell'interesse poteri di natura procedimentale volti in senso strumentale alla tutela di altri interessi giuridicamente rilevanti, che vengano a collidere con l'esercizio di pubbliche funzioni.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> OCCUPAZIONE DE FACTO

Deve riconoscersi la sussistenza di un interesse diretto, concreto ed attuale[Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...spondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è stato chiesto l'accesso, ex art. 22 l n. 241/90, in capo a soggetti che chiedano di accedere ai documenti amministrativi "inerenti la procedura di esproprio" di fondi asseritamente occupati dall'amministrazione.

Sussistendo l'occupazione di un bene di proprietà privata, deve essere garantito ai proprietari il diritto di accesso a tutti gli atti di ufficio concernenti l'occupazione, la trasformazione e l'eventuale espropriazione dei beni stessi.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI