Carrello
Carrello vuoto



Casistica relativa agli abusi edilizi: la lottizzazione abusiva

Le norme contro la lottizzazione abusiva puntano ad impedire, prevenendo o reprimendo, la realizzazione di "opere che comportino trasformazione urbanistica od edilizia dei terreni" (art.30 DPR 380/2001), ovvero le condotte materiali e giuridiche intese a infittire la trama dell’edificato sul territorio, preservando la potestà programmatoria della P.A..

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEGLI ABUSI EDILIZI
anno:2017
pagine: 5843 in formato A4, equivalenti a 9933 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA

Nella lottizzazione abusiva cartolare, in cui difettano opere, ed il comportamento del dante causa frazionante si presta ad un'oggettiva pluralità di significati (fra tutti il desiderio di rendere più agevolmente commerciabile il bene che intende dismettere), la legge pretende che vi siano elementi che denuncino in modo non equivoco la destinazione a scopo edificatorio.

Ove manchi la specifica autorizzazione a lottizzare, la lottizzazione abusiva sussiste e deve essere sanzionata anche se, per le singole opere facenti parte di tale lottizzazione, sia stata rilasciata una concessione edilizia.

La lottizzazione abusiva può essere realizzata da qualsiasi tipo di opere in grado di stravolgere l'assetto territoriale e tale conseguenza deve essere valutata tenendo conto delle opere complessivamente considerate e non del singolo e specifico intervento edilizio.

Il reato di lottizzazione può configurarsi: a) in presenza di un intervento sul territorio tale da comportare una nuova definizione dell'assetto preesistente in zona non urbanizzata o non sufficientemente urbanizzata, per cui... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...necessità di attuare le previsioni dello strumento urbanistico generale attraverso la redazione di un piano esecutivo e la stipula di una convenzione lottizzatoria adeguata alle caratteristiche dell'intervento di nuova realizzazione; b) ma anche allorquando detto intervento non potrebbe in nessun caso essere realizzato poiché, per le sue connotazioni oggettive, si pone in contrasto con previsioni di zonizzazione e/o di localizzazione dello strumento generale di panificazione che non possono essere modificate da piani urbanistici attuativi.

Il presupposto dell'ordinanza di sospensione di cui all'art. 30 co. 7 D.P.R. 380/2001 è costituito dall'effettuazione di una lottizzazione di terreni a scopo edificatorio senza la prescritta autorizzazione; ciò accade sia quando un piano di lottizzazione convenzionato o di uno strumento urbanistico attuativo manchi, sia quando la lottizzazione sia stata privata relativo titolo legittimante a seguito dell'annullamento in autotutela o in sede giurisdizionale degli atti appena indicati.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> ALBERGHI E STRUTTURE RICETTIVE

La destinazione a residenza turis... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...hiera di un immobile si caratterizza per l'apertura del bene al pubblico ovvero si esprime attraverso atti di offerta al pubblico dei servizi ad esso inerenti e la gestione unitaria dell'immobile.

La caratteristica peculiare della residenza turistica alberghiera è costituita dall'essere finalizzata all'accoglienza di soggetti terzi rispetto ai proprietari ed ai gestori.

Il frazionamento in singoli appartamenti di una residenza di una residenza turistico – alberghiera e la successiva destinazione a fini abitativi integra gli estremi della lottizzazione abusiva.

In materia edilizia, il reato di lottizzazione abusiva mediante modifica della destinazione d'uso da alberghiera a residenziale è configurabile, nell'ipotesi in cui lo strumento urbanistico generale consenta l'utilizzo della zona ai fini residenziali, in due casi: a) quando il complesso alberghiero sia stato edificato alla stregua di previsioni derogatorie non estensibili ad immobili residenziali; b) quando la destinazione d'uso residenziale comporti un incremento degli "standards" richiesti per l'edificazione alberghiera e tali "standards" aggiuntivi non risultino reperibili ovvero reperiti in concreto.

La realizzazione, in... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...el piano regolatore generale destinata a servizi turistico alberghieri, di un complesso che non si concretizza immediatamente in una utilizzazione coerente ma che fin dal suo nascere viene suddiviso in unità abitative di tipo familiare, determina un'utilizzazione del territorio così in contrasto con la normativa di piano che la concerne, da integrare una fattispecie di lottizzazione abusiva.

La lottizzazione abusiva mediante modifica della destinazione d'uso da alberghiera a residenziale è configurabile anche nell'ipotesi in cui lo strumento urbanistico consenta l'utilizzo della zona ai fini residenziali allorquando il complesso alberghiero sia stato edificato alla stregua di previsioni urbanistico-edilizie derogatorie non estensibili ad immobili residenziali sia quando la destinazione d'uso residenziale comporti la necessità di incrementare gli standards richiesti per l'edificazione alberghiera e tali standards aggiuntivi non risultino reperibili ovvero reperiti in concreto.

La destinazione a residenza turistico alberghiera di un immobile si caratterizza con l'apertura del bene al pubblico, ovvero si esprime attraverso atti di offerta al pubblico dei servizi ad esso inerenti e la gestione unitaria dell'immobile.
<... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...odifica di destinazione d'uso di una struttura alberghiera in complesso residenziale realizzata attraverso la parcellizzazione dell'immobile in numerosi alloggi suscettibili di essere occupati stabilmente configura il reato di lottizzazione abusiva pur laddove l'area sia urbanizzata e gli strumenti urbanistici generali consentano una utilizzabilità alternativa di tipo alberghiero e residenziale.

L'esistenza di un'attività, sia pure autorizzata, di campeggio non è incompatibile con la figura del reato di lottizzazione abusiva ove la stessa venga radicalmente mutata, in uno stabile insediamento abitativo e di rilevante impatto negativo sull'assetto territoriale.

Si configura una lottizzazione abusiva allorché lo strumento urbanistico generale, nella zona in cui è stato costruito l'albergo, non preveda utilizzabilità diversa da quella turistico-alberghiera, ma ciò nondimeno si proceda alla vendita di singole unità immobiliari a privati.

Il reato di lottizzazione abusiva mediante modifica della destinazione d'uso da alberghiera a residenziale è configurabile anche nell'ipotesi in cui lo strumento urbanistico consenta l'utilizzo della zona ai fini residenziali: sia quando il co... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...erghiero sia stato edificato alla stregua di previsioni urbanistico-edilizio derogatorie non estensibili ad immobili residenziali; sia allorquando la destinazione d'uso residenziale comporti la necessità di incrementare gli standards richiesti per l'edificazione alberghiera e tali standards aggiuntivi non risultino reperibili ovvero reperiti in concreto.

Nella lottizzazione abusiva mediante modifica della destinazione d'uso da alberghiera a residenziale non si rilevano seri profili di compromissione del principio di tassatività delle previsioni penali.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> AREE AGRICOLE

La lottizzazione abusiva cartolare può essere esclusa, ai sensi dell'art. 30, comma 10, del d.P.R. n. 380 del 2001, solamente per i casi concernenti le divisioni ereditarie, le donazioni fra coniugi e fra parenti in linea retta ed i testamenti, nonché agli atti costitutivi, modificativi od estintivi di diritti reali di garanzia e di servitù, mentre, al di fuori delle predette ipotesi, tutti gli altri frazionamenti di terreni agricoli integrano comunque una lottizzazione abusiva e non possono essere invocati come c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...lusione dell'abuso lottizzatorio, sussistendo sempre una fattispecie di lottizzazione abusiva laddove manchi la specifica autorizzazione a lottizzare, inizialmente prevista dall'art. 28, legge urbanistica 17 agosto 1942 n. 1150 e poi confermata da tutta la legislazione statale e regionale in tema di pianificazione attuativa.

Con riferimento agli impianti fotovoltaici realizzati in assenza della prescritta autorizzazione, è ipotizzabile la lottizzazione abusiva quando, per le dimensioni dell'impianto, in relazione alla superficie residua del territorio, non risulti salvaguardata la sua utilizzazione agricola e si determini, quindi, lo stravolgimento dell'assetto ad esso attribuito dagli strumenti urbanistici.

La destinazione di un suolo agricolo ad insediamento residenziale mediante la sua divisione in tante parti su cui vengono realizzati manufatti destinati ad un uso non compatibile con la specifica destinazione di zona integra una fattispecie di lottizzazione abusiva.

La lottizzazione abusiva cartolare può essere esclusa solamente per i casi concernenti le divisioni ereditarie, le donazioni fra coniugi e fra parenti in linea retta ed i testamenti, nonché agli atti costitutivi, modificativi od estintivi di diritt... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...garanzia e di servitù, mentre, al di fuori delle predette ipotesi, tutti gli altri frazionamenti di terreni agricoli integrano comunque una lottizzazione abusiva e non possono essere invocati come causa di esclusione dell'abuso sussistendo sempre una fattispecie di lottizzazione abusiva laddove manchi la specifica autorizzazione a lottizzare.

Sussistono univoci indici rivelatori della lottizzazione abusiva se alla suddivisione dell'area in lotti di dimensione poco compatibile con una destinazione agricola dei terreni stessi, è seguita la stipula di atti di trasferimento della loro proprietà a terzi e, successivamente, su numerosi lotti anche la costruzione in breve tempo di opere abusive.

Il dato oggettivo del frazionamento di un unico fondo, già destinato ad uso agricolo, in larga misura proveniente da un unico proprietario in lotti non idonei ad un uso conforme allo strumento urbanistico, inseriti nello stesso foglio e partita catastale, e trasferiti a soggetti che non presentano le qualità soggettive appropriate a tale utilizzazione agricola configurano una lottizzazione abusiva negoziale. Non si tratta solo di elementi meramente indizianti, ma di un insieme di atti che configurano tutti i passaggi già in... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ri e sufficienti a realizzare in concreto lo scopo lottizzatorio su un fondo urbanisticamente inidoneo.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> AREE NON EDIFICABILI

La sola suddivisione in più lotti di un terreno urbanisticamente non sfruttabile a scopi edilizi, in ragione della sua specifica destinazione di zona e dell'entità inferiore alla misura minima utile a tale scopo, non può in ogni caso costituire presupposto per ritenere sussistente una lottizzazione cartolare.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> AREE PARZIALMENTE EDIFICATE

Ogni qualvolta l'incompletezza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria non permetta di qualificare una zona come quartiere stabilizzato e completo, l'edificazione di un complesso residenziale, per il quale il piano regolatore imponga l'approvazione di un piano di lottizzazione, senza averne chiesto l'approvazione, configura la condotta del reato di lottizzazione abusiva, essendo superflua ogni indagine diretta ad accertare la effettiva consistenza delle opere comunque presenti nella ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...
In materia edilizia, mentre il reato di lottizzazione abusiva deve escludersi con riferimento a zone completamente urbanizzate, lo stesso è configurabile sia con riferimento a zone assolutamente inedificate, sia con riferimento a zone parzialmente urbanizzate in cui sussista un'esigenza di raccordo con il preesistente aggregato abitativo e di potenziamento delle opere d'urbanizzazione.

L'affermazione per cui una lottizzazione abusiva sarebbe immediatamente adiacente ad una zona che "di fatto" avrebbe già avuto la qualificazione artigianale-industriale (nella specie, per l'apposizione dei cartelli di "Zona industriale") è del tutto inconferente sul piano giuridico.

Il reato di lottizzazione abusiva s'integra non soltanto in zone assolutamente inedificate, ma anche in quelle parzialmente urbanizzate nelle quali si evidenzia l'esigenza di raccordo con l'aggregato abitativo preesistente o di potenziamento delle opere di urbanizzazione pregresse, cosi che per escluderlo deve essersi verificata una situazione di pressoché completa e razionale edificazione della zona, tale da rendere del tutto superfluo un piano attuativo.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> L... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...E ABUSIVA --> CASISTICA --> CONFORMITÀ URBANISTICA

Il reato di lottizzazione abusiva sussiste anche quando l'intervento sul territorio non potrebbe in nessun caso essere realizzato poiché, per le sue connotazioni oggettive, si pone in contrasto con previsioni di zonizzazione e/o di localizzazione dello strumento generale di pianificazione che non possono essere modificate da piani urbanistici attuativi.

Non può configurarsi un intervento di lottizzazione abusiva laddove risulti rispettata la destinazione urbanistica impressa all'area dallo strumento urbanistico generale.

L'intervento agricolo autorizzato in zona agricola, senza intenti edificatori di carattere residenziale o produttivo, non può dare luogo ad una lottizzazione abusiva.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> DECORSO DEL TEMPO

Il tempo trascorso tra l'epoca del frazionamento e vendita delle aree agricole e quello della contestazione della lottizzazione abusiva (nella specie, circa sei anni), in assenza di alcuna evidenza materiale in contrasto con la destinazione agricola dei lotti, consente di per sé di escludere ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...edificatorio" che, superando la soglia della mera e ragionevole aspettativa edificatoria connessa all'evoluzione del quadro urbanistico, integri una lottizzazione abusiva.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> DIVISIONI EREDITARIE

La lottizzazione abusiva cartolare può configurarsi anche nel caso di cui all'art. 30 comma 10° del d.P.R. n. 380/2001, dove si prevede che le disposizioni in tema di lottizzazione abusiva non si applicano, tra l'altro, alle divisioni ereditarie: detto precetto non deve essere inteso nel senso di escludere assolutamente, sempre e comunque, la configurabilità di una lottizzazione cartolare pur in presenza di un atto di divisione ereditaria.

In tema di lottizzazione abusiva, la pretesa esclusiva finalità di divisione ereditaria dell'area risulta manifestamente smentita anche solo dal fatto che il numero degli eredi è inferiore al numero dei lotti: sul piano sintomatico, tale fatto - unitamente ad altre circostanze - è un inequivocabile indice di un intento lottizzatorio in favore degli stessi beneficiari del frazionamento.

Non rientra tra i frazionamenti dovuti a divisi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rie, che escluderebbero la lottizzazione abusiva, l'ipotesi della vendita, effettuata in un arco temporale assai prossimo, di lotti individuati a seguito di divisione ereditaria e palesemente destinati a scopo edificatorio, nel qual caso non può essere esclusa l'applicazione delle sanzioni previste per la lottizzazione abusiva.

In tema di divisioni ereditarie non può essere esclusa in modo assoluto la configurabilità di una lottizzazione cartolare in quanto l'intento lottizzatorio, che non può desumersi dal semplice frazionamento, può essere tuttavia ricavato da un quid pluris che evidenzi la volontà di lottizzare.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> ELUSIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE

Il reato di lottizzazione abusiva può essere integrato anche quando vengano realizzate opere per le quali sia stato rilasciato un provvedimento di autorizzazione, ove dette opere comportino una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio in violazione delle prescrizioni espresse dagli strumenti urbanistici e dalla legge, restando a tal proposito indifferente se la violazione dipenda dalla carenza del neces... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... di lottizzazione o se piuttosto l'intervento risulti precluso in radice per le sue connotazioni obiettive, tali da porlo in contrasto con lo strumento generale di pianificazione.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> ESIGUITÀ DEL LOTTO

L'elemento consistente della dimensione dei lotti derivanti dal frazionamento di un'area non può essere di per sé solo considerato sufficiente a dimostrare l'intento edificatorio tipico dell'illecito di lottizzazione abusiva; invero, l'assenza di una dimensione che consenta una coltivazione agricola di un certo rilievo, come quella ad esempio necessaria per un'azienda agricola o a un agricoltore professionale, non comporta difatti che il terreno non venga utilizzato per scopi comunque latu senso agricoli, come ad esempio una piccola coltivazione per utilizzo familiare quale un semplice orto, o, comunque, per uno scopo non incompatibile con la destinazione agricola ma diverso dall'edificazione.

Anche il mero frazionamento di un unico fondo già destinato ad uso agricolo, individuato in precedenza da un unico mappale, in lotti di dimensioni tali da non consentire il permanere di un'effettiv... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...one agricola configura una fattispecie di lottizzazione abusiva negoziale.

L'eseguità della dimensione dei lotti derivanti dal frazionamento rispetto alla destinazione ad uso agricolo è indice rivelatore della volontà di destinare gli stessi a scopo edificatorio, e dunque della presenza di una fattispecie di lottizzazione abusiva.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> ISTANZE DI VARIANTE

La presentazione, da parte dei proprietari di osservazioni nell'ambito del procedimento di revisione della strumento urbanistico generale tese a perorare l'opportunità di una zonizzazione a contenuto edificatorio costituisce una legittima partecipazione procedimentale e dimostra un atteggiamento di consapevole accettazione dell'attuale carattere agricolo dei suoli, temperato da una legittima aspettativa ad un inquadramento urbanistico di maggior favore.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> MUTAMENTO DI DESTINAZIONE D'USO

La verifica dell'attività edilizia realizzata nel suo complesso può condurre a riscon... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...legittimo mutamento della destinazione all'uso del territorio autoritativamente impressa anche nei casi in cui le variazioni apportate incidano esclusivamente sulla destinazione d'uso dei manufatti realizzati. Ciò perché è proprio la formulazione dell'art. 30 del D.P.R. n. 380/01 che impone di affermare che integra un'ipotesi di lottizzazione abusiva qualsiasi tipo di opere in concreto idonee a stravolgere l'assetto del territorio preesistente, a realizzare un nuovo insediamento abitativo e, quindi, in ultima analisi, a determinare sia un concreto ostacolo alla futura attività di programmazione (che viene posta di fronte al fatto compiuto), sia un carico urbanistico che necessita adeguamento degli standards.

Il cambio di destinazione d'uso di edifici preesistenti e legittimamente realizzati è suscettibile di integrare la fattispecie di lottizzazione abusiva quando contrasti con la disciplina urbanistica di zona - vuoi perché la nuova destinazione non rientra tra quelle contemplate dallo strumento urbanistico vigente per la zona in questione, vuoi perché, pur rientrando tra quelle astrattamente ammissibili, il cambio di destinazione d'uso sia avvenuto in dispregio dei parametri di zona, intesi ad assicurare l'"assorb... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... nuovo carico urbanistico da esso indotto mediante la previsione di adeguati standards ed interventi di urbanizzazione - producendo effetti squilibranti sull'assetto urbanistico esistente, in termini di alterazione del corretto rapporto tra insediamenti e standards urbanistici, tale da imporre l'intervento riparatore a posteriori della Pubblica Amministrazione.

La modifica della destinazione d'uso di edifici già esistenti può integrare una fattispecie di lottizzazione abusiva in quanto incide sull'assetto urbanistico dei terreni sui quali essi insistono e può altresì comportare la necessità di nuovi interventi di urbanizzazione.

E' ravvisabile una fattispecie di lottizzazione abusiva nella stipula di contratti preliminari di compravendita, aventi ad oggetto unità abitative destinate a residenza privata e facenti parte di un complesso originariamente autorizzato per lo svolgimento di attività alberghiere.

Vi è illegittimo mutamento della destinazione all'uso del territorio autoritativamente impressa, con conseguente lottizzazione abusiva, anche nei casi in cui le variazioni apportate incidano esclusivamente sulla destinazione d'uso dei manufatti realizzati.

L'art. 3... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ..., della legge 289/2002 è norma dettata esclusivamente a fini fiscali per la tutela del contribuente degli enti locali, ma nulla ha a che vedere con la repressione degli abusi edilizi.

L'art. 31, co. 20, legge 289/2002 è dettata esclusivamente a fini fiscali per la tutela del contribuente degli enti locali, ma nulla ha a che vedere con la repressione degli abusi edilizi.

Lo stravolgimento del permesso di costruire mediante la realizzazione di edifici che per le loro caratteristiche non siano più riferibili a quelli approvati costituisce fatto idoneo ad integrare la fattispecie della lottizzazione senza la prescritta autorizzazione.

Il mutamento di destinazione d'uso di un complesso immobiliare la cui originaria destinazione assentita dalla P.A era quella di manufatti in zona artigianale con destinazione laboratorio-alloggio del custode può costituire lottizzazione abusiva.

Anche il mutamento della destinazione d'uso di immobili assentiti, ancorché realizzato per mezzo di mere opere interne, può rendere la destinazione urbanistica delle zona non più corrispondente a quella prevista dallo strumento generale e dar luogo ad una lottizzazione abusiva.

Il mero mut... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...a destinazione d'uso di immobili oggetto di titolo edilizio può ben configurare un'ipotesi di lottizzazione abusiva.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> PIP

Ai fini dell'integrazione del reato di lottizzazione abusiva, deve ritenersi illegittimo un permesso di costruire avente ad oggetto l'esecuzione di opere diverse da quelle previste su un'area ricompresa in un piano di insediamento produttivo (PIP), se rilasciato in assenza di previa modifica del piano medesimo adottata dal competente consiglio comunale ed approvata dalla Regione, la quale deve necessariamente essere coinvolta ove il PIP contrasti con il vigente PRG.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> PLURALITÀ DI SANATORIE

In tema di lottizzazione abusiva, il rilascio di una pluralità di concessioni edilizie nella zona interessata dai nuovi insediamenti non rende lecita un'attività che tale non è, ed il cui accertamento è istituzionalmente riservato all'autorità giudiziaria.

L'esistenza di una pluralità di atti di sa... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tituisce un indice del disordinato sviluppo urbanistico e dell'oggettivo cambiamento impresso alla destinazione di zona nel corso degli anni e quindi elemento sintomatico della sussistenza di una lottizzazione abusiva.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> ROULOTTES

L'apposizione di baracche di legno e/o roulottes, non accompagnato dal formale e legittimo esercizio di attività agricola, integra la lottizzazione abusiva di carattere materiale.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> STRADE

Anche la sola realizzazione di una strada, comportando un mutamento del precedente assetto del territorio, costituisce opera di trasformazione urbanistica del territorio, tanto più qualora essa mal si concili con la destinazione dei terreni e sia finalizzata a fornire un accesso a singoli lotti costituenti lottizzazione abusiva.

La realizzazione di una strada costituisce indubbiamente opera di trasformazione urbanistica (comportando un mutamento del precedente assetto del territorio) soggetta ad autorizzazione comunale, tanto pi&ugrav... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...asi di strada che costituisce accesso a singoli lotti, ed è quindi idonea a configurare una lottizzazione abusiva materiale, ai sensi della prima parte del comma 1 dell'art. 18 della legge n. 47 del 1985.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> TITOLO EDILIZIO, IRRILEVANZA

Nell'ipotesi di lottizzazione abusiva c.d."materiale", la fattispecie integra qualcosa di diverso, seppur collegato, rispetto alle singole opere realizzate, costituendo un quid pluris (anche, ovviamente, in termini di maggiore gravità). Alcun rilievo sanante sull'abuso in questione può quindi rivestire il rilascio di una eventuale concessione edilizia, sia ex ante, in presenza di concessioni edilizie già rilasciate, sia successivamente, in presenza di concessioni rilasciate in via di sanatoria. Ciò in quanto, ove manchi la specifica autorizzazione a lottizzare, la lottizzazione abusiva sussiste e deve essere sanzionata anche se, per le singole opere facenti parte di tale lottizzazione, sia stata rilasciata una concessione edilizia.

Il reato di lottizzazione abusiva è configurabile anche in presenza del provvedimento d'assenso del... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...l caso in cui quest'ultimo contrasti con gli strumenti urbanistici vigenti, e il relativo accertamento giudiziale prescinde da qualunque giudizio sul titolo edilizio senza necessità di operare alcuna disapplicazione di tale provvedimento amministrativo, a' sensi dell'art. 5 della L. 20 marzo 1865, n. 2248 all. E.

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> LOTTIZZAZIONE ABUSIVA --> CASISTICA --> VIOLAZIONE DEL TITOLO ABILITATIVO

Integra il reato di lottizzazione abusiva la condotta di chi, pur in presenza di provvedimento amministrativo che le autorizzi, inizi opere che comportino la trasformazione urbanistica od edilizia del territorio (ovvero la predisponga con atti giuridici) in violazione delle prescrizioni stabilite dagli strumenti urbanistici o dalle leggi, atteso che detta fattispecie criminosa è delineata dalla legge come a consumazione alternativa, potendosi realizzare sia per la mancanza dell'autorizzazione sia per contrasto con le prescrizioni di legge o di piano dell'attività materiale o giuridica realizzata, restando irrilevante l'avvenuto rilascio di un provvedimento autorizzativo.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI