Carrello
Carrello vuoto



Il diritto di accesso agli atti quale principio generale di trasparenza amministrativa


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ACCESSO AGLI ATTI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 289 in formato A4, equivalenti a 491 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> IN GENERALE

Al fine di esimersi dal consentire un ordinario accesso agli atti, la P. a. non può trincerarsi dietro lo scudo di una marcata procedimentalizzazione di obblighi comunicativi, che la legge le impone proprio quando si tratta di avviare e portare a termine procedure espropriative finalizzate alla realizzazione di opere di utilità pubblica. Una eccezione di tale natura equivale ad una visione minimalista dell'accesso e ad un depotenziamento di un diritto fondamentale per garantire livelli essenziali delle prestazioni di cui all' articolo 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione.

Il principio della trasparenza amministrativa accolto dal nostro ordinamento, almeno nella cornice normativa delineata dalla L. 241/1990, non è affatto assoluto e incondizionato, ma subisce alcuni temperamenti, basati, fra l'altro, sulla limitazione dei soggetti attivi del diritto di accesso, questione quest'ultima che involge i profili della legittimazione sostanziale ed dell'interesse ad agire.

Il diritto di accesso può essere esercitato anche indipendentemente dall'esistenza di una lesione della posizione giuridica del richiedente, essen... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ufficiente un interesse personale e concreto, serio e non emulativo, a conoscere gli atti già posti in essere e a partecipare alla formazione di quelli successivi.

Illegittimo il diniego di accesso della documentazione relativa alle modalità di costruzione di un autodromo atteso che non vengono in rilievo interessi industriali e commerciali in grado di prevalere sul diritto di accesso.

Ai sensi dell'art. 22 comma 2, l. 7 agosto 1990 n. 241 l'accesso ai documenti amministrativi, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce principio generale dell'attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza, con conseguente obbligo per l'Amministrazione di garantire ai richiedenti l'accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici.

L'interesse all'accesso ai documenti deve essere considerato in astratto, senza che possa essere operato, con riferimento al caso specifico, alcun apprezzamento in ordine alla fondatezza o ammissibilità della domanda giudiziale, che gli interessati potrebbero eventualmente proporre sulla ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...cumenti acquisiti mediante l'accesso, o sulla ammissibilità e la rilevanza dei documenti richiesti rispetto ad un giudizio pendente.

La normativa sull'accesso ai documenti amministrativi riguarda tutti gli atti riferibili all'amministrazione, non rilevando la loro disciplina sostanziale pubblicistica o privatistica e neppure se, nel caso di controversia, vi sia la giurisdizione del giudice ordinario o di quello amministrativo, non potendo anche in tale evenienza il giudice amministrativo omettere di pronunciarsi sulla domanda di accesso.

Ove fosse consentito a qualunque operatore economico che annovera determinate attività nel proprio oggetto sociale, di accedere a qualunque documento posto in essere dalle amministrazioni competenti a controllarle o a regolamentarle, l'ambito della legittimazione all'accesso verrebbe eccessivamente allargato fino al punto di sfumare in un controllo generalizzato sull'attività amministrativa in violazione del disposto di cui all'art. 24, comma 3, l. 241/1990.

La previsione secondo cui tutti gli atti dell'amministrazione comunale e provinciale sono pubblici, ad eccezione di quelli riservati per espressa disposizione di legge o per effetto di una temporanea e motivat... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ione del sindaco o del presidente della provincia che ne vieti l'esibizione, sancisce il principio della pubblicità degli atti delle amministrazioni locali, senza tuttavia che ciò possa implicare una diversa configurazione del diritto di accesso e senza neppure disciplinare modalità differenziate di esercizio di tale diritto.

La domanda di accesso: a) deve avere un oggetto determinato o, quanto meno, determinabile, e non può essere generica; b) deve riferirsi a specifici documenti, senza che possa implicare alcuna attività di elaborazione di dati; c) deve essere finalizzata alla tutela di uno specifico interesse, di cui il richiedente deve essere portatore; d) non può essere uno strumento di controllo generalizzato dell'operato della P.A.; e) non può assumere il carattere di una indagine o di un controllo ispettivo, cui sono ordinariamente preposti organi pubblici.

Se le esigenze di difesa possono in astratto portare ad attribuire prevalenza, nella logica del bilanciamento dei contrapposti interessi - desumibile sia dalla normazione primaria che da quella secondaria - alle ragioni ostensive su quelle afferenti la riservatezza, tuttavia il nesso tra esigenza di accesso ai documenti ed ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...agrave; del diritto di difesa deve emergere in modo chiaro dagli atti di causa, come avviene nel caso in cui, nell'ambito di una procedura sanzionatoria, l'autorità amministrativa pone a base della pretesa sanzionatoria fatti o informazioni desunte da specifici documenti.

Fuori dalle ipotesi di connessione evidente tra diritto all'accesso ad una certa documentazione ed esercizio proficuo del diritto di difesa, incombe sul richiedente l'accesso dimostrare - in base al contenuto proprio degli atti della procedura in relazione alla quale deve svolgersi l'esercizio della difesa – la specifica connessione con gli atti di cui ipotizza la rilevanza a fini difensivi e ciò anche ricorrendo all'allegazione di elementi induttivi, ma testualmente espressi, univocamente connessi alla "conoscenza" necessaria alla linea difensiva e logicamente intelleggibili in termini di consequenzialità rispetto alle deduzioni difensive potenzialmente esplicabili.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> PRINCIPIO GENERALE

La disciplina di cui agli artt. 22 e segg. L. 241/1990, come novellata da ultimo dalla legge 18 giugno 2009, n.69, attribuisce al diritto di accesso valore di principio generale dell'... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ave; amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza, anche al di là della rilevanza ed evidenziazione di uno specifico interesse personale, diretto e attuale dei singoli soggetti e con i soli limiti della genericità, del fine emulativo ovvero della compresenza di interessi di rango prevalente, puntualmente individuati dalla norma primaria e, comunque, da bilanciare, secondo i casi, con il diritto di accesso.

L'accesso ai documenti amministrativi, considerate le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce principio generale dell'attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza (cfr art. 22,comma 2, legge n. 241 del 1990, come sostituito dalla lett. a) del comma 1 dell'art. 10, L. 18 giugno 2009, n. 69).

Il diritto di accesso ai documenti amministrativi, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce, a termini dell'art. 22, comma 2 L.241/90, principio generale dell'attività amministrativa, al fine di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza e di favorire la partecipazione, ed attinente ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettera m) della Costituzione.

Se da un lato il diritto d'accesso vale a tutelare interessi individuali di ampiezza tale da incontrare solo il limite della giuridicità, esso, al contempo, è collegato a una riforma di fondo dell'amministrazione, ispirata ai principi, di democrazia partecipativa, della pubblicità e trasparenza dell'azione amministrativa, la quale costituisce " principio generale " ( art. 22, comma 2 ) e che si inserisce a livello comunitario nel più generale diritto all'informazione dei cittadini.

Il diritto di accesso assurge a principio generale dell'attività amministrativa, in relazione alle perseguite e rilevanti finalità di interesse pubblico concretatesi in particolare nell'esigenza di garantire la partecipazione del cittadino alla suddetta attività e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza.

Le disposizioni della Legge n.241/1990, come modificate dalla Legge n.15/2005, affermano che l'accesso ai documenti amministrativi costituisce principio generale... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ità amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l'imparzialità e la trasparenza, attenendo ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI