Carrello
Carrello vuoto



Particolari categorie di atti amministrativi soggetti o meno al diritto di accesso


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ACCESSO AGLI ATTI nel governo del territorio
anno:2018
pagine: 289 in formato A4, equivalenti a 491 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ART. 43 DPR 327/2001

Gli atti della procedura espropriativa e del procedimento di acquisizione della proprietà ex art. 43 del D.P.R. n. 327/2001 non rientrano tra quelli per i quali è escluso, in via generale, l'accesso, ai sensi dell'art. 24 della L. 241/90; ne consegue che è illegittimo il silenzio-rifiuto della P.A ad istanza di accesso agli atti di tali procedimenti.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ATTI DI INDAGINE

Ai fini della valutazione dell'ammissibilità o meno dell'istanza ostensiva, debbono distinguersi tre ipotesi: a) quella in cui gli atti siano stati delegati dall'Autorità giudiziaria, nel qual caso l'ostensione non sarà possibile; b) quella in cui gli atti coincidano con le notitiae criminis poste in essere dagli organi comunali nell'esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria ad essi attribuite specificamente dall'ordinamento, nel qual caso, parimenti, l'ostensione non è possibile; c) quella in cui, infine, ci si trovi dinanzi ad atti di indagine e di accertamento, se del caso tradottisi in denunce all'Autorità giudiziaria, non compiuti dagli organi comunali nell'esercizio di funzioni di P.G., bensì n... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...io delle proprie istituzionali funzioni amministrative, nel qual caso non sussistono impedimenti ad ammettere l'accesso su tali atti.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ATTI DI PIANIFICAZIONE

La legge 241/1990 esclude dall'ambito di applicazione della normativa sul diritto d'accesso anche quelle attività dell'amministrazione rivolte all'adozione ed all'approvazione degli strumenti di pianificazione urbanistica: ciò non perché questi procedimenti siano sottratti alla trasparenza e alla conoscenza dei cittadini e non sia possibile nei loro confronti alcun tipo di accesso, bensì perché trovano applicazione le norme speciali dettate dalla legge 1150/1942.

Gli atti dei procedimenti amministrativi generali volti all'approvazione degli strumenti di piano sono accessibili agli interessati nelle particolari forme del deposito al pubblico del progetto di piano con i relativi elaborati, della pubblicazione dell'avvenuto deposito, della visione dello stesso da parte di ogni soggetto interessato (art. 9 legge 1150/1942), anche se deve escludersi il diritto di effettuare copia dei documenti che compongono il piano in corso di approvazione.

La ragione per cui gli interessati possono prendere v... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rt. 9 legge 1150/1942 ma non estrarre copia dei documenti che compongono il piano urbanistico in corso di approvazione sta nel fatto che detto procedimento riguarda destinatari non determinati e astrattamente illimitati: ciò significa infatti che, se si ammettesse la facoltà di estrarre copia, si rischierebbe di vanificare il principio costituzionale di buon andamento dell'azione amministrativa.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ATTI DI PRIVATI

L'accesso deve essere consentito anche con riferimento agli atti dei soggetti privati, quando vengono acquisiti in un procedimento amministrativo.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ATTI INOPPUGNABILI

L'autonomia del diritto di accesso, inteso come interesse ad un bene della vita, distinto e separato rispetto alla situazione legittimante all'impugnativa dell'atto, comporta che esso va consentito anche in presenza di una situazione divenuta inoppugnabile; ciò significa che il rimedio speciale, previsto a tutela del diritto di accesso, deve essere accordato, anche se l'interessato non può più agire in sede giurisdizionale, per cui il giudice, chiamato a decidere su tale domanda, deve verificare soltanto i presupposti legittimanti la... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...di accesso e non anche la possibilità di utilizzare gli atti richiesti in un giudizio.

La tutela apprestata al diritto di accesso è esperibile in relazione anche ad atti divenuti ormai inoppugnabili a causa della decorrenza del termine utile per l'impugnazione, ben potendo l'interessato, una volta conosciuti tali atti, valutare l'opportunità di percorrere altre strade a tutela delle proprie situazioni giuridiche eventualmente vulnerate.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> ATTI PROGETTUALI

L'interesse del proprietario dei terreni interessati dalla realizzazione dell'opera comprende il diritto ad accedere a tutti gli elaborati progettuali tra i quali verranno scelti i documenti da rilasciare in copia fotostatica, previo pagamento del costo di riproduzione prestabilito.

PROCEDURA --> ACCESSO AGLI ATTI --> CDU

Il certificato di destinazione urbanistica rientra nella categoria degli atti di certificazione, redatti da pubblico ufficiale, aventi carattere dichiarativo o certificativo del contenuto di atti pubblici preesistenti e non può essere sussunto nella categoria del "documento amministrativo", così come definito dall'art. 22 lett."d" della... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...1990 e s.m.i., in materia di accesso agli atti. Ne consegue che il rilascio dei certificati di destinazione urbanistica non può avvenire nelle forme del diritto di accesso, ma secondo le specifiche fonti normative, legislative e regolamentari, che precipuamente riguardano tali tipi di atti amministrativi.

In relazione alla sua qualificazione giuridica, il certificato di destinazione urbanistica non può essere sussunto nella categoria del "documento amministrativo", così come definito dall'art. 22 lett. "d" della l. n. 241/1990 e s.m.i., in materia di accesso agli atti, costituendo l'esercizio di una funzione dichiarativa o certificativa sulla base degli atti di strumentazione urbanistica. Ne consegue che, il rilascio dei certificati di destinazione urbanistica non può avvenire nelle forme del diritto di accesso, ma secondo le specifiche fonti normative, legislative e regolamentari, che precipuamente riguardano tali tipi di atti amministrativi.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI