ESPROPRIonline 1/2010

Le nostre pubblicazioni sono realizzate nel pratico  formato PDF e sono scaricabili immediatamente dopo l'acquisto online. Non vendiamo libri cartacei.

L'espropriazione per pubblica utilità

Conti, Roberto

01 marzo 2010

pdf  / 235 pagine in formato A4

Un’inaspettata rivincita della cassazione sull’occupazione illegittima ? | Il Consiglio di Stato di nuovo sull’obbligo specifico di motivazione dei provvedimenti di reiterazione dei vincoli scaduti | Il risarcimento del danno da occupazione senza titolo di un bene privato dopo il dpr 327/2001 | La responsabilità erariale del dirigente dell'ufficio espropriazioni | Articolo 43 e irreversibile trasformazione del bene | VAM e soprassuoli | strade private a uso pubblico | eccetera

25,00

  • editore: Exeo
  • collana: osservatorio di giurisprudenza
  • numero in collana: 15
  • issn: 1971-999 X
  • sigla: EOL15
  • categoria: ESPROPRIonline
  • tipologia: giuridica
  • genere: periodico
  • altezza: cm 24
  • larghezza: cm 17
  • dimensione: A4
  • funzioni permesse: Stampa: SI - Modifica: SI - Copia/Incolla: SI
  • protezione: digital watermarking
  • disponibità: illimitata
  • destinatari: professionale accademico
  • soggetto: diritto

 parte 1 dottrina    


ROBERTO CONTI

UN’INASPETTATA RIVINCITA DELLA CASSAZIONE SULL’OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA ?
    
1. Premesse. Corte dir.uomo 8 dicembre 2005 (ric.n. 58858/00)    
2. CEDU 21 ottobre 2008 e la quantificazione dell’equo soddisfacimento    
3. La sentenza della Grande Camera del 22 dicembre 2009    
4. Alcune brevi considerazioni
5. I temi ancora aperti innanzi al giudice nazionale    
6. I confini della sentenza Guiso–Gallisay del 22 dicembre 2009    
7. Le ragioni (forti) di un dialogo fra Corti nazionali e sovranazionali    


MAURIZIO BORGO   MARCO MORELLI

IL CONSIGLIO DI STATO DI NUOVO SULL’OBBLIGO SPECIFICO DI MOTIVAZIONE DEI PROVVEDIMENTI DI REITERAZIONE DEI VINCOLI SCADUTI    


BENEDETTO MANGANELLI    

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA OCCUPAZIONE SENZA TITOLO DI UN BENE PRIVATO DOPO IL DPR 327/2001    

Premessa    
Il precedente quadro normativo    
I termini per l’adozione del provvedimento di acquisizione ex art. 43 dpr 327/01 e gli effetti del nuovo ordinamento    
Dall’emanazione dell’atto al pagamento del risarcimento    
La stima del risarcimento    
Conclusioni    
Bibliografia    


parte 2 giurisprudenza    


IL DIRIGENTE UFFICIO ESPROPRI E' RESPONSABILE DELLA MANCATA CONCLUSIONE DELLA PROCEDURA

IL NUOVO CRITERIO DI CALCOLO DELL'INDENNITA' DI ESPROPRIO INCIDE ANCHE SUL CALCOLO DELL'INDENNITA' DI OCCUPAZIONE

LA QUOTA ECCEDENTE L'INDENNITA' E' DANNO ERARIALE

OMESSA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: IL RITARDO, RISPETTO ALLA FINE LAVORI, NELLA REDAZIONE DEI FRAZIONAMENTI, E' INDICE DI NEGLIGENZA

DELL’OCCUPAZIONE USURPATIVA RISPONDE IL DIRETTORE DEI LAVORI

L’ART. 43 TU NON RICHIEDE L’IRREVERSIBILE TRASFORMAZIONE DEL BENE

GLI ESBORSI ECCEDENTI IL VALORE DEL BENE COSTITUISCONO DANNO ERARIALE

OCCUPAZIONE SINE TITULO: ART. 43 TU UNICA ALTERNATIVA ALL'USUCAPIONE

IN CASO DI EVASIONE DELL'ICI, L’INDENNITA’ DI ESPROPRIAZIONE E' EROGABILE AD AVVENUTA REGOLARIZZAZIONE FISCALE

RISARCIMENTO DEL DANNO AREE AGRICOLE: VAM

LA MANCATA ALLEGAZIONE DEL FRAZIONAMENTO NON VIZIA IL DECRETO DI ESPROPRIO

I PROPRIETARI DEI BENI DA OCCUPARE EX ART. 49 TU NON DEVONO ESSERE NOTIZIATI EX ARTT. 16 E 17 TU

ASSEGNAZIONE AREE PEEP: IL PRINCIPIO DEL PAREGGIO PREVALE SULLE PATTUIZIONI CON ESSO IN CONTRASTO

IL VAM COMPRENDE IL SOPRASSUOLO

LA SCADENZA DELL'OCCUPAZIONE NON IMPEDISCE, IN VIGENZA DELLA PU, L'EMANAZIONE DEL DECRETO DI ESPROPRIO

L'APERTURA AL PUBBLICO TRANSITO IMPRIME ALLA STRADA LA  DESTINAZIONE AD USO PUBBLICO

DELLE CONTROVERSIE RELATIVE AD INDENNITA' PER SUPRASSUOLI CONOSCE IL GO

COMUNICAZIONE IMPERSONALE: SE I DESTINATARI SONO PIU’ DI 50 NON VA MOTIVATA

IRRAGIONEVOLE LA DURATA DEL PROCESSO PER DANNI DA  OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA PROTRATTO PER OLTRE DODICI ANNI

INDENNITA’ DI ESPROPRIO: PER LA CEDU DEVE ESSERE PARI AL VALORE DI MERCATO DEL BENE

ESPROPRIABILI I DIRITTI DI GODIMENTO

LA SUSSIDIARIETA' DELLA TUTELA RISARCITORIA RISPETTO ALLA RESTITUTORIA, E' CONFERMATA DALL'ART. 43 TU

DICHIARAZIONE DI PU IN ASSENZA DI VINCOLI: L'ART. 12.3 TU NE SANA L'INVALIDITA'

RISARCIMENTO DEL DANNO: DEBITO DI VALORE – INDENNITA' DI ESPROPRIO: DEBITO DI VALUTA

L'ART. 43 TU E' RETROATTIVO

ART. 20.9 TU: LA CESSIONE VOLONTARIA PRESUPPONE L'ACCETTAZIONE DELL'INDENNITA' ED IL DEPOSITO DELLA DOCUMENTAZIONE IVI PREVISTA

GIUSTO PROCEDIMENTO: SE IL PROPRIETARIO E' DECEDUTO LA COMUNICAZIONE NON E' VALIDA SE EFFETTUATA A PARENTE NON EREDE

SOLO SE LA VARIANTE E’ PARTICOLARE, IL TERMINE PER IMPUGNARE DECORRE DALLA SUA NOTIFICA

TRA OPERA PREVISTA IN PROGETTO E VINCOLO ESPROPRIATIVO OPERA IL PRINCIPIO DI SIMMETRIA

IL MINOR SACRIFICIO DELL'INTERESSE DEL PRIVATO DEVE ORIENTARE LA SCELTA TRA LE DIVERSE SOLUZIONI  PROGETTUALI

VIABILITA’: VINCOLO ESPROPRIATIVO

ART. 43 TU: LA VALUTAZIONE VA EFFETTUATA CON RIFERIMENTO AL MOMENTO DELL’ACQUISIZIONE

DALLA SCELTA DI RESTITUIRE  O ACQUISIRE IL BENE EX ART. 43 TU DIPENDE IL QUANTUM DEL RISARCIMENTO

RAGIONI ATTINENTI ALLA SICUREZZA LEGITTIMANO IL RICORSO ALL’ART. 22 TU

OCCUPAZIONE: NON NECESSARIO IL GIUSTO PROCEDIMENTO

GRANDE CHAMBRE: NELLA QUANTIFICAZIONE DEL DANNO NON VA CONSIDERATO IL COSTO DI COSTRUZIONE DELLE OPERE REALIZZATE

ART. 22 BIS TU: SE I PROPRIETARI SONO PIU' DI 50 L'URGENZA NON VA MOTIVATA

PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO EX ART. 43 TU: LA COMPENTENZA E' DEL CONSIGLIO COMUNALE

INDENNITA’ AGGIUNTIVA EX ART. 17 L. N. 865/71: NON DOVUTA ALL'IMPRENDITORE AGRICOLO

DECRETO DI ESPROPRIO: NON SI APPLICA L'ART. 21 BIS L. 241/1990

ART. 22 BIS TU: SUSSISTENDO VINCOLO E DICHIARAZIONE DI PU, SI PUO' OCCUPARE

ART. 43 TU: IL DANNO VA DETERMINATO ALLA DATA DI ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO

ART. 43 TU: IL VALORE DELLE OPERE REALIZZATE NON E' RISARCIBILE

DANNO DA OCCUPAZIONE ACQUISITIVA: VALORE VENALE DEL BENE

ART. 43 TU: COMPETENZA AL CONSIGLIO COMUNALE

INEDIFICABILE IL TERRENO IN CUI GLI INTERVENTI AMMESSI SONO FUNZIONALI ALLO SCOPO PUBBLICISTICO

L'ABDICAZIONE AL DIRITTO DI PROPRIETA' NON E' PRECLUSA DALL'ART. 43 TU

RISOLTA LA CESSIONE VOLONTARIA, LA PA PUO' PROCEDERE CON L'ESPROPRIO

IL GIUDICE NON PUO' DISPORRE L'ACQUISIZIONE SANANTE SE LA DOMANDA E' RISARCITORIA PER EQUIVALENTE

L'INSERIMENTO DEL BENE NEL PIANO DELLE ALIENAZIONI IMPLICA DICHIARAZIONE D'INSERVIBILITA'

ART. 43 TU: L'INTERESSE PUBBLICO ALL'ACQUISIZIONE DEL BENE VA RAPPORTATO ALL'OPERA COMPLESSIVA

DOMANDA EX ART. 43.3 TU: IMPLICITA NELL'ECCEZIONE CON CUI LA PA SI OPPONE ALLA RESTITUZIONE DEL BENE

VINCOLO FERROVIARIO: CONFORMATIVO SE NON CIRCOSCRITTO A DETERMINATI BENI

Produciamo e vendiamo esclusivamente pubblicazioni professionali in formato pdf. 

Sono testi che puoi consultare e trasportare ovunque con qualunque dispositivo, realizzati nel più comune e universale dei formati digitali. 

Se hai necessità di stamparli o di fare il copia incolla, puoi farlo, salvo alcune eccezioni e nel rispetto del divieto di distribuzione a terzi e della nostra politica di copyright riguardo la riproduzione dei contenuti.  

I nostri prodotti sono privi di restrizioni DRM, sono solo marchiati digitalmente con il nome dell'utilizzatore; possono essere aperti senza limiti dal soggetto destinatario su più dispositivi e scaricati ogni volta che vuole dal sito una volta acquistati.

Per saperne di più clicca qui.

Rivista bimestrale di dottrina e giurisprudenza in materia di espropriazione per pubblica utilità. La giurisprudenza è recensita nel bimestre di riferimento dalla rivista telematica www.esproprionline.it. Alle massime (“sintesi”) sono associati i brani pertinenti originali delle sentenze a cui esse si riferiscono.

Ultimi articoli pubblicati

APPROFONDIMENTI

Premesse: Corte dir.uomo 8 dicembre 2005 (ric.n. 58858/00) La sentenza resa lo scorso dicembre dalla Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo segna, probabilmente, una delle ultime pagine – ma ragionevolmente non l’ultima, per quanto si andrà dicendo nel prosieguo &...
Apri l'articolo
I confini della sentenza Guiso–Gallisay del 22 dicembre 2009 Ma è ancora sul tema dei confini della decisione della Grande Camera che occorre riflettere. Secondo chi scrive, infatti, l’obbligo di conformazione dei giudici nazionali richiesto dal giudice europeo deve circoscriversi a...
Apri l'articolo
Chi credeva o, forse, sarebbe meglio dire, sperava che la problematica della reiterazione dei vincoli espropriativi scaduti e, segnatamente, l’obbligo di motivazione della relativa delibera, avesse perso attualità per effetto della sentenza n.7 del 24 maggio 2007 dell’Adunanza Plenaria d...
Apri l'articolo