Parametro dell'indennità di occupazione per pubblica utilità: profili generali

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE - INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE - PARAMETRO L'indennità per il periodo di occupazione legittima va parametrata per ogni anno di occupazione legittima al valore che in quell’anno aveva il bene, produttiva di interessi.

L'indennità di occupazione delle aree, siccome commisurata a quella di esproprio, deve essere ricalcolata, nella misura in cui quest'ultima è rideterminata.

Se è vero che le possibilità edificatorie da considerare ai fini della determinazione dell'indennità di occupazione legittima vanno valutate al momento dell'adozione del relativo decreto autorizzativo, tuttavia va tenuto conto che il diritto all'indennità in questione matura al compimento di ogni singola annualità, per cui è a ciascuno di ... _OMISSIS_ ...che deve essere calcolato il parametro di riferimento che, per le aree edificatorie, tiene conto del valore attuale del bene, passibile nel tempo, ossia alla scadenza di ciascuna delle annualità successive alla prima, di variazioni dipendenti dall'oscillazione del mercato immobiliare.

L'indennità di occupazione va determinata nella misura percentuale pari al tasso legale degli interessi dell'indennità di espropriazione, come virtualmente determinata alla prima scadenza annuale dell'occupazione legittima o come in concreto determinata al tempo del provvedimento ablativo coincidente con quello finale dell'occupazione in questione, solo allorquando, rispetto alle altre maturate scadenze annuali del diritto, siano rimasti costanti l'uno e/o l'altro di quei valori vena... _OMISSIS_ ...to.

Per il periodo di legittima occupazione precedente all'illecita detenzione va corrisposta l’indennità nella misura di un dodicesimo del valore dell’area per ogni anno.

In fattispecie in cui i suoli occupati hanno destinazione agricola, trova applicazione l'art. 20 comma 3 L. n. 865 del 1971 (applicabile ratione temporis), che dispone la stima dell'indennità “'in una somma pari, per ciascun anno di occupazione, ad un dodicesimo dell'indennità che sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area da occupare, calcolata a norma dell'art. 16 ovvero per ciascun mese o frazione di mese di occupazione, ad un dodicesimo dell'indennità annua". Il criterio del saggio degli interessi legali, meno favorevole del criterio del "dodicesimo" (corrispo... _OMISSIS_ ...so dell'8,33% annuo), invece riguarda i terreni con destinazione edificabile.

Quanto alla determinazione del valore venale del bene, da valutarsi per definire il parametro di determinazione del danno patrimoniale da illegittima occupazione (pari al 5% annuo), l'Amministrazione deve tener conto della destinazione urbanistica dell’area ed utilizzare il metodo di stima diretta (o sintetica), che consiste nella determinazione del più probabile valore di mercato di un bene mediante la comparazione di valori di beni della stessa tipologia di quello oggetto di causa (atti di compravendita di terreni finitimi e simili).

Va ricalcolata l'indennità per l'occupazione legittima in funzione dell'indennità di espropriazione ipoteticamente dovuta.

Anc... _OMISSIS_ ...ità di occupazione temporanea dovuta ex L. n. 219 del 1981 vale la regola che la stessa deve essere sempre liquidata in misura corrispondente ad una percentuale (legittimamente riferibile al saggio degli interessi legali), dell'indennità che sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area occupata: pur nella ipotesi in cui la determinazione (ovvero la rideterminazione) dell'indennità di esproprio sia soggetta ai criteri riduttivi e non parametrata al valore venale pieno dell'immobile.

Dovendo calcolarsi l'indennità di occupazione su base annua, il relativo diritto risulta esigibile alla scadenza di ciascun anno di occupazione, per cui è in ciascuno di questi momenti che deve essere assunto il parametro di riferimento alla luce del quale procedere alla sua liquidazio... _OMISSIS_ ...eguenza che l'ammontare di essa, da commisurarsi in correlazione all'indennità di esproprio, andrà determinato in base al valore attuale del bene, passibile nel tempo di variazioni dipendenti dall'oscillazione di fattori di più diversa natura e si potrà mantenere stabile nel tempo, salvo appunto le predette variazioni, se, rispetto alle maturate scadenze annuali del diritto, sia rimasto costante il valore venale di riferimento, mentre dovrà invece essere rivisto ad ogni scadenza se il valore venale del bene abbia subito variazioni apprezzabili nel corso dell'occupazione.

L'obbligazione indennitaria dell'occupazione temporanea preordinata all'esproprio è volta a compensare, per tutta la durata dell'indisponibilità del bene, il detrimento dato dal suo mancato godime... _OMISSIS_ ...perdita reddituale che, essendo diversa da quella patrimoniale della perdita della proprietà del bene, impone un ristoro separato ed aggiuntivo, non assorbibile nell'indennità di espropriazione; né allorquando si tratta di imposizione di una servitù, nell'indennità di asservimento. Detto indennizzo, derivando, dunque, da un atto legittimo dell'amministrazione autonomo ed indipendente dal titolo in base al quale potrà concludersi la vicenda ablativa, deve essere liquidato qualunque sia l'evento giuridico che la caratterizzi (cessione volontaria, espropriazione formale, occupazione acquisitiva, asservimento) in base ad un criterio unico ed unitario che deve essere commisurata all'indennità che sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area effettivamente occupata, non necessari... _OMISSIS_ ...nte con quella successivamente espropriata o asservita.

A seguito della decisione della Corte costituzionale n. 181 del 2011, che ha dichiarato l'illegittimità per contrasto con 9 l'art. 42 Cost., comma 3 e art. 117 Cost. del criterio di stima fondato sul c.d. valore agricolo medio, per la stima dell'indennità di occupazione torna nuovamente applicabile il criterio generale dell'indennizzo pari al valore venale del bene, fissato dalla L. 25 giugno 1865, n. 2359, art. 39, che è l'unico criterio ancora vigente rinvenibile nell'ordinamento, e per di più non stabilito per singole e specifiche fattispecie espropriative, ma destinato a funzionare in linea generale in ogni ipotesi o tipo di espropriazione salvo che un'apposita norma provvedesse diversamente.

I... _OMISSIS_ ...lla disciplina vigente anteriormente all'entrata in vigore del D.P.R. n. 327 del 2001, l'indennità di occupazione temporanea e di urgenza dev'essere liquidata in misura corrispondente ad una percentuale di quella che sarebbe dovuta per l'espropriazione dell'area occupata e che può ben corrispondere al saggio corrente degl'interessi legali.

La quantificazione dell'indennità di occupazione (anche di quella d'urgenza effettuata in vista della espropriazione) presuppone l'accertamento della indennità che "sarebbe dovuta" per l'esproprio del bene, non foss'altro perché questo è il parametro di calcolo previsto dall'art. 50 comma 1 D.P.R. n. 327 del 2001, cui fa rinvio il precedente art. 22-bis.

L'indennità di occupazione temporanea e di urgenza deve essere l... _OMISSIS_ ...ura corrispondente ad una percentuale di quanto dovuto per l'espropriazione dell'area occupata e ben può corrispondere al saggio corrente degli interessi legali, fermo restando che quello degli interessi legali non costituisce un criterio a carattere vincolante, ma è una scelta rimessa al prudente apprezzamento - quindi incensurabile in sede di legittimità - del giudice di me...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12363 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2910 pagine in formato A4

40,00 €