Rivalutazione e interessi sul risarcimento del danno da occupazione illegittima di beni privati per pubblica utilità

INTERESSI E RIVALUTAZIONE NELL'ESPROPRIAZIONE --> RIVALUTAZIONE E INTERESSI --> RISARCIMENTO DEL DANNO

Il danno che deriva dalla mancata definizione del procedimento espropriativo va ristorato con riferimento al valore del bene al momento della domanda risarcitoria – che segna la perdita della proprietà – e la somma risultante, trattandosi di debito di valore, sarà sottoposta a rivalutazione monetaria fino alla data della sentenza. Tuttavia la rivalutazione, costituendo un meccanismo a salvaguardia di un credito non ancora soddisfatto, non può riferirsi a somme già debitamente riscosse.

In caso di ritardato adempimento dell'obbligo di risarcimento del danno (obbligo rispetto al quale il debitore è in mora ex re dal giorno del... _OMISSIS_ .... 1219 c.c.) il debitore, oltre a dovere l'equivalente monetario del bene perduto, riferito all'epoca della taxatio (e cioè rivalutato), deve pagare al creditore il lucro cessante finanziario, ovvero i frutti che il denaro, dovutogli a titolo di risarcimento, avrebbe prodotto sin dal giorno dell'illecito, danno che si può liquidare anche (ma non solo) applicando un saggio di interessi equitativamente scelto dal giudice sul credito risarcitorio rivalutato anno per anno.

Nell'ipotesi di versamenti di acconti, il debitore deve, nel periodo compreso tra la data dell'illecito e il pagamento dell'acconto, risarcire il creditore del mancato guadagno dell'intero capitale dovutogli, mentre, dopo il pagamento dell'acconto, il lucro cessante del creditore si riduce alla ... _OMISSIS_ ...lità di investire e far fruttare il capitale residuo. Il che comporta le seguenti operazioni: a) rendere omogenei il credito risarcitorio e l'acconto (devalutandoli entrambi alla data dell'illecito, ovvero rivalutandoli alla data della liquidazione); b) detrarre l'acconto dal credito; c) calcolare gli interessi compensativi applicando un saggio scelto in via equitativa, sull'intero capitale, per il periodo che va dalla data dell'illecito al pagamento dell'acconto, e sulla somma che residua dopo la detrazione dell'acconto, per il periodo che va dal suo pagamento fino alla liquidazione definitiva.

In sede di risarcimento del danno da occupazione illegittima, è corretto il riconoscimento degli interessi dovuti sul valore accertato al momento della trasformazione,... _OMISSIS_ ...e dal momento dello spossessamento; la pretesa del relativo computo in base al rendimento dei BOT e dei depositi a risparmio non tiene conto che il danno da ritardo per il mancato godimento della somma di denaro equivalente al bene perduto può ben essere liquidato col criterio degli interessi (non necessariamente al tasso legale), salva la prova del maggior danno a carico del creditore.

Nella domanda di risarcimento del danno per fatto illecito (quale è quello da irreversibile trasformazione di un'area da parte della PA) è implicitamente inclusa la richiesta di riconoscimento sia degli interessi compensativi sia del danno da svalutazione monetaria, quali componenti indispensabili del risarcimento, tra loro concorrenti attesa la diversità delle rispettive funzi... _OMISSIS_ ...primi volti compensare il pregiudizio derivante al creditore dal ritardato conseguimento dell'equivalente pecuniario del bene e la seconda ad assicurare la reintegrazione patrimoniale del danneggiato.

Il danno da ritardo per il mancato godimento del bene nel periodo di tempo tra il sorgere del danno e la sua liquidazione (in mancanza di prova del preciso ammontare di tale tipo di danno), va determinato in via equitativa ex artt. 1226 e 2056 C.C. e va calcolato, in adesione ad un prevalente orientamento giurisprudenziale, applicando per il primo anno gli interessi legali sulla sorte capitale del danno senza rivalutazione e per ognuno degli anni successivi gli interessi legali sulla sorte-capitale del credito comprensiva della rivalutazione maturata alla fine de... _OMISSIS_ ...recedente.

In ordine alla quantificazione dei danni per il periodo di occupazione illegittima, alla somma (al lordo della rivalutazione) spettante per ciascun anno (o frazione di anno) di illecita occupazione, dovranno aggiungersi gli interessi legali sino alla data di pubblicazione della sentenza; a decorrere dalla data di pubblicazione della sentenza sulla somma complessiva sono dovuti i soli interessi legali.

Sulla somma determinata in applicazione dell’art. 42 bis, comma 3, DPR n. 327/2001 a titolo di risarcimento del danno per il periodo di illegittima occupazione successivo alla scadenza del termine stabilito per il compimento della procedura espropriativa, vanno applicati, trattandosi di debito di valore, oltre gli interessi legali ... _OMISSIS_ ...tazione monetaria, con applicazione per il primo anno degli interessi legali sulla sorte capitale del danno senza rivalutazione e per ognuno degli anni successivi degli interessi legali sulla sorte-capitale del credito comprensiva della rivalutazione monetaria (secondo gli indici ISTAT relativi all’aumento dei prezzi per le famiglie di operai ed impiegati).

La somma determinata a titolo di risarcimento del danno per il periodo di occupazione illegittima deve essere rivalutata anno per anno e, sugli importi cosi rivalutati, devono essere corrisposti gli interessi legali, in base ai principi generali sulla liquidazione dell'obbligazione risarcitoria.

Correttamente è riconosciuta la rivalutazione (e gli interessi) sulla somma dovuta a titolo ... _OMISSIS_ ... del danno via via da rivalutarsi fino alla data di liquidazione. Infatti, con la sentenza definitiva che decide sulla liquidazione di un'obbligazione di valore, da effettuarsi in valori monetari correnti, si determina la conversione del debito di valore in debito di valuta con il riconoscimento da tale data degli interessi corrispettivi. Ne consegue che è preclusa l'ulteriore rivalutazione monetaria derivante dall'eventuale ritardo nell'esecuzione del giudicato, valendo, in tale ipotesi, i criteri previsti dalla legge per il debito di valuta.

Sugli importi determinati a titolo di risarcimento per il periodo in cui si è protratta l'occupazione senza titolo, devono essere calcolati gli interessi sulla somma rivalutata anno per anno; la somma così risulta... _OMISSIS_ ...oduttiva di interessi dalla data di deposito della decisione giudiziale fino all’effettivo soddisfo.

La somma liquidata a titolo di risarcimento del danno è sottoposta al principio della rivalutazione monetaria, in quanto il denaro va a ristorare per equivalente il danno patito sin dal momento in cui è stato posto in essere il comportamento lesivo. Con l'emanazione della sentenza, il debito di valore viene liquidato nel preciso ammontare e, pertanto, assume le caratteristiche di debito di valuta, sul quale sono dovuti gli interessi in misura legale dalla data della decisione, fino all'effettivo soddisfo.

La somma determinata a titolo di risarcimento del danno per il periodo in cui si è protratta l'occupazione illegittima deve essere rivalu... _OMISSIS_ ...nno e sugli importi rivalutati dovranno essere corrisposti gli interessi legali, in base ai principi generali sulla liquidazione dell'obbligazione risarcitoria.

Alla somma determinata a titolo risarcitorio vanno aggiunti gli interessi legali e la rivalutazione monetaria a decorrere dal momento di produzione del danno e sino alla data di deposito della sentenza, e solo gli interessi legali da tale data fino a quella di effettivo soddisfo, con esclusione degli interessi anatocistici in quanto non previsti dalla legge.

E' pacifico che nell'ipotesi di occupazione illegittima sulla somma liquidata a titolo risarcitori...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 93532 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo