Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

INDENNITÀ DI ESPROPRIAZIONE E DI OCCUPAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ - dieci anni di giurisprudenza

INTERESSI E RIVALUTAZIONE NELL'ESPROPRIAZIONE --> INTERESSI COMPENSATIVI

Sulle somme determinate a titolo di indennità di espropriazione e di occupazione, in quanto costituenti oggetto di altrettanti debiti di valuta, sono dovuti gli interessi al tasso legale sino al momento del loro versamento presso la cassa depositi e prestiti; tali interessi vanno computati: - 1) per quanto concerne l'indennità di espropriazione, a decorrere dalla data di emanazione del decreto di espropriazione; - 2) per quanto concerne l'indennità di occupazione legittima a decorrere dalla scadenza di ciascuna annualità, a partire dal giorno in cui è emesso il decreto di occupazione, che segna l'immediata ed automatica compressione del diritto dominicale, quale momento di maturazione del relativo diritto, restando irrilevante l'eventuale posteriorità della materiale apprensione del bene.

Nei debiti di valore, il danno da ritardato pagamento dell'equivalente monetario attuale della somma dovuta all'epoca dell'evento lesivo, sussiste solo quando il creditore dimostri che se avesse potuto utilizzare l'importo allora dovutogli secondo le forme considerate ordinarie nella comune esperienza ovvero in impieghi più remunerativi, avrebbe ricavato una somma maggiore rispetto a quella rivalutata. In tal caso il danno da ritardo è indennizzabile in vario modo, anche mediante il meccanismo degli interessi, mentre in ogni altro caso il danno va escluso.

A differenza degl'interessi moratori e corrispettivi, disciplinati rispettivamente dagli artt. 1224 e 1282 cod. civ., gli interessi compensativi sono dovuti indipendentemente sia dall'imputabilità del ritardo nella corresponsione dell'importo dovuto che dalla liquidità ed esigibilità del credito, purché ne sia provata la certezza e la definitività.

Gli interessi legali sull'indennità di espropriazione decorrono dalla data dell'espropriazione; quelli sull'indennità di occupazione, per ciascun anno di occupazione, dalla scadenza delle singole annualità.

INTERESSI E RIVALUTAZIONE NELL'ESPROPRIAZIONE --> INTERESSI COMPENSATIVI --> CONGUAGLIO

Benché il prezzo di cessione sia equiparabile all'indennità, l'eventuale somma dovuta per conguaglio non può essere considerata, per quanto concerne la decorrenza degli interessi, sul medesimo piano dell'eventuale maggior somma riconosciuta a titolo di indennità espropriativa in esito ad opposizione alla stima. Tali interessi hanno natura compensativa, e non corrispettiva; e, pertanto, se essi non possono decorrere dalla data della cessione, decorrono, ove prima della determinazione del conguaglio sia intervenuta la sentenza della Corte costituzionale n. 223 del 1983, dalla data della pubblicazione di detta sentenza sulla Gazzetta Ufficiale.... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista