Il mutamento abusivo di destinazione d'uso

ABUSI EDILIZI --> INTERVENTI ABUSIVI, CASISTICA --> MUTAMENTO DESTINAZIONE D'USO

Il mutamento della destinazione d'uso da turistico-alberghiera a residenziale delle unità di un complesso ricettivo è senza dubbio rilevante trattandosi di categorie non omogenee (ex art. 23 ter c. 1, TU edilizia); pertanto in caso di alterazione della unitaria destinazione d’uso dell’immobile, con creazione di struttura edilizia completamente diversa da quella assentita (difformità totale) ed ammissibile in zona, consegue la piena legittimità della sanzione ripristinatoria.

La trasformazione abusiva dell’immobile destinato a magazzino e deposito in unità abitativa (appartamento residenziale) è un mutamento rilevante urbanisticamente perché i... _OMISSIS_ ...categorie urbanistiche diverse, essendo la destinazione a deposito e magazzino assimilabile a quella produttiva artigianale o, altrimenti, a quella commerciale, non certo a quella residenziale.

Il mutamento di destinazione d'uso di un immobile deve considerarsi urbanisticamente rilevante e, come tale, soggetto di per sé all'ottenimento di un titolo edilizio abilitativo, con la conseguenza che il mutamento non autorizzato che alteri il carico urbanistico, integra una situazione di illiceità a vario titolo.

Il presupposto del mutamento di destinazione d’uso giuridicamente rilevante ai fini della adozione della sanzione ripristinatoria è che l’uso diverso, ancorché senza opere, comporti un carico urbanistico effettivamente maggiore.
... _OMISSIS_ ...rganizzazione del territorio comunale e la gestione dello stesso vengono realizzate attraverso il coordinamento delle varie destinazioni d'uso in tutte le loro possibili relazioni e le modifiche non consentite di queste incidono negativamente sull'organizzazione dei servizi, alterando appunto il complessivo assetto territoriale.

Per andare esenti da responsabilità penale non è sufficiente dimostrare che il mutamento della destinazione d'uso sia stato eseguito in assenza di opere edilizie interne, ma occorre dimostrare che il cambio della destinazione presenti il requisito dell'omogeneità, nel senso che sia intervenuto tra categorie urbanistiche omogenee perché il cambio, allorquando investe categorie urbanistiche disomogenee di utilizzazione, determina, come n... _OMISSIS_ ... aggravamento del carico urbanistico esistente.

Sussiste il reato di cui al D.P.R. n. 380 del 2001, art. 44, comma 1, lett. a) laddove l'attività di elaborazione dati relativi all'attività di giochi e scommesse, che le fonti comunali ammettono solo nelle zone produttive, sia svolta in un locale ubicato in una via non ricompresa nella zona produttiva, che era stato autorizzato per attività ad uso negozio.

I mutamenti di destinazione d’uso senza opere sono da considerarsi irrilevanti se intervenuti prima dell’entrata in vigore della legge n. 47/1985 (art. 25), in mancanza di una disposizione di legge regionale di segno contrario.

Gli abusi consistono non solo nel mutamento di destinazione bensì con l’abusivo... _OMISSIS_ ...umetrico di un immobile ricadente in zona vincolata all’interno della quale la disciplina urbanistica preclude aumenti volumetrici.

Laddove i titoli edilizi rilasciati siano coerenti con la destinazione urbanistica di zona, a fronte del mutamento di destinazione d’uso operato dai privati non vi è necessità alcuna di procedere al loro ritiro in autotutela, risultando gli stessi legittimi.

Sussiste un mutamento di destinazione d’uso nell'apposizione di macchinari in zona agricola se l’attività svolta con i predetti macchinari non è riconducibile ad una attività agricola, né ad una attività ad essa connessa.

La sanzione demolitoria è comunque prevista nel caso in cui il mutamento di destinazione venga a costit... _OMISSIS_ ...ione essenziale rispetto al progetto approvato.

Il fatto che un immobile abbia ottenuto una concessione edilizia illegittima (nella specie per violazione delle altezze minime) non obbliga l'amministrazione a commettere ulteriori illegittimità, autorizzando un cambio di destinazione d'uso parimenti non consentito.

Il mutamento di destinazione d’uso in contrasto con il PRG determina una violazione dello strumento urbanistico che consente di ordinare la demolizione, in deroga alla regola generale di applicazione della sola sanzione pecuniaria agli illeciti commessi in relazione ad interventi sottoponili a DIA/SCIA ex art. 37, comma 1, d.P.R. n. 380/2001.

Il cambiamento di destinazione d’uso da un bene precedentemente auto... _OMISSIS_ ...e agricolo adibito alla coltivazione dei funghi, in quanto tale interrato e, dunque, privo di volumetria calcolabile, a locale commerciale, sviluppa necessariamente nuova superficie utile e cubatura, determinando già solo per tale motivo la qualificazione dell’abuso come rientrante nel punto n. 1 della tabella allegata alla L. 47/1985.

Presupposto del mutamento di destinazione d’uso - giuridicamente rilevante ai fini dell’eventuale adozione della sanzione interdittiva del cambio di destinazione non consentito - è che l’uso diverso, ovviamente attuato senza opere a ciò preordinate, comporti un maggior peso urbanistico effettivamente incidente sul tessuto urbano.

L’aggravio di servizi — quali, ad esempio, il pre... _OMISSIS_ ...iabilità ed al traffico ordinario nella zona; il maggior numero di parcheggi nelle aree antistanti o prossime l'immobile - è l’ubi consistam del mutamento di destinazione che giustifica la repressione dell’alterazione del territorio in conseguenza dell’incremento del carico urbanistico come originariamente divisato, nella pianificazione del tessuto urbano, dall’Amministrazione locale.

Se in linea generale è esatto l’avviso secondo il quale il mutamento di destinazione d’uso senza opere non soggiace alla sanzione demolitoria (fatto salvo il ripristino dello stato dei luoghi) e l’esercizio di attività agrituristica in particolare non comporta cambio di destinazione d’uso degli edifici rurali, è doveroso precisare c... _OMISSIS_ ...abile relativamente ad immobili connotati di legittimità urbanistica originaria. Non può essere invece il cennato principio esteso ad interventi che accedano ad opere che siano già illegittime dal punto di vista urbanistico e per le quali penda ancora domanda di condono edilizio inesitata.

L'abuso commesso dal proprietario di un immobile, che destina a scopi commerciali una parte di esso con destinazione industriale, non vale in alcun caso ad imprimere allo stesso una destinazione formale diversa da quella risultante cartolarmente da atti amministrativi pubblici, di carattere urbanistico o catastale.

In tema di reati edilizi, il mutamento di destinazione d'uso senza opere è assoggettato a S.C.I.A., purché intervenga nell'ambito della stessa cate... _OMISSIS_ ...ca, mentre è richiesto il permesso di costruire per le modifiche di destinazione che comportino il passaggio di categoria o, se il cambio d'uso sia eseguito nei centri storici, anche all'interno di una stessa categoria omogenea.

Le sanzioni previste per il cambio di destinazione d'uso prive del titolo edilizio per esse previsto risultano giustificate dall'esigenza di scongiurare il pericolo di compromissione degli equilibri prefigurati dagli strumenti urbanistici in relazione al ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 19285 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo