Risarcimento dei danni da violazione delle distanze legali
PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> DANNO --> DA VIOLAZIONE NORME URBANISTICHE --> DISTANZE

La nullità di un accordo tra privati contrario a norme inderogabili in materia di distanze nelle costruzioni contenute in un piano regolatore esclude in radice la risarcibilità del danno per il relativo inadempimento.

In caso di condanna all'arretramento dei manufatti posti a distanza inferiore a quella dettata dall'art. 907 c.c., non ha fondamento la condanna al risarcimento del danno per quanto attiene ad un pregiudizio di carattere permanente, potendosi al più valutare la sussistenza di un danno temporaneo, legato alla ridotta fruibilità del bene attoreo, per il periodo intercorrente tra la data dell'abusiva realizzazione delle opere e... _OMISSIS_ ...o arretramento e demolizione.

In tema di violazione delle distanze tra costruzioni previste dal codice civile e dalle norme integrative dello stesso, quali i regolamenti edilizi comunali, al proprietario confinante che lamenti tale violazione compete sia la tutela in forma specifica, finalizzata al ripristino della situazione antecedente al verificarsi dell'illecito, sia quella risarcitoria, ed il danno che egli subisce (danno conseguenza e non danno evento), essendo l'effetto, certo ed indiscutibile, dell'abusiva imposizione di una servitù nel proprio fondo e, quindi, della limitazione del relativo godimento, che si traduce in una diminuzione temporanea del valore della proprietà medesima, deve ritenersi in re ipsa, senza necessità di una specifica attività p... _OMISSIS_ ...|
In tema di violazione delle norme sulle distanze, una volta che venga disposta la demolizione delle opere realizzate in violazione delle norme sulle distanze legali, il risarcimento del danno deve essere computato tenendo conto della temporaneità della lesione del bene protetto dalle norme violate e non già avendo riguardo al valore di mercato dell'immobile, diminuito per effetto della detta violazione, essendo il relativo pregiudizio suscettibile di essere eliminato.

La lesione della proprietà per l’altrui violazione delle distanze determina ex se un danno-conseguenza, sub specie di diminuzione del godimento e delle utilità ritraibili dal bene.

L'art. 2058 c.c., comma 2, che prevede la possibilità di ordinare il risarcimento de... _OMISSIS_ ...ivalente anziché la reintegrazione in forma specifica, in caso di eccessiva onerosità di quest'ultima, non trova applicazione nelle azioni intese a far valere un diritto reale la cui tutela esige la rimozione del fatto lesivo, come quella diretta ad ottenere la riduzione in pristino per violazione delle norme sulle distanze, atteso il carattere assoluto del diritto leso.

In tema di osservanza delle distanze tra costruzioni, prescritte da uno strumento urbanistico integrativo del codice civile, nessuna indagine deve essere svolta per accertare se dalla violazione della norma regolamentare sia derivato o meno un danno al fondo del vicino, in quanto le disposizioni sulle distanze legali non lasciano al giudice alcun margine di valutazione in ordine ai pregiudizi ... _OMISSIS_ ...loro inosservanza, avuto riguardo alle finalità di natura pubblicistica cui dette disposizioni si ispirano.

Il danno conseguente alla violazione delle norme del codice civile e integrative di quelle relative alle distanze nelle costruzioni si identifica nella violazione stessa, costituendo un asservimento "de facto" del fondo del vicino al quale, pertanto, compete il risarcimento senza la necessità di una specifica attività istruttoria.

La realizzazione di un edificio di altezza e volumetria superiori a quelle consentite, in violazione di norme urbanistiche, può comportare per il vicino una diminuzione di luce ed aria - ed una connessa diminuzione del valore del proprio edificio - superiori a quelle altrimenti legittime, dando cos... _OMISSIS_ ...configurabilità di una responsabilità per danni.

Se sia disposta la demolizione dell'opera illecita, il risarcimento del danno va computato tenendo conto della temporaneità della lesione del bene protetto dalle norme violate, mentre è corretto liquidare il danno avendo riguardo al valore di mercato dell'immobile, diminuito per effetto della violazione delle norme di edilizia, quando tale pregiudizio non sia suscettibile di eliminazione, non essendo riconosciuta la tutela della rimessione nel pristino stato poiché le norme violate non sono integrative di quelle del codice civile in tema di distanze.

Nel quantificare il danno da violazione delle distanze legali è illegittimo fare riferimento alla diminuzione del valore commerciale del fabbricato r... _OMISSIS_ ...e erano stati violati i limiti di distanza se detto immobile era stato ab origine realizzato abusivamente e solo successivamente sanato, in quanto per un periodo l’edificio era incommerciabile in quanto abusivo.

Tutte le violazioni delle norme edilizie relative a distanze e altezze dei fabbricati costituiscono pacificamente illeciti di natura permanente per risolversi in situazioni di antigiuridicità che, fin quando l'opera abusiva non venga ridotta entro i limiti legali, comprimono inevitabilmente il godimento dell'altrui diritto reale.

La violazione delle distante legali rappresenta un tipo d'illecito produttivo di danni in re ipsa, il quale da luogo a risarcimento laddove risulti provata la sola sussistenza oggettiva dell'illecito (il d... _OMISSIS_ ...indi esonerato dalla prova della sussistenza del dolo o della colpa in capo all'autore dell'illecito) e consente al giudice del merito, dinanzi all'obiettiva difficoltà di determinazione del quantum, di affidarsi a una serie di criteri ed indici per la liquidazione del danno tra i quali emerge tipicamente il riferimento ad una percentuale del valore venale dell'immobile la cui fruibilità sia stata temporaneamente ridotta.

Nel caso in cui la sentenza condanni alla rimozione delle opere erette in violazione delle distanze legali, è incongruo quantificare il danno prodotto dalla violazione delle distanze legali in ammontare pari alla perdita del valore commerciale del fabbricato finitimo, dovendosi considerare la transitorietà di detta fonte di danno per effetto ... _OMISSIS_ ...le condanna al ripristino dello status quo ante, la quale implica la rimozione della fonte del pregiudizio economico determina per il bene che l'ha subito l'automatico riacquisto del suo valore di mercato.

In caso di violazione delle norme sulle distanze è concessa l'azione risarcitoria per il danno determinatosi prima della riduzione in pristino, senza la necessità di una specifica attività probatoria perché il danno che il proprietario subisce (danno conseguenza e non danno evento) è l'effetto (certo) dell'abusiva imposizione di una servitù nel proprio fondo e quindi della limitazione del relativo godimento, che si traduce in una diminuzione temporanea del valore della proprietà medesima.

È ammissibile la risarcibilità per equivalente del dann... _OMISSIS_ ...e la violazione delle norme di edilizia e di tutela ambientale, integrative di quelle codicistiche in tema di distanze, arreca al pieno godimento del fondo vicino.

Il danno che il proprietario confinante subisce per violazione delle distanze tra costruzioni (danno conseguenza e non danno evento), essendo l'effetto, certo ed indiscutibile, dell'abusiva imposizione di una servitù nel proprio fondo e, quindi, della limitazione del relativo godimento, che si traduce in una diminuzione temporanea del valore della proprietà medesima, deve ritenersi in re ipsa, senza necessità di una specifica attività probatoria.

Nel caso di violazione delle norme sulle distanze il danno è in re ipsa e la sua liquidazione equitativa è giustificata dall'impossibilità d... _OMISSIS_ ...a determinazione.

La violazione delle norme sulle distanze tra costruzioni, dettate dal codice civile e/o dalle norme locali integrative dell'art. 873 determinando l'assoggettamento del fondo vicino ad un illegittimo asservimento, comporta in re ipsa un danno risarcibile.

Non può essere riconosciuto un danno per violazione di distanze urbanistiche se la pretesa violazione non è stata consumata.

Il danno conseguente alla violazione delle norme del codice civili e integrative di queste relative alle distanze nelle costruzioni si identifica nella violazione stessa, costituendo un asservimento de facto del fondo del vicino al quale, pertanto, compere il risarcimento senza la necessità di una specifica attività probatoria.

... _OMISSIS_ ...sservanza delle distanze tra costruzioni, ove le stesse siano prescritte da un regolamento edilizio integrativo del codice civile, nessuna indagine deve essere svolta per accertare se dalla violazione della norma regolamentare sia derivato o meno un danno al fondo del vicino e se questo sia o meno edificabile, in quanto le disposizioni sulle distanze legali non lasciano al giudice alcun margine di valutazione in ordine ai pregiudizi prodotti dalla loro inosservanza, avuto riguardo alle finalità di natura pubblicistica cui dette disposizioni si ispirano

il secondo comma dell'art. 872 cod. civ. va riferito, non solo alle distanze tra costruzioni (in senso stretto, quale risultato di una attività edificatoria), ma alla violazione delle norme contenute nei Regolam... _OMISSIS_ ...he disciplinano l'attività di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio.

Il danno da violazione delle distanze deve ritenersi in re ipsa, senza necessità di una specifica attività probatoria, perché tale violazione determina un asservimento di fatto del fondo confinante.

L'inosservanza delle distanze legali nelle costruzioni costituisce per il vicino una limitazione al godimento del bene, e quindi, all'esercizio di una delle facoltà che si riconnettono al diritto di proprietà: per questo il danno è in re ipsa, perché l'azione risarcitoria è volta a porre rimedio all'imposizione di una servitù di fatto e alla conseguente diminuzione di valore del fondo subita dal proprietario in conseguenza dell'edificazione illegittima del vicino, pe... _OMISSIS_ ... tempo anteriore all'eliminazione dell'abuso.

L'azione risarcitoria per il danno determinatosi prima della riduzione in pristino, non necessita di una specifica attività probatoria, e questa soluzione non determina un eccesso di tutela per il proprietario od uno snaturamento del sistema della responsabilità civile, dal momento che discorrere di danno in re ipsa non significa riconoscere che il risarcimento venga accordato per il solo fatto del comportamento lesivo o si risolva in una pena privata nei confronti di chi violi l'altrui diritto di proprietà; significa, piuttosto, ammettere che, nel caso di violazione di una norma relativa alle distanze tra edifici, il danno che il proprietario subisce (danno conseguenza e non danno evento) è l'effetto, certo ed ind... _OMISSIS_ ...l'abusiva imposizione di una servitù nel proprio fondo, e quindi della limitazione del relativo godimento, che si traduce in una diminuzione temporanea del valore della proprietà medesima.

Nel caso in cui venga accertata la violazione di norme di vicinato, in particolare sulle distanze, il danno subito dal proprietario del fondo, rispetto al quale vi sia stata tale inosservanza, non necessita di specifica attività probatoria, essendo in re ipsa e concretandosi nella temporanea compressione di fatto delle facoltà di godimento del bene illegittimamente asservito, perdurando fino all'eliminazione della relativa situazione illegittima.

Il danno subito dal confinante per la realizzazione di un edificio in violazione delle distanze legali (danno conse... _OMISSIS_ ...nno...

...continua.  Qui sono visibili 12500 su 25183 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo