Calcolo dell'entità del danno da risarcire in caso di occupazione illegittima di suolo privato da parte della pubblica amministrazione

PATOLOGIA - RISARCIMENTO DEL DANNO - OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA - ENTITÀ - 5% In caso di occupazione illegittima di suolo privato da parte della pubblica amministrazione, non può essere risarcito il danno da perdita della proprietà, in quanto il diritto dominicale permane in capo al soggetto non legittimamente espropriato, dovendosi invece riferire il risarcimento del danno all’illegittima occupazione del bene (illecito permanente), dal suo perfezionamento fino alla giuridica regolarizzazione della fattispecie. Ai fini ai fini della quantificazione del danno in esame, è possibile utilizzare il criterio forfettario di liquidazione di cui all’art. 42-bis, comma 3, del d.P.R. n. 327/2001 (il saggio di interesse annuo del 5%) applicato al valore venale attuale del terreno.

Alla privazione assoluta del godimento del bene, siccome occupato, corrisponde la privazione dell’esercizio delle ampie facoltà inerenti al diritto di proprietà, restando a cari... _OMISSIS_ ...ante dare la prova che il proprietario avrebbe potuto esercitarle in tutto o in parte e se ne sia volontariamente astenuto. Il quantum del risarcimento può essere stabilito in applicazione del criterio accolto dall’art. 42 bis del d.P.R. n. 327/2001, ritenuto espressivo dei principi generali in materia, nella misura del 5% annuo del valore di mercato del suolo da determinarsi secondo il metodo sintetico comparativo che tenga conto del prezzo pagato per acquisti coevi di aree omogenee, da rivalutare anno per anno, trattandosi di debito di valore.

Il risarcimento da “occupazione illegittima” rapportato al 5% annuo del “valore venale” delle aree occupate, limitatamente ai cinque anni antecedenti la proposizione del ricorso, stante la prescrizione delle somme attinenti l’occupazione degli anni precedenti.

La quantificazione del danno da mancato godimento dei terreni oggetto dell’illegittima procedura espropria... _OMISSIS_ ...nata con riferimento ad ogni anno di occupazione illecita, anno per anno in base al valore del terreno alla data del 31 dicembre di ogni anno di riferimento; segnatamente va riconosciuto per ogni anno di occupazione illecita, ove non risulti una diversa entità del danno, il 5% del valore che l’area aveva al termine di ogni anno di occupazione. I ratei così ottenuti, diminuiti dell’indennità di occupazione d’urgenza ove a suo tempo corrisposta, vanno maggiorati di interessi e rivalutazione monetaria fino all’effettivo pagamento delle relative somme.

In caso di occupazione illegittima di area privata per scopi di pubblica utilità, il risarcimento per mancato godimento del bene può essere calcolato - ai sensi dell'art. 34, co. 4, c.p.a., in assenza di opposizione delle parti sul punto specifico e in difetto della prova rigorosa di diversi ulteriori profili di danno - facendo applicazione, in via equitativa, dei criteri risarcitori d... _OMISSIS_ .... 42-bis dPR n. 327/2001, e dunque in una somma pari al 5% annuo del valore del terreno.

Il valore d'uso, corrispondente al danno per l'illecita, prolungata occupazione del terreno di proprietà privata, può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, comprensivo del valore del soprassuolo relativo alle opere legittimamente realizzate in virtù di titolo edilizio, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42 bis comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, suscettibile di applicazione analogica in quanto espressione di un principio generale.

Il risarcimento del danno per mancato godimento del bene a cagione dell’occupazione (divenuta) illegittima può essere calcolato facendo applicazione analogica, in via equitativa (ai sensi dell’art. 1226 del Codice Civile), dei criteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis del D.P.R. n.... _OMISSIS_ ...unque, in una somma pari al 5% annuo (per ciascun anno di illegittima occupazione) del valore dei terreni in questione. Trattandosi di debito di valore, tale somma (annua) dovrà essere rivalutata alla data della sentenza di condanna (con applicazione degli Indici nazionali dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, calcolati dall’I.S.T.A.T.), e sulla stessa dovranno essere riconosciuti gli interessi al tasso legale, da calcolarsi sulla somma annualmente rivalutata in base ai suddetti indici I.S.T.A.T., sino all’effettivo soddisfo.

Il risarcimento del danno per mancato godimento del bene a cagione dell’occupazione divenuta illegittima deve essere calcolato facendo applicazione analogica, in via equitativa (ai sensi dell’art. 1226 del Codice Civile), dei criteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis del D.P.R. n. 327/2001, e, dunque, in una somma pari al 5% annuo (per ciascun anno di illegittima occupazione) del va... _OMISSIS_ ...o.

Una volta attivata la procedura espropriativa con l’occupazione d’urgenza dei fondi e la realizzazione delle opere, ove non sia emesso il decreto di esproprio (o in caso di tardività di questo), l’Autorità espropriante, alla scadenza del periodo di occupazione legittima, pone in essere un illecito permanente, che impedisce il maturarsi della prescrizione del diritto al risarcimento del danno da parte del proprietario e senza alcuna traslazione della proprietà in capo a tale Autorità. In tale situazione, se non può essere risarcito il danno da perdita della proprietà, in quanto il diritto dominicale permane in capo al soggetto non legittimamente espropriato, il risarcimento del danno deve operare in riferimento all’illegittima occupazione del bene (illecito permanente), dovendo coprire le voci di danno da questa azione derivanti, dal suo perfezionamento fino alla giuridica regolarizzazione della fattispecie. Per la quantificazione del... _OMISSIS_ ...el danno da occupazione illegittima, in assenza di prova di una maggiore entità, si può utilizzare il criterio forfettario di liquidazione di cui all’art. 42-bis, comma 3, del d.P.R. n. 327/2001 (il saggio di interesse annuo del 5% sul valore venale del terreno da acquisire, calcolato al momento del passaggio della proprietà).

Il danno da occupazione illegittima può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con l'art. 42-bis comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, suscettibile di applicazione analogica in quanto espressione di un principio generale.

Laddove l’amministrazione non ritenga di potersi avvalere dell’art. 42-bis, ai proprietari compete la restituzione dei fondi illecitamente occupati, nonché il risarcimento dei danni patiti per il loro mancato godimento, e questo per tutto il... _OMISSIS_ ...ata dell’occupazione abusiva e fino alla effettiva restituzione dei beni. Al riguardo va ricordato che, per giurisprudenza consolidata, il danno da occupazione illegittima di un immobile è un danno in re ipsa, discendente per presunzione iuris tantum dalla perdita di disponibilità del bene (la cui natura è fruttifera) e dall’impossibilità di conseguire l'utilità da esso ricavabile nell'esercizio delle facoltà di godimento e disponibilità insite nel diritto dominicale. Il risarcimento può essere calcolato facendo applicazione in via equitativa degli stessi criteri dettati dall'art. 42-bis del T.U. n. 327/2001, e dunque con il riconoscimento di una somma pari al 5% annuo del valore del singolo bene. E ai fini della determinazione di quest’ultimo valore rileveranno tutte le destinazioni urbanistiche e i vincoli (in particolare, quelli di tipo paesaggistico-ambientale) gravanti sui beni di cui si tratta. Non spetta invece, in difetto di prova specifica, alc... _OMISSIS_ ...e in misura forfettaria del danno non patrimoniale. La relativa somma dovrà essere attualizzata e su di essa andranno applicati gli interessi legali fino all’effettivo soddisfo. Al riguardo il giudice amministrativo può naturalmente far ricorso allo strumento di cui all’art. 34, comma 4, cod. proc. amm., ossia condannare l’amministrazione a formulare la proposta risarcitoria sulla base dei criteri indicati in sentenza.

Il risarcimento da mancato godimento dei beni in rilievo può essere calcolato, in difetto di una prova rigorosa di diversi ulteriori profili di danno, facendo applicazione in via equitativa dei criteri dettati dall'art. 42 bis del d.P.R. n. 327/2001, e più segnatamente con il riconoscimento di una somma pari al 5% annuo del valore del terreno.

Il danno da occupazione illegittima può essere calcolato facendo applicazione dei criteri risarcitori dettati dall'art. 42-bis D.P.R. n. 327/2001 e dunque in una somma omnicom... _OMISSIS_ ...l 5% annuo del valore degli immobili.

Il danno da occupazione illegittima di terreno privato può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42-bis, comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, per il caso di emanazione dell’atto di acquisizione. Quanto alla determinazione del valore venale del bene, da valutarsi unicamente per definire il parametro per la determinazione del danno patrimoniale da illegittima occupazione, tenuto conto della destinazione urbanistica dell’area, si deve utilizzare il metodo di stima diretta (o sintetica), che consiste nella determinazione del più probabile valore di mercato di un bene mediante la comparazione di valori di beni della stessa tipologia di quello oggetto di stima (atti di compravendita di terreni finitimi e simili), quanto all’accertamento del val... _OMISSIS_ ... Occorre poi devalutare e rivalutare annualmente i valori medi a mq., secondo gli indici dell’andamento dei prezzi del mercato immobiliare pubblicati nei siti internet delle maggiori e più accreditate società di studi e di osservatori del mercato immobiliare, per comprendere il periodo che va dall’inizio dell’illegittima detenzione fino all’attualità; su tali ultimi valori -devalutati al momento dell’illegittimo possesso e aggiornati all’attualità-, vanno computati, a titolo di risarcimento del danno dovuto, come detto, gli interessi nella misura del 5% per ogni anno di occupazione illegittima.

Il risarcimento del danno per il mancato godimento dei terreni a cagione dell’occupazione illegittima, il risarcimento può essere calcolato - in difetto della prova rigorosa di diversi ulteriori profili di danno - facendo applicazione, in via equitativa, dei criteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis t.u. espr., e dunqu... _OMISSIS_ ...pari al 5% annuo del valore del terreno.

Il valore venale del bene, da valutarsi unicamente per definire il parametro per la determinazione del danno patrimoniale da illegittima occupazione (pari al 5% annuo) va devalutato e rivalutato secondo gli indici dell’andamento dei prezzi del mercato immobiliare pubblicati nei siti internet delle maggiori e più accreditate società di studi e di osservatori del mercato immobiliare.

Per quanto concerne il quantum dovuto per risarcimento danno da illegittima occupazione, vanno presi a riferimento i criteri individuati dal legislatore nell’ambito dell’art. 42 bis TU espropri 327/2001: 5% annuo del valore venale dei terreni occupati al 31 dicembre di ogni anno di occupazione illegittima, rivalutati alla data della sentenza. Tale somma andrà incrementata da interessi e rivalutazione.

Il danno risarcibile da occupazione illegittima va rapportato non già alla perdita della proprietà d... _OMISSIS_ ... al privato, che giammai può ritenersi espropriato del suo diritto dominicale in forza di un fatto illecito, e che, quindi, giammai ha perduto la proprietà del bene medesimo, di cui va disposta la restituzione, bensì alla sua occupazione illegittima, secondo il criterio forfettario di liquidazione descritto dall’art. 42 bis, comma 3, del d.p.r. n. 327/2001, ossia in base al saggio di interesse del 5%, da applicarsi per ogni anno di occupazione illegittima sul valore venale del terreno (il quale andrà calcolato utilizzando il metodo di stima diretta o sintetica, che consiste nella determinazione del più probabile valore di mercato di un bene mediante la comparazione di valori di beni della stessa tipologia di quello oggetto di stima – quali atti di compravendita di terreni finitimi e simili – e andrà devalutato e rivalutato annualmente secondo gli indici dell’andamento dei prezzi del mercato immobiliare pubblicati nei siti internet delle mag... _OMISSIS_ ...reditate società di studi e di osservatori del mercato immobiliare). Trattandosi di un debito di valore, infine, sulla somma così ottenuta dovranno essere corrisposti interessi legali e rivalutazione, anno per anno, sino alla data di liquidazione dell'importo così determinato.

In caso di occupazione sine titulo di un terreno privato va rigettata la domanda di risarcimento dei danni conseguenti alla perdita del diritto di proprietà, atteso che, a seguito dell'espunzione dall'ordinamento dell'istituto dell’occupazione ...


...continua.  Qui sono visibili 14000 su 44700 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto). Possono essere presenti sintesi ripetitive o similari, derivanti da pronunce di contenuto ripetitivo o similare. 

Acquista per soli 10,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo

Autore

Accordino, Salvatore

Avvocato, funzionario legale - Responsabile di servizio presso Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Provveditorato OO.PP. Sicilia Calabria