Giurisdizione in materia di distanze tra le costruzioni
GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> ART. 133 LETT. F) C.P.A. --> DISTANZE TRA COSTRUZIONI

Il ricorso proposto nei confronti di un Comune per l’annullamento di una concessione edilizia ottenuta dal vicino in asserita violazione delle norme sulle distanze legali investe un rapporto pubblicistico con l’ente territoriale e tutela un interesse legittimo all’uso del potere urbanistico in modo conforme a legge, di talché la relativa controversia rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo.

I proprietari di fabbricati vicini possono chiedere il rispetto delle norme che prescrivono distanze tra le costruzioni innanzi al giudice ordinario, allorquando la controversia sia instaurata nei soli confronti di altri soggetti privati, vertendosi in tal caso su questioni di diritto soggettivo, ovvero innanzi al giudice amministrativo quando sia contestata la legittimità del titolo abilitativo rilasciato in vio... _OMISSIS_ ...sulle distanze, vertendosi in tal caso in tema di interessi legittimi.

In caso di violazione della distanza dalle pareti finestrate, appartiene al giudice amministrativo la giurisdizione sulla controversia insorta tra il privato e l’Amministrazione, per avere il primo impugnato il titolo abilitativo al fine di ottenerne l’annullamento nei confronti della seconda.

La controversia in cui è dedotta l'illegittimità del permesso di costruire in sanatoria per violazione delle distanze legali attiene al rapporto pubblicisticoA con l’amministrazione comunale, e viene azionata al fine di tutelare una posizione di interesse legittimo: di conseguenza, la giurisdizione è del G.A..

La controversia derivante dall’impugnazione di un permesso di costruire da parte del vicino che lamenti la violazione delle distanze legali costituisce una disputa non già tra privati, ma tra privato e pubblica amministrazione, nella... _OMISSIS_ ...del primo si atteggia a interesse legittimo, con conseguente spettanza della giurisdizione al giudice amministrativo.

I proprietari di fondi finitimi possono chiedere il rispetto delle norme che prescrivono distanze tra le costruzioni innanzi al giudice amministrativo quando intendano contestatare la legittimità del titolo abilitativo rilasciato in violazione delle norme sulle distanze.

Anche laddove si lamentino la violazione delle distanze fra fabbricati e tra vedute, la reazione avverso il potere dell’amministrazione di rilasciare la concessione non può che dirigersi nei confronti dell’amministrazione e trova la sua naturale sede presso il giudice amministrativo, titolare in materia della giurisdizione esclusiva per effetto dell’art. 35 d. lgs. 80 del 1998 e successive modificazioni.

GIUDIZIO --> GIURISDIZIONE E COMPETENZA --> DISTANZE TRA COSTRUZIONI

Le controversie tra proprieta... _OMISSIS_ ...ini, aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini, appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario, essendo anche a tale materia applicabile il principio secondo il quale nei rapporti tra privati non si pone una questione di giurisdizione, essendo la posizione di interesse legittimo prospettabile solo in rapporto all'esercizio del potere della P.A., che, invece, in tali controversie non è parte in causa.

La giurisdizione del giudice ordinario sussiste in caso di violazione delle norme del regolamento edilizio locale disciplinanti solo l'altezza, in sé, degli edifici, ossia senza considerare la distanza intercorrente tra i fabbricati.

In materia di rispetto delle distanze legali tra costruzioni, la giurisdizione del giudice ordinario postula che la lite si svolga tra privati, l'uno dei quali pretenda la reintegrazione del suo diritto che assume leso d... _OMISSIS_ ...guita dal proprietario finitimo in violazione delle norme legislative o regolamentari in materia di distanze; in tal caso, il giudice ordinario ben può accertare, "incidenter tantum", l'eventuale illegittimità della concessione edilizia al fine di disapplicarla.

Le controversie tra proprietari di fabbricati vicini relative all'osservanza di norme che prescrivono distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario, senza che rilevi l'avvenuto rilascio del titolo abilitativo all'attività costruttiva, la cui legittimità potrà essere valutata "incidenter tantum" dal giudice ordinario attraverso l'esercizio del potere di disapplicazione del provvedimento amministrativo, salvo che la domanda risarcitoria non sia diretta anche nei confronti della P.A. per far valere l'illegittimità dell'attività provvedimentale, sussistendo in questo caso la giurisdizione del giudice amministrativo.|CRLF... _OMISSIS_ ...versie concernenti le distanze fra costruzioni o di queste dai confini sono assoggettate al regime della doppia tutela. Il soggetto, che assume di essere stato danneggiato dalla violazione delle norme in materia, è titolare, da un lato, del diritto soggettivo al risarcimento del danno o alla riduzione in pristino nei confronti dell’autore dell’attività edilizia illecita (con giurisdizione del giudice ordinario) e, dall’altro, dell’interesse legittimo alla rimozione del provvedimento invalido dell’Amministrazione, con cui tale attività sia stata autorizzata, consentita e permessa, da far valere di fronte al giudice amministrativo.

Le controversie tra proprietari di fabbricati vicini aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini, appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario, essendo anche a tale materia applicabile il principio secondo... _OMISSIS_ ...ti tra privati non si pone una questione di giurisdizione, essendo la posizione di interesse legittimo prospettabile solo in rapporto all'esercizio del potere della P.A., che, invece, in tali controversie non è parte in causa.

Nelle controversie tra proprietari di fabbricati vicini aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini non rileva l'avvenuto rilascio di concessione edilizia, atteso che il giudice ordinario, cui spetta la giurisdizione, vertendosi in tema di assunta violazione di un diritto soggettivo, può incidentalmente accertare l'eventuale illegittimità della concessione edilizia medesima, onde disapplicarla.

Nelle controversie relative al rispetto delle distanze legali tra costruzioni, la giurisdizione del giudice ordinario presuppone che la lite si svolga tra privati, l'uno dei quali pretenda la reintegrazione del suo diritto di proprietà, che a... _OMISSIS_ ...truzione eseguita dall'altro in violazione delle norme legislative o regolamentari in materia edilizia. In tal caso, il suddetto giudice, vertendosi in tema di assunta violazione di un diritto soggettivo, può incidentalmente accertare l'eventuale illegittimità della concessione edilizia, al fine di disapplicarla.

Sussiste la giurisdizione dell'a.g.o. sulle controversie tra proprietari relative alla violazione delle distanze legali tra le costruzioni o rispetto ai confini, trattandosi di controversie tra privati, anche quando la violazione denunciata riguardi una costruzione realizzata in conformità ad una concessione edilizia asseritamente illegittima, potendo il giudice ordinario accertare incidentalmente tale illegittimità e disapplicare l'atto.

Nella valutazione della norma applicabile in materia di violazione di distanze tra costruzioni e data l'integrazione ab externo dell'art. 873 c.c., ad opera della norma edilizia regolamentare,... _OMISSIS_ ...ce del merito la competenza a conoscere ed applicare l'anzidetta norma.

Le controversie tra proprietari di fondi finitimi in tema di rispetto delle distanze legali, investendo posizioni di diritto soggettivo, appartengono sempre alla giurisdizione del giudice ordinario, anche quando la violazione denunciata riguardi una costruzione realizzata in conformità ad una concessione edilizia eventualmente illegittima, potendo il giudice ordinario accertare incidentalmente tale illegittimità e disapplicare l'atto.

Le controversie tra vicini aventi ad oggetto questioni relative all'osservanza di norme che prescrivano distanze tra le costruzioni o rispetto ai confini, appartengono alla giurisdizione del G.O., essendo anche a tale materia applicabile il principio secondo il quale nei rapporti tra privati non si pone una questione di giurisdizione, essendo la posizione di interesse legittimo prospettabile solo in rapporto all'esercizio del potere de... _OMISSIS_ ..., in tali controversie non è parte in causa. Né rileva l'avvenuto rilascio di concessione edilizia, atteso che il G.O. può incidentalmente accertare l'eventuale illegittimità della concessione edilizia medesima, onde disapplicarla; mentre la giurisdizione del G.A. è al riguardo configurabile allorché la controversia sia insorta tra il privato e la P.A., per avere il primo impugnato detta concessione al fine di ottenerne l'annullamento nei confronti della seconda.

Sussistono nel nostro ordinamento ipotesi di doppia tutela in relazione a possibili violazioni della disciplina vigente in materia di distacco delle costruzioni dai confini del fondo ovvero da altre costruzioni, a seconda che si agisca nei riguardi del confinante o...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 11643 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo